Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

8Chi prega con un eretico è un eretico

Apologetica cattolica n. 11

La religione cattolica richiede pratiche sia interne che esterne

Solo pochi giorni fa ho notato su un gruppo Facebook dedicato ai paramenti tradizionali cattolici che è stata condivisa una foto di un raduno di preghiera interreligioso che ha avuto luogo in risposta alla sparatoria alla moschea di marzo in Nuova Zelanda. Ho criticato il gruppo per aver condiviso un’immagine contraria al Primo Comandamento e in risposta sono stato bandito. Sembra che alcuni cattolici pensino che se qualcosa sembra santo, allora deve essere santo.

Tuttavia, gli eretici possono indossare bei paramenti. I farisei, come gli eretici dei giorni nostri, sono venuti in molte varietà e non tutti gli eretici hanno rifiutato tutte le pratiche cattoliche esterne. Ironia della sorte, molti “servizi” anglicani, che sono eretici e non validi come affermava esplicitamente Papa Leone XIII, esternamente sembrano più genuinamente “cattolici” di una tipica messa del Novus Ordo. Non si può giudicare un eretico dai suoi vestiti.

La fede non è definita solo da azioni esterne. L’arcivescovo Lefebvre ha giustamente criticato il Novus Ordo – anche se accompagnato dal latino, dalle posture ad orientem e dall’aspetto esteriore della pietà. Nostro Signore Gesù Cristo istituì un insieme di dottrine e stabilì la Sua unica Vera Chiesa come mezzo per realizzare la conversione delle anime e la loro salvezza. Non ha istituito gesti meramente esteriori mentre diceva ai suoi discepoli di improvvisareil riposo. E all’estremo opposto, anche il Signore non insegnò ai Suoi discepoli le parole precise per la validità sacramentale e disse loro che le loro posture, indumenti e azioni esteriori erano inutili poiché contava solo l’interno. La nostra fede non include solo preghiere sentite, opere di carità e pie devozioni, ma include anche una ricca musica liturgica, cattedrali elaborate e paramenti decorati. Questo gruppo di Facebook che ho criticato sosteneva che le immagini di bei paramenti dovrebbero essere condivise anche se mostrano vescovi cattolici che pregano insieme a eretici e stregoni pagani.

I raduni interreligiosi sono condannati dall’insegnamento cattolico

Una manifestazione di errore nel nostro mondo di oggi è l’errore pernicioso che le riunioni interreligiose siano accettabili. Ad aggravare ulteriormente questo grave errore ci sono gli errori di Papa Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI e ora Papa Francesco che hanno partecipato a tali incontri. Invece di sforzarsi di convertire le anime e conquistarle a Cristo nell’unica Vera Chiesa, al di fuori della quale nessuno si salva, hanno provocato scandalo alla roccia stessa del fondamento della Chiesa.

La posizione della Chiesa che condanna simili assembramenti è palesemente chiara. Il Concilio di Laodicea nel 365 d.C. affermò: “Nessuno pregherà in comune con eretici e scismatici”. San Cirillo d’Alessandria fece eco a questi stessi sentimenti quando disse: “È quindi illecito, profanazione e atto la cui punizione è la morte, amare l’associarsi con empi eretici e unirsi alla loro comunione”. Allo stesso modo, il Concilio di Cartagine nel V secolo decretò: “Non si devono né pregare né cantare salmi con gli eretici, e chiunque comunicherà con coloro che sono esclusi dalla comunione della Chiesa, siano essi sacerdoti o laici: sia scomunicato. “

Ma questo non è solo un antico insegnamento. Nel Medioevo il Dottore Angelico, San Tommaso d’Aquino, disse: “Sapere chi evitare è un grande mezzo per salvare le nostre anime… Pertanto, la Chiesa proibisce ai fedeli di comunicare con quei miscredenti che hanno abbandonato la fede corrompendola , come gli eretici, o rinunciandovi, come gli apostati”. E anche in tempi moderni, abbiamo le parole di Papa Pio XI in Mortalium Animos del 1928: “Venerabili Fratelli, è chiaro perché questa Sede Apostolica non ha mai permesso ai suoi sudditi di partecipare alle assemblee degli acattolici: per l’unione dei cristiani può essere promosso solo promuovendo il ritorno all’unica vera Chiesa di Cristo di coloro che ne sono separati, perché in passato l’hanno infelicemente lasciata».

Nell’ottobre 2016, Papa Francesco ha partecipato al quinto incontro interreligioso ad Assisi. Questo incontro ha coinciso con il 30 °anniversario del primo incontro del genere, avvenuto il 27 ottobre 1986. Parlando di quel grave scandalo, Mons. Lefebvre commentò con parole che continuano ad applicarsi anche oggi a tali incontri: “È demoniaco. È un insulto a nostro Signore Gesù Cristo. Chi pregheranno? Quale dio pregheranno per la pace? Quale pace possono chiedere se non stanno pregando l’unico vero Dio? Non pregheranno il nostro Signore Gesù Cristo. Gli ebrei non lo vogliono, né i musulmani ei buddisti lo vogliono. Molti protestanti non credono nella divinità di Gesù Cristo. Quale dio pregheranno? Dio si è fatto carne ed è venuto e ha vissuto in mezzo a noi per salvarci. Non abbiamo il diritto di pregare nessun altro. Se mettiamo da parte Gesù Cristo, non stiamo pregando il vero Dio. È un atto indescrivibilmente empio contro nostro Signore Gesù Cristo”. (Conferenze spirituali , 117B, 28 gennaio)

Non stanchiamoci mai di difendere con coraggio le Tradizioni della Santa Madre Chiesa anche quando le pratiche di coloro che sono nella sua gerarchia – incluso lo stesso Santo Padre – attaccano la Verità. Come rimedio, oltre ad affermare pubblicamente la verità, possiamo e dobbiamo offrire Rosari di riparazione e chiedere Messe di riparazione. Sacerdoti, per favore offrite la Messa votiva per la Propagazione della Fede ( Missa Deus Misereatur ) per implorare Dio Onnipotente di non lasciare gli infedeli, i pagani e gli eretici fuori dalla salvezza, ma invitarli tutti al pentimento e alla conversione all’unica Fede salvifica.

Gli eretici sono disponibili in tutte le varietà. Come cattolici, non possiamo giudicare semplicemente da azioni esterne. Gli uomini grandi e pii possono sembrarci poveri e abietti. E coloro che indossano i paramenti più raffinati indossati da santi e papi possono essere manifestamente eretici. Solo alla fine dei tempi il grano e la zizzania saranno completamente separati. Il nostro dovere è mantenere la Fede, vivere la Fede e difendere la Fede. E il resto lo affidiamo al Sacro Cuore di Nostro Signore e al Cuore Immacolato di Sua Madre.

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento