Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

7Riscoprire il Piano Sanitario Ideale

Riscoprire il Piano Sanitario Ideale
Riscoprire il Piano Sanitario Ideale

C’è un’idea prevalente che i piani di assistenza sanitaria siano schemi necessariamente complessi e costosi. C’era, tuttavia, un piano di assistenza sanitaria ideale in un lontano passato che era sorprendentemente semplice. Il piano non ha elencato i suoi vantaggi, metriche cliniche o dati finanziari. L’enfasi principale di questo piano non era tanto un piano , ma la cura e la salute sia del corpo che dell’anima.

Faith Wallis descrive questo piano nel suo libro intitolato Medieval Medicine: A Reader ( libro in inglese ). Guardare questo “piano sanitario medievale” è uno sguardo rinfrescante al tipo di assistenza che purtroppo manca oggi.

Proponendo come ideale un piano sanitario medievale, non si intende dire che la medicina medievale, per quanto primitiva, sia la formula ideale per il presente. La medicina medievale era avanzata per il suo tempo, ma certamente non per oggi. Tuttavia, lo spirito con cui le persone sono state trattate presenta un ideale che può e deve essere imitato.

Gli ospedali tornano alle origini

Molte persone non si rendono conto che l’ospedale come è conosciuto oggi è stata un’invenzione del Medioevo. Nascono dal desiderio di estendere la carità cristiana ai poveri e ai bisognosi. Nell’alto medioevo, gli ospedali furono collegati per la prima volta ai monasteri dove i monaci si occupavano dei malati e dei morenti. Nessun’altra civiltà è stata in grado di sviluppare qualcosa di lontanamente paragonabile.

Gli ospedali medievali fornivano cure gratuite ai poveri e ai bisognosi. Di solito erano sotto la supervisione di un ordine religioso che aveva membri con voti di povertà, castità e obbedienza. Hanno dedicato la loro vita a Dio e al servizio allegro di tutti coloro che cercavano la loro cura, compresi i non cristiani.

Non contenti di coloro che si presentavano alle loro porte, gli inservienti ospedalieri erano obbligati a uscire regolarmente per le strade e portare dentro tutti coloro che avevano bisogno di cure.

Accoglienza dei pazienti

L’accoglienza dei pazienti è stata estremamente toccante per l’ampia carità loro rivolta.

È stato fatto ogni possibile sforzo per prendersi cura dei loro bisogni spirituali. Entrando in ospedale, il paziente, quando era cattolico, si confessava e riceveva la Santa Comunione, come primo passo nel processo di guarigione. Ciò forniva una pace spirituale che spesso si ripercuoteva sulla salute fisica del corpo.

Cavalieri, Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme
L’Ordine dei Cavalieri dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme fu fondato intorno al 1023. Non era raro che i cavalieri donassero i propri letti ai malati.

Una volta ricoverato, il paziente veniva visto come un altro Cristo. Ciascuno era trattato come il padrone di casa, perché così era, secondo lo statuto dell’ospedale. Ogni bisogno veniva curato come se si servisse Cristo stesso.

Durante una visita al Jerusalem Hospital dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme da 2.000 posti letto, un chierico ha osservato: “È accaduto in diverse occasioni che quando lo spazio … si rivela insufficiente per la moltitudine dei sofferenti, il dormitorio del fratelli viene preso in carico dai malati e i fratelli stessi dormono sul pavimento”.

Chi si occupava della cura dei malati non vedeva il proprio ruolo solo come un lavoro da svolgere. Non pensavano al loro piacere o profitto. Vedevano il loro servizio come qualcosa che dava significato e scopo alla loro vita. Prendersi cura degli altri era un mezzo importante per garantire la loro salvezza.

Ottima cura

Pertanto, la cura era eccellente come poteva essere per i tempi. Furono introdotti specialisti per occuparsi di casi straordinari. I medici facevano il giro ogni giorno per controllare i progressi delle persone a loro affidate. I regolamenti richiedevano che i pazienti non dovessero mai essere lasciati senza un assistente e che gli infermieri fossero sempre in servizio sia di giorno che di notte;

L’ambiente era pulito e rinfrescante. Infatti, sulle pareti e sui soffitti dell’ospedale venivano spesso dipinte grandi opere d’arte per deliziare ed edificare i pazienti, utilizzando le stesse capacità artistiche impiegate per abbellire le chiese. Tali capolavori possono ancora essere visti oggi negli edifici che sopravvivono.

Particolare attenzione è stata prestata alla pulizia, ventilazione e comfort. Ai pazienti venivano forniti materassi puliti, lenzuola di lino bianco e “coperte soffici”. L’assistenza era così eccellente che il chierico dell’ospedale di Gerusalemme riferì che c’erano “persone ricche che fingevano di essere povere per rimanere in ospedale”.

