Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

La Santa Madre di Dio insiste….

images 5

Padre Nicholas Gruner
(1942-2015)

Padre Nicholas Gruner, STL, STD (Can.), è stato il direttore fondatore dell’International Fatima Rosario Crusade (meglio conosciuta come The Fatima Center), il più grande apostolato del mondo dedicato alla promozione della consapevolezza e dell’obbedienza al Messaggio di Nostra Signora di Fatima.

Padre Gruner è nato a Montreal, Canada, dove ha anche iniziato i suoi studi superiori, conseguendo una laurea in Commercio presso la McGill University. Procedendo alla Pontificia Università San Tommaso d’Aquino in Roma (l’Angelicum), conseguì la Laurea Magistrale e la Licenza in Sacra Teologia, completando anche con il massimo dei voti tutti i corsi per il Dottorato in Sacra Teologia. 

Padre Gruner fu ordinato sacerdote il 22 agosto 1976. Nel 1978, con il permesso del suo vescovo, iniziò il suo impegno a tempo pieno nell’Apostolato di Nostra Signora, carica alla quale lavorò – instancabilmente, senza paura e disinteressatamente, per amore di Gesù Cristo, per l’onore del Cuore Immacolato di Maria, e per il bene delle anime, fino alla sua morte inaspettata, avvenuta il 29 aprile 2015, all’età di 39 anni da sacerdote, e pochi giorni prima di compiere 73 anni. 

Nel corso dei suoi 37 anni alla guida dell’Apostolato, e come custode ufficiale della Statua Nazionale della Vergine Pellegrina del Canada benedetta da Papa Paolo VI nel 1967, Padre Gruner è diventato una figura conosciuta a livello internazionale: il “Prete di Fatima”. Predicando e conducendo conferenze sul Messaggio di Nostra Signora in più di 500 città e 30 paesi in tutto il mondo, il Padre è stato ampiamente riconosciuto come una delle principali autorità mondiali su Fatima.

Padre Gruner usò ogni mezzo disponibile per portare il Messaggio di Fatima a quante più anime possibile. La sua rivista di punta, una rivista trimestrale chiamata the Fatima Crusader,

è stata pubblicata dall’inizio dell’Apostolato nel 1978, con una tiratura che ha raggiunto 500.000 copie, diventando così la più grande rivista al mondo dedicata al Messaggio di Nostra Signora di Fatima. 

Nel 1987, Padre Gruner iniziò a condurre il suo programma radiofonico quotidiano intitolato Heaven’s Peace Plans e nel 1989 portò per la prima volta il Messaggio di Fatima in televisione con la sua serie di documentari settimanali Fatima: The Moment Has Come, trasmessa in più di 200 città in tutto il mondo. gli Stati Uniti e il Canada. I documentari prodotti da Padre Gruner includono Heaven’s Key To Peace e The Secret Still Silenced. Fu anche nel 1989 che il braccio editoriale del Centro di Fatima, Immaculate Heart Publications, iniziò a portare il Messaggio di Fatima davanti alla coscienza pubblica, in dettagli potenti ed esaurienti, attraverso libri completi di una varietà di studiosi di Fatima, a cominciare dallo stesso libro di Padre Gruner. primo libro, Schiavitù nel mondo o Pace… Tocca al Papa. Altri titoli molto importanti e influenti che il Padre ha portato in stampa includono le edizioni in lingua inglese del fondamentale studio in tre volumi di Frère Michel, The Whole Truth about Fatima , e il suo riassunto in quattro volumi di Frère Franҫois, Fatima: Intimate Joy, World Event , così come p. Il racconto classico e commovente delle apparizioni di Joao de Marchi, La vera storia di Fatima. Altri studiosi le cui importanti opere sono state pubblicate da Padre Gruner includono Padre Paul Kramer (editore di The Devil’s Final Buttle e autore di The suicide of Altering the Faith in the Liturgy e The Mystery of Iniquity ), Christopher Ferrara ( The Secret Still Hidden, False Friends of Fatima ), e Mark Fellows ( Fatima in Twilight, Suor Lucia: Apostola del Cuore Immacolato di Maria ). Il Fatima Center continua a distribuire questi titoli in tutto il mondo a prezzi estremamente modesti, rendendone addirittura disponibili la maggior parte per la lettura online a costo zero. Nell’ottobre 1992, a Fatima, in Portogallo, Padre Gruner condusse la prima delle sue numerose Conferenze Internazionali sulla Pace di Fatima. Le successive conferenze si sono tenute a Città del Messico, Messico (1994); Roma, Italia (1996, 2001, 2010, 2011, 2012); Hamilton, Canada (1999); New York, Stati Uniti (2001); Tuy, Spagna (2006); Botucatu, Brasile (2007); Chennai, India (2008); Cascate del Niagara, Canada (2013); e Washington, DC (2015, attuazione postuma dei piani del Padre per questo evento). Le presentazioni dei relatori di questi e di molti altri eventi minori sono conservate sul sito web del Centro Fatima sia in formato video che trascrizione.

Le fatiche instancabili e apparentemente senza fine di Padre Gruner hanno portato – e continuano a portare – frutti straordinari. Non c’è dubbio che sia stata l’incessante e informata pressione che l’Apostolato di Nostra Signora ha generato e fatto esercitare sui funzionari vaticani che alla fine li ha indotti a pubblicare una parte del Terzo Segreto nel giugno 2000. Ma il frutto interiore prodotto nelle anime attraverso il Padre La decennale campagna di “far conoscere” il Messaggio vero e completo della Madonna è senza dubbio la sua più grande eredità. E sebbene impossibile da tracciare o misurare, non è stato senza segni tangibili.

Nel 1995, Padre Gruner aveva dedicato più di dieci anni di lavoro ai 25 milioni di cattolici che vivevano in India (utilizzando l’ufficio dell’Apostolato lì, attraverso il quale erano stati distribuiti letteralmente milioni di sacramentali e opere di letteratura che promuovevano la devozione alla Madonna, e innumerevoli processioni , raduni di preghiera e veglie notturne). Lo stesso Padre Gruner aveva visitato l’India in quattro diverse occasioni per portare la Statua della Vergine Pellegrina ai cari di Nostra Signora in quel paese colpito dalla povertà, attirando centinaia di migliaia di fedeli. Poi, nel 1995, Padre Gruner ricevette uno dei suoi più grandi onori e gioie — vale a dire,

Nel suo appello ai sostenitori del Centro di Fatima per consentirgli di intraprendere questa grande e tanto necessaria opera di misericordia, Padre Gruner ha detto ai suoi lettori della difficile situazione dei bambini indigenti dell’India:

“Quando vedi un bambino morire di fame o di una malattia che possiamo prevenire o curare, è qualcosa che non si può mai dimenticare. Un gran numero di neonati indiani muoiono prima del loro quarto compleanno. Ci sono letteralmente centinaia di migliaia di bambini senza casa e senza genitori che vivono nelle strade e nei vicoli dell’India. Molti sono affamati e malati. A causa della cattiva alimentazione e della mancanza di acqua potabile, farmaci e strutture mediche di base, malattie e ferite facilmente curabili in Nord America o in Europa sono spesso fatali per i corpi denutriti di questi bambini. Un’infezione come il colera o il morbillo può rapidamente diffondersi in un’area lasciando decine di migliaia di morti o infermi. Molti bambini sopravvivono solo a costo di gravi problemi di salute e carenze, tra cui malformazioni delle ossa, spine contorte,

Sotto la direzione di Padre Gruner, fu compiuto uno sforzo eroico e sostenuto per affrontare questa terribile situazione. È stata istituita una base di donatori, è stato costruito un orfanotrofio (ed è ancora in funzione oggi) ed è stato scavato un pozzo per fornire acqua potabile, non solo per gli occupanti dell’edificio, ma per l’uso dell’intero villaggio locale. Negli ultimi due decenni, e con il sostegno del Centro di Fatima, le eroiche Suore dell’Orfanotrofio del Cuore Immacolato hanno lavorato giorno dopo giorno, anno dopo anno, nell’alloggio, nell’alimentazione e nell’istruzione di 100 o più bambini alla volta. È impossibile calcolare quante vite e anime sono state salvate e migliorate attraverso gli innumerevoli atti di carità fatti lì nel nome della Madonna.

Nel 1997, è stata pubblicata la prima edizione di una biografia di Padre Gruner con il titolo di Fatima Priest , alla quale Padre stesso ha contribuito con una sezione sostanziale chiamata “In His Own Words”. Nel 2014, questa biografia era giunta alla sua quinta edizione. Infine, nell’ultimo anno della sua vita, il padre pubblicò il suo secondo libro, Verità cruciali per salvare la tua anima,

il suo dono di addio al mondo, per così dire, e un sentito ammonimento a non cadere preda della continua e diffusa perdita di fede predetta dalla Madonna di Fatima, che si è già realizzata in misura drammatica fin dai tempi del Concilio Vaticano II.

Così, anche ai giorni nostri, alcuni anni dopo la morte di Padre Gruner, il suo lavoro cruciale continua a vivere. L’Apostolato di Nostra Signora rimane la voce più importante nel mondo che annuncia il Messaggio di Fatima nella sua esatta e non diluita pienezza, nonostante la potente opposizione a quel Messaggio emanata sia dall’interno che dall’esterno della Chiesa. Con sede a Fort Erie, Ontario, con uffici in tutto il mondo, The Fatima Center gestisce più di 40 siti web (inclusi siti italiani, spagnoli, portoghesi e francesi, tutti accessibili tramite www.fatima.org ). 

Utilizzando i metodi propri di Padre Gruner per far progredire la comprensione e la consapevolezza delle richieste di Nostra Signora di Fatima da parte del pubblico, l’Apostolato continua a promuovere il Messaggio COMPLETO di Fatima e le verità Cattoliche in modo che l’urgente Messaggio di Fatima sia conosciuto, compreso e obbedito e in tal modo si realizzi il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria, che promette la pace nel mondo e la salvezza di tante anime.

download 3 4

Vedi anche: In memoria di Padre Gruner

Vedi anche: La Santa Madre insiste……Il Messaggio di Fatima

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da gianluca05

Pace: l’altra condizione della Madonna di Julio Loredo Da quando Papa Francesco ha annunciato che consacrerà la Russia (e l’Ucraina) al Cuore Immacolato di Maria, insieme a tutti i vescovi del mondo – ai quali ha rivolto un preciso appello in questo senso – tutto il mondo cattolico vive nell’attesa di questo storico evento. C’è chi, mosso da spirito pio, vede nel gesto pontificio una soluzione definitiva che metterà fine alla guerra, porterà alla conversione della Russia e al risanamento morale del mondo moderno. Altri, invece, mossi da spirito critico, vi segnalano possibili omissioni e contraddizioni. In ogni caso, bisogna rimarcare come l’annuncio di Papa Francesco – mettendo Fatima al centro degli avvenimenti contemporanei – abbia toccato una fibra profonda nell’opinione pubblica mondiale. L’atto di Francesco si collega a una precisa richiesta fatta dalla Madonna a Fatima nel 1917. Parlando ai pastorelli, la Madonna volle parlare al mondo intero, esortando tutti gli uomini alla preghiera, alla penitenza, all’emendazione della vita. In modo speciale, Ella parlò al Papa e alla sacra Gerarchia, chiedendo loro la consacrazione della Russia al suo Cuore Immacolato. Queste richieste, la Madre di Dio le fece di fronte alla situazione religiosa in cui si trovava il mondo intero all’epoca delle apparizioni. La Madonna indicò tale situazione come estremamente pericolosa. L’empietà e l’impurità avevano a tale punto preso possesso della terra, che per punire gli uomini sarebbe esplosa quella autentica ecatombe che fu la Grande Guerra 1914-1918. Questa conflagrazione sarebbe terminata rapidamente, e i peccatori avrebbero avuto il tempo di emendarsi, secondo il richiamo fatto a Fatima. Se questo richiamo fosse stato ascoltato, l’umanità avrebbe conosciuto la pace. Nel caso non fosse stato ascoltato, sarebbe venuta un’altra guerra ancora più terribile. E, nel caso che il mondo fosse rimasto sordo alla voce della sua Regina, una suprema ecatombe, di origine ideologica e di portata universale, implicante una grave persecuzione religiosa, avrebbe afflitto tutti gli uomini, portando con sé grandi prove per i cattolici: “La Russia diffonderà i suoi errori nel mondo, promuovendo guerre e persecuzioni alla Chiesa (...) I buoni saranno martirizzati. Il Santo Padre dovrà soffrire molto”. “Per impedire tutto questo – continua la Madonna – verrò a chiedere la consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice nei primi sabati. Se accetteranno le Mie richieste, la Russia si convertirà e avranno pace”. Dopo un periodo di estrema tribolazione e di terribili castighi “come non si sono mai visti” (santa Giacinta di Fatima), la Madonna promette il trionfo finale: “Finalmente, il Mio Cuore Immacolato trionferà. Il Santo Padre Mi consacrerà la Russia, che si convertirà, e sarà concesso al mondo un periodo di pace”. Ancor oggi gli esperti discutono sulla validità o meno delle varie consacrazioni fatte da Pio XII e da Giovanni Paolo II. La Madonna aveva posto tre condizioni: che la consacrazione fosse fatta dal Sommo Pontefice, che menzionasse la Russia, e che fosse