Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

7Ipnotizzato dall’orso

Il grande inganno sovietico, parte II

L’America e l’Occidente vengono massicciamente ingannati nell’attuale atmosfera di pace, disarmo e collaborazione tra Oriente e Occidente. Affronteremo un pericolo incredibile nei prossimi anni se le tendenze attuali non verranno invertite. I lettori di questo rapporto sono fortemente incoraggiati a distribuirlo il più ampiamente possibile, specialmente ai leader governativi, militari e dei media in America, nei paesi della NATO, in Sud Africa, ecc.

A causa della mancanza di spazio non siamo in grado di ristampare il rapporto completo, ma vi preghiamo di scrivere a The Fatima Crusader se desiderate una copia del rapporto completo.

di Don McAlvany, redattore di  The McAlvany Intelligence Advisor. 
Originariamente pubblicato nel MIA, maggio 1990

“L’obiettivo sovietico rimane il dominio del mondo”.  Generale Bernard W. Rogers – Comandante supremo alleato della NATO – Europa. 1979-87.

“Per sconfiggere un nemico devi prima demoralizzarlo e distruggere la sua volontà di resistere. L’arte più consumata è quella di sottomettere i tuoi nemici senza doverli combattere sul campo… Distruggi con ogni mezzo le scorte di armi dei tuoi avversari.  Sun Tsu – “L’arte della guerra” – 500 a.C

La guerra all’ultimo sangue tra comunismo e capitalismo è inevitabile. Ma oggi siamo troppo deboli per colpire. Il nostro giorno arriverà tra 30-40 anni. Ma prima dobbiamo addormentare le nazioni capitaliste con le più grandi aperture di pace e disarmo conosciute nel corso della storia. E poi, quando la loro guardia sarà abbassata, li schiacceremo con il nostro pugno chiuso.  Dimitri Manuilski – In un discorso alla Lenin School for Political Warfare a Mosca negli anni ’30.

Introduzione

Il comunismo è davvero morto? La guerra fredda è davvero finita? Gorbaciov è davvero un grande uomo di pace? L’impero sovietico è davvero nella sua crisi terminale? Perché i leader americani per oltre 50 anni hanno costantemente aiutato l’impero sovietico a crescere ed espandersi anche se i suoi leader hanno promesso di seppellirci? Le risposte a queste domande potrebbero determinare il futuro dell’umanità per generazioni, se non per secoli.

Cosa sta realmente accadendo nell’impero sovietico? Non si sta disintegrando come continua a ripetere la stampa occidentale. Sta ristrutturando, riorganizzando, riorganizzando e riarmando in preparazione alla sua spinta finale per il dominio del mondo nei prossimi cinque o dieci anni. Il comunismo  non è  morto, finché la religione marxista-leninista e il sogno di conquista del mondo sopravvivono nelle menti dei suoi leader al Cremlino. Gorbaciov  non è  un grande uomo di pace né la guerra fredda è finita finché la sua macchina militare continua a crescere fino alle dimensioni più formidabili nella storia del mondo e continua a spedire $ 15-20 miliardi di dollari in armi sovietiche all’anno in Angola, Mozambico, Libia, Etiopia, Afghanistan, America centrale e Filippine mentre alimentano una dozzina di guerre di liberazione nazionale.

Mikhail Gorbaciov  non è  un riformatore,    un liberale chiuso,   un cristiano, come ci dicono i media occidentali. È il marxista-leninista più duro dai tempi dello stesso Lenin, l’uomo che l’ex presidente sovietico Andre Gromyko ha descritto come: “Dietro il sorriso ci sono denti di ferro”. In un discorso a un folto gruppo di studenti russi [15-11-89] Gorbaciov disse: “Noi siamo per un Lenin che è vivo… Nel costruire il nostro futuro ci stiamo basando sul gigantesco potenziale intellettuale e morale dell’idea socialista legata con la teoria del marxismo-leninismo… Non vediamo motivi razionali per rinunciare alla ricchezza spirituale contenuta nel marxismo… sistema. Per raggiungere questo obiettivo, il Partito Comunista dell’Unione Sovietica ritorna alle origini e ai principi della rivoluzione [bolscevica],

Sembra un uomo che presiede alla morte del comunismo? Il Lenin adorato da Gorbaciov ha detto: “Avanziamo attraverso la ritirata”; “Quando siamo deboli, vantati della forza”; e “Quando siamo forti, fingi debolezza”. La vecchia dottrina dialettica leninista di fare due passi avanti e poi uno indietro, per confondere i propri nemici, è certamente applicata oggi dal suo discepolo Gorbaciov. I fedeli lo chiamano “socialismo scientifico”, e ovviamente Gorbaciov ha detto che non vuole scartare il socialismo ma rinnovarlo, ristrutturarlo e rafforzarlo.