La sollecitudine per i malati non si limitava ai medici e agli inservienti. Allo stesso modo, tutti i cristiani vedevano i malati in modo simile a Cristo. I pazienti negli ospedali ordinari erano spesso rincuorati dalle visite di persone di alto o nobile rango e di indole caritatevole. I visitatori potrebbero includere anche personaggi come Caterina di Svezia, Margherita, regina di Scozia o re San Luigi IX di Francia.

San Vincenzo de' Paoli e le Figlie della Carità aiutano orfani e bambini poveri
San Vincenzo de’ Paoli e le Figlie della Carità aiutano orfani e bambini poveri.

Una commovente reciprocità

Tuttavia, i malati non erano solo i destinatari della carità. Avevano anche i loro doveri all’interno dell’ospedale per cui estendevano la carità a coloro che li circondavano.

Memori di come Dio ascolta specialmente le preghiere dei sofferenti, ai malati, quando erano cristiani, veniva ingiunto di intercedere per i loro benefattori, le autorità e tutti i bisognosi. Per quanto potevano, loro era il dovere della preghiera, della partecipazione alla Messa e della ricezione dei sacramenti. Al calare della notte, le corsie potevano concludere la giornata con litanie in cui i “signori malati” della casa pregavano per chi aveva bisogno di preghiere. In questo modo i malati si prodigavano per ricambiare l’enorme carità loro accordata. Soprattutto, questa offerta ha dato significato e scopo alla loro sofferenza.

Fioriscono gli ospedali

Come risultato di pratiche come queste, fiorirono gli ospedali del Medioevo. Ogni diocesi e monastero fu incoraggiato ad avere annessi ospedali. Solo l’ordine benedettino è accreditato di aver fondato 2.000 ospedali. Animati da questo spirito di carità cristiana, anche i singoli, le corporazioni, le confraternite e i comuni istituirono e dotarono generosamente ospedali propri. Il risultato fu un vasto sistema di assistenza sanitaria che prevedeva la cura del corpo e dell’anima su una scala mai vista prima nella storia.

Questo imponente sistema fu in gran parte distrutto dai rivolgimenti del Cinquecento, quando la Chiesa ei suoi ospedali furono depredati e saccheggiati. L’infame soppressione dei monasteri da parte dell’inglese Enrico VIII nel 1540 soppresse anche il sistema sanitario inglese, lasciando i poveri nella miseria e ponendo fine alla costruzione di ospedali in quel paese per circa 200 anni.

Nei tempi moderni, gli ordini religiosi che un tempo si prendevano cura dei malati in questo modo ora affrontano una diminuzione dei membri poiché aderivano a correnti teologiche più “aggiornate” che si concentrano più sulla giustizia sociale donchisciottesca e “liberatrice” che sulla concreta medicina cristiana simile a Cristo cura.

Un ideale perduto che non tornerà mai più?

Con tutti i discorsi sull’aumento dei premi e dei costi sanitari, forse è tempo di riscoprire il sistema sanitario medievale ideale. Lo spirito dedicato di questa cura è così necessario di fronte alle odierne burocrazie mediche in continua espansione. Forse l’enorme numero di complessi regolamenti e mandati governativi potrebbe essere sostituito meglio dal lavoro disinteressato di uomini e donne dedicati che si limitano a trattare i malati come se ognuno fosse la Persona di Cristo stesso.

Santa Giovanna Jugan, fondatrice delle Piccole Sorelle dei Poveri
Santa Giovanna Jugan, fondatrice delle Piccole Sorelle dei Poveri. Alla sua morte nel 1879, c’erano 2.400 Piccole Sorelle sparse in nove paesi in Europa e Nord America.

Qualcuno potrebbe obiettare che un tale sistema ideale è impossibile nell’odierna epoca laica ed edonistica. Le persone semplicemente non si dedicheranno al servizio dei malati e dei bisognosi. Il piano sanitario medioevale ideale è un sogno che non riapparirà mai più.

Questo non è vero. Le congregazioni religiose come le Piccole Sorelle dei Poveri sono inondate di giovani donne giovani e allegre che si occupano degli anziani poveri nella tradizione medievale. Ironia della sorte, queste stesse sorelle sono state perseguite dal governo per il mancato rispetto dei mandati sanitari del governo che le renderebbero complici nella distribuzione di farmaci che provocano l’aborto ai loro dipendenti.

Il problema non è la mancanza di persone e nemmeno di denaro, ma la mancata presentazione dell’ideale. Il piano sanitario ideale sarà riscoperto quando la fede cristiana sarà ravvivata nella società. Fino a quando non verrà quel ritorno all’ordine, ci saranno sempre i semi di questo piano all’interno delle anime cristiane che attendono quel giorno benedetto.

John Horvat II 11 giugno 2016

Come visto in Crisis Magazine.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.