Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

2Il Messaggio di Fatima e L’evoluzionismo

24 / 100

Disastro mondiale ed ecclesiale, c’è una sola speranza: Fatima

download 8

Uno scritto “storico” (1978) del Padre Stefano Manelli, fondatore dei Francescani dell’Immacolata su <<Fatima Nostra Speranza>>

Anche se attualmente in minoranza, le forze del bene ci sono e operano a sostegno della Chiesa. E poi, alziamo gli occhi e guardiamo la Madonna. Ella ci ripete, materna, le parole della più alta speranza: «Infine, il mio Cuore Immacolato trionferà». Sul traguardo finale della nostra epoca c’è scritto: vittoria. Il Cuore Immacolato di Colei che «schiaccia la testa» al nemico trionferà. Sarà Lei l’artefice della vittoria, Lei che rinnoverà l’umanità e la Chiesa per un’era di pace sulla terra, convertendo la Russia ed eliminando il comunismo. Non dimentichiamoci che è stato sempre un potere della Chiesa quello di rinnovarsi. Mentre le altre civiltà o società si esauriscono con i tempi, e scompaiono, la Chiesa ha una riserva inesauribile di ripresa. Pensiamo, ad esempio, alle ricche civiltà dell’Assiria, di Babilonia, di Sparta e Atene. Finite, scomparse. La Chiesa, invece, quante volte assalita, smembrata, dissanguata, tante volte si è ripresa con forza e slancio novelli.

Pensiamo alle tremende persecuzioni dei primi secoli; pensiamo alle gravissime spaccature provocate dalle eresie dell’arianesimo e del protestantesimo; pensiamo agli assalti furiosi dell’enciclopedismo (con Voltaire), dell’evoluzionismo (con Darwin), del materialismo (con Marx-Lenin). Quante volte si è creduto di poter suonare l’ultima campana a morto per la Chiesa! E invece, la Chiesa, oppressa, si rialza più vigorosa, uccisa, risorge più viva che mai. E una legge fondamentale della vita della Chiesa la resurrezione, che si radica nel mistero della resurrezione di Cristo. La Chiesa ha questa garanzia divina che la rende impavida di fronte ad ogni oppressione e morte. Artefice della prossima resurrezione della Chiesa sarà l’immacolata con il Suo Cuore.

E‘ un dato veramente consolante che ci sostiene nel difficile cammino. Sappiamo, del resto, che l’immacolata si è fatta presente più volte e nei momenti più significativi della nostra storia, in particolare dalla metà del secolo scorso. Nel 1858, ricordiamolo, K.Marx si presentò con l’introduzione alla critica dell’Economia Politica. L’Immacolata si presentò a Lourdes. Nel 1917 uscì il Manifesto della rivoluzione bolscevica che scoppiò in Russia. La Madonna si presentò a Fatima con il suo Cuore Immacolato, e profetizzò il ruolo poderoso della Russia comunista nel mondo, come flagello di Dio per gli uomini «che hanno occhi e non vedono, hanno orecchie e non odono» (Sai 115,5-6). L’Immacolata e il suo Cuore Immacolato, contro il marxismo e leninismo. La Donna e il serpente. La Donna gli schiaccerà la testa. Ne siamo divinamente certi (Gn 3,15).

Padre Stefano Manelli, Scritti II (articoli pubblicati dal 1972 al 1988), Casa Mariana Editrice, Frigento 2010, pp. 184-194.

Evoluzionismo tentatore: “Darwin ci ha ingannati”…

Sabato 15 settembre 2012 si è svolto a Staggia Senese il 4° Giorno del Timone della Toscana: ancora una volta, ospiti di alto livello ed interessanti argomenti di cultura e di fede. Il professor Roberto De Mattei, direttore del mensile Radici Cristiane e Preside della Facoltà di Scienze Storiche dell’Università Europea di Roma, ha tenuto la conferenza dal titolo “Evoluzionismo fallito“. Il professore, già vicedirettore del C.N.R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche), ha affrontato il tema dell’evoluzionismo: oggi è molto difficile parlarne, in quanto viene insegnato nella scuole e nei mezzi di comunicazione come un dogma intoccabile scientificamente dimostrato. Egli aveva già trattato tale argomento nel libro “Evoluzionismo: tramonto di un’ipotesi” nel quale erano raccolti i contributi di scienziati di varie discipline che avevano partecipato a un convegno internazionale da lui organizzato al CNR. L’evoluzionismo è la visione filosofica secondo cui l’universo e tutta la materia sarebbero in continua evoluzione da forme imperfette a forme sempre più perfette e l’uomo farebbe parte di questo processo. Noi non ce ne accorgiamo, ma ormai le nostre idee e il nostro linguaggio sono imbevuti di questo modo di pensare. Eppure quella evoluzionista è soltanto una teoria, cioè non è dimostrata scientificamente. Secondo il metodo galileiano perché le ipotesi si trasformino in leggi universali occorre che siano sperimentabili e verificabili sempre, ovunque e da tutti. Non è mai stata provata l’ipotesi evoluzionista, secondo cui gli uomini sarebbero il prodotto di miliardi e miliardi di anni di mutazioni dalla materia inerte alla materia vivente e poi dall’essere vivente meno complesso a quello più complesso. Sarebbe come dire che, vedendo in un garage una moto accanto a una bicicletta, fossi certo che la moto è nata da trasformazioni progressive della bicicletta. L’affermazione “L’uomo deriva dalla scimmia”, ha spiegato De Mattei, è un’affermazione immaginaria, perché riguarda un passato che non è dimostrato né dal metodo scientifico, basato sulla riproducibilità, né da quello storico, basato sulle testimonianze. La trasformazione dalla scimmia all’uomo non può essere né riprodotta sperimentalmente, né testimoniata da alcuno. Sorgono infatti troppe domande che restano senza risposta: perché le scimmie esistono ancora accanto agli uomini e perché invece non c’è traccia degli ominidi, cioè degli esseri di passaggio fra la scimmia e l’uomo? E ancora: perché il processo evolutivo si è arrestato e l’uomo non evolve più? In realtà l’unica certezza che abbiamo è che non c’è minima traccia di tale processo nella realtà.

Guarda video-conferenza qui:
www.youtube.com/watch

Vedi anche: Insidious Error of Russia: Evolution with Hugh Owen

Distruggere l’evoluzione con cinque punti chiave – Il rapporto Kennedy

Vedi anche:

ENCICLICA
“HUMANI GENERIS”
DI S. S. PIO XII
“CIRCA ALCUNE FALSE OPINIONI CHE MINACCIANO
DI SOVVERTIRE I FONDAMENTI DELLA DOTTRINA CATTOLICA”

Lascia un commento