A prima vista, sembra che il blocco comunista si stia sgretolando. Ma in realtà, l’Unione Sovietica ha il controllo completo del processo di liberalizzazione e sta semplicemente seguendo meticolosamente  il copione del KGB  tracciato da Yuri Andropov e dal KGB quasi dieci anni fa. Ma c’è un  secondo copione , un copione promosso dai leader socialisti occidentali da Washington a Bonn a Bruxelles, e quel copione richiede un governo socialista mondiale (il Nuovo Ordine Mondiale) entro la fine di questo decennio, che unirà le forze economiche e gli interessi politici dell’America, dell’Europa occidentale e orientale, del blocco sovietico e dell’Oriente in un gigantesco governo socialista mondiale (o dittatura).

C’è anche un  terzo copione, uno che è più difficile da definire o quantificare, ma che comunque sta venendo alla ribalta ed è il copione del Movimento New Age – un copione occulto, quasi soprannaturale che richiede un governo globale entro il 2000. Tutti e tre questi copioni (cospirazioni, se volete) hanno una data obiettivo intorno all’anno 2000 per le rispettive forme di governo mondiale; tutti e tre paralleli, si sovrappongono, cooperano e avanzano reciprocamente; tutti e tre (secondo chi scrive) sono nettamente diversi; e tutti e tre (dal punto di vista di chi scrive) hanno una dinamica malvagia, soprannaturale e satanica che li spinge avanti. Allo stato attuale delle cose, sembrerebbe che una combinazione di questi tre copioni (o cospirazioni) possa riuscire a stabilire un governo globale prima della fine di questo decennio.

Questo numero di MIA analizzerà questi tre script; analizzerà la grande strategia di inganno dei sovietici in Europa; esaminerà gli attuali sviluppi in Nicaragua; guarda il massiccio accumulo di armi sovietiche ed esplora una strategia di sopravvivenza per l’America.

I. Un racconto di tre copioni

A. La strategia sovietica in Europa

Ciò che sta accadendo oggi in Europa è un elaborato copione sovietico (scritto quasi un decennio fa) per riorganizzare la scacchiera europea in modo tale da spostare l’equilibrio del potere mondiale, o la correlazione delle forze a favore dell’Unione Sovietica entro la fine di questo decennio. Alcuni degli elementi chiave in questo script sono:

1) La Russia fingerebbe un collasso economico    In realtà è molto più forte di quanto l’Occidente sia ora  indotto  a credere, come indicherebbe qualsiasi analisi ravvicinata della sua forza e produzione militare, del suo programma spaziale, della sua produzione petrolifera, mineraria e industriale. I leader sovietici hanno semplicemente scelto di dirigere la maggior parte della loro energia economica nell’espansione militare invece che nei normali sforzi economici. La stampa sovietica e occidentale si lamentano della carenza di sapone e carta igienica, mentre il Cremlino costruisce ogni 37 giorni un sottomarino nucleare multimiliardario in titanio che il Pentagono non può permettersi.

2) La Russia dichiarerebbe il comunismo morto, la guerra fredda finita e una nuova ondata di democrazia emergente nell’Unione Sovietica e nel blocco orientale. I partiti comunisti in tutto il blocco sarebbero stati innocuamente ribattezzati [cioè socialdemocratici, ecc.], riorganizzati, riorganizzati con comunisti meno noti al vertice e le organizzazioni di polizia segreta “pubblicamente” sciolte, ma “privatamente” ribattezzate, riorganizzate e perpetuate. I gruppi politici di opposizione avrebbero potuto fiorire, ma sarebbero stati infiltrati dai comunisti e dalla polizia segreta. Le elezioni truccate si terranno con molto clamore mediatico. Va ricordato che ai comunisti piace produrre la propria competizione – una  competizione falsa  che controllano [cioè Solidarnosc in Polonia].[Ed. Nota: il nome comunismo scomparirà dalla scena e verrà adottato un nome simile a socialismo democratico. Tutti i comunisti si chiameranno “socialisti” quasi d’ora in avanti.]

3)  La cortina di ferro sarebbe stata aperta e il muro di Berlino smantellato  –  L’impatto psicologico di queste mosse sull’Occidente e l’“illusione” del crollo del comunismo furono calcolati da Andropov e soci per sradicare quasi totalmente la “percezione della minaccia” da i sovietici in Occidente.