fatta in unione con tutti i vescovi del mondo. In un modo o nell’altro, a tutte le consacrazioni – 1942, 1952, 1982, 1984 – mancava almeno una di delle condizioni. Dopo aver affermato perentoriamente che la consacrazione del 1984, fatta da Giovanni Paolo II, non era valida, la veggente suor Lucia aveva cambiato opinione, attestando invece la sua conformità a quanto richiesto dalla Madonna. Questa è la posizione più diffusa negli ambienti della Chiesa e fra i fedeli in generale. Non vogliamo entrare in un tema tanto complesso. Facciamo però notare che, alla Cova da Iria, la Madonna indicò due condizioni, entrambe indispensabili, perché si allontanassero i castighi con cui ci minacciava. Una di queste condizioni era la consacrazione. Supponiamo che sia stata fatta nel modo richiesto dalla santissima Vergine. Rimane la seconda condizione: la divulgazione della pratica della comunione riparatrice dei primi cinque sabati del mese. Ci sembra evidente che questa devozione non si è propagata fino a oggi nel mondo cattolico nella misura desiderata dalla Madre di Dio. E vi è ancora un’altra condizione, implicita nel messaggio ma anch’essa indispensabile: è la vittoria del mondo sulle mille forme di empietà e di impurità che oggi, molto più che nel 1917, lo stanno dominando. Tutto indica che questa vittoria non è stata ottenuta, e, al contrario, che in questa materia ci avviciniamo sempre più al parossismo. Così, un mutamento di indirizzo dell’umanità sta diventando sempre più improbabile. E, nella misura in cui avanziamo verso questo parossismo, diventa più probabile che avanziamo verso la realizzazione dei castighi. A questo punto bisogna fare una osservazione, e cioè che, se non si vedessero le cose in questo modo, il messaggio di Fatima sarebbe assurdo. Infatti, se la Madonna affermò nel 1917 che i peccati del mondo erano giunti a un tale livello da richiedere il castigo di Dio, non parrebbe logico che questi peccati siano continuati ad aumentare per più di mezzo secolo, che il mondo si sia rifiutato ostinatamente e fino alla fine di prestare ascolto a quanto gli fu detto a Fatima, e che il castigo non arrivi. Sarebbe come se Ninive non avesse fatto penitenza e, nonostante tutto, le minacce del profeta non si fossero realizzate. Per di più, la stessa consacrazione richiesta dalla Madonna non avrebbe l’effetto di allontanare il castigo se il genere umano dovesse restare sempre più attaccato alla empietà e al peccato. Infatti, fintanto che le cose staranno così, la consacrazione avrà qualcosa di incompleto. Insomma, siccome non si è operato nel mondo l’enorme trasformazione spirituale richiesta alla Cova da Iria, stiamo sempre più avanzando verso l’abisso. E, nella misura in cui avanziamo, tale trasformazione sta diventando sempre più improbabile. Applaudiamo l’atto di Papa Francesco e ci sommiamo toto corde a esso se seguirà i requisiti posti dalla Madonna a Fatima. Tuttavia, finché a questo atto non seguirà una vera e propria crociata spirituale contro l’immoralità dilagante – aborto, omosessualità, LGBT, mode indecenti, pornografia, gender e via dicendo – la semplice consacrazione della Russia – per quanto gradita alla Divina Provvidenza – non allontanerà il castigo. Mi sia permesso di sollevare un’altra perplessità, e non di piccolo peso. A Fatima la Madonna indicò, come l’elemento allora più dinamico del processo rivoluzionario che portava l’umanità verso l’abisso, gli “errori della Russia”, ossia il comunismo, che proprio nell’Unione Sovietica trovò la sua sede e fuoco di espansione. Non ci sarà una vera conversione finché questa ideologia non sarà rigettata in ogni sua manifestazione. Ora, proprio in questo campo il pontificato di Papa Francesco si è contraddistinto per la sua prossimità all’estrema sinistra: dalla vicinanza alla dittatura cubana, al sostegno ai “movimenti popolari” latinoamericani di matrice marxista, senza dimenticare i contatti col patriarca Kiryll, che della dittatura sovietica fu fedele servitore e propagandista. Anche qui, salvo miglior giudizio, ci sembra che, finché all’atto di venerdì a San Pietro non seguirà una vera e propria crociata spirituale contro il comunismo e i suoi epigoni, la sola consacrazione della Russia non fungerà da toccasana per risparmiare una catastrofe alla civiltà contemporanea. Fonte: TFP - Tradizione Famiglia Proprietà -