4)  I sovietici lancerebbero la più spettacolare campagna di disarmo della storia –  “pubblicamente” facendo grandi concessioni, firmando il Trattato INF e il Trattato START, e poi barando massicciamente su questi e su tutti i trattati precedenti, professando di rispettarli. Solo l’ingenua fede occidentale negli elementi 1-3 di cui sopra attirerebbe l’Occidente a un massiccio disarmo mentre i sovietici continuerebbero il più massiccio ma clandestino accumulo di armi della storia. 

5)  I sovietici consentirebbero la riunificazione della Germania orientale e occidentale  ,  ma solo se una Germania unita diventasse neutrale, si ritirasse dalla NATO e consentisse alle truppe sovietiche di rimanere di stanza sul suo territorio. Poiché la Germania è il paese chiave nella NATO, il suo ritiro causerebbe il crollo della NATO e tutta l’Europa diventerà neutrale e finlandizzata.[Ed. Nota: la Finlandia era un paese a cui Stalin permise nel 1949 di fare tutto ciò che voleva, pur rimanendo alla mercé di Stalin (tramite vaste intimidazioni militari) come lo era qualsiasi parte del territorio sovietico. Essere alla mercé di un dittatore non può essere definito libertà nel senso politico occidentale. La Finlandia ottenne il suo status speciale grazie al permesso di Stalin e alla spada militare di Damocle che i sovietici avevano sopra la sua testa. La Finlandia vota quasi sempre con i sovietici alle Nazioni Unite. Un’Europa occidentale neutralizzata, disarmata e post-NATO sarà similmente finlandizzata.]

Una volta avvenuta la riunificazione tedesca, la Russia farà uno sforzo importante per separare politicamente, militarmente e psicologicamente la Germania dal resto dei suoi vicini occidentali.

6)  L’America sarebbe sotto pressione per ritirare tutte le sue truppe e armamenti dall’Europa occidentale    nella nuova era post-guerra fredda, post-comunista della neutralità europea. I governi e le popolazioni europee pacifiste richiederebbero un simile ritiro e la pressione dei comunisti di sinistra nei media europei e statunitensi, e il Congresso, renderebbero tale ritiro degli Stati Uniti un fatto compiuto. In effetti tale pressione in Europa e in America è già iniziata.

7)  L’America e l’Occidente entrerebbero e salverebbero finanziariamente gli stati dell’Europa orientale “appena democratizzati” e la stessa Unione Sovietica  : l’  America e l’Europa occidentale raccoglierebbero $ 40 – $ 50 miliardi all’anno per finanziare l’Europa orientale precedentemente pagata dalla Russia . L’aiuto finanziario diretto degli Stati Uniti alla Russia è già stato proposto al Congresso degli Stati Uniti e da alcuni tipi dell’establishment. I crediti delle banche statunitensi, del FMI e della Banca mondiale alla Russia stanno iniziando a fluire e nei prossimi cinque anni l’Occidente introdurrà oltre 100 miliardi di dollari in crediti e progetti imprenditoriali in Russia.

8)  I trasferimenti di alta tecnologia dall’America e dall’Occidente accelererebbero   alla luce degli elementi 1-5 di cui sopra.

Gran parte dell’alta tecnologia russa è arrivata dall’Occidente (acquistata, presa in prestito, donata, rubata, ecc.). L’America ha costruito l’acclamata fabbrica di camion Kama River per la Russia nel 1972 e Bush è impegnato oggi a modernizzarla per Gorbaciov. Produce 300.000 veicoli militari all’anno. Nixon e Kissinger hanno promosso la vendita della tecnologia americana dei cuscinetti a sfera nei primi anni ’70, che ha permesso ai sovietici di produrre missili MIRVed (a testate multiple). Lo spionaggio sovietico ha rubato il segreto statunitense del detonatore della bomba atomica e la tecnologia statunitense sui nostri sottomarini nucleari che funzionano silenziosamente. Ora i nuovi sottomarini russi funzionano silenziosamente e sono quindi difficili o impossibili da rilevare.

I sovietici non sono semplicemente caduti tecnologicamente dal camion delle rape. (Non sottovalutare mai il tuo nemico!) Guidano l’America nello spazio e in molte aree della tecnologia delle armi, e laureano dieci volte più scienziati e ingegneri rispetto all’America ogni anno. Ma  sperano di fare alcune scoperte sulle armi quantistiche negli anni ’90 nelle armi post-nucleari che si stanno attualmente sviluppando con nuove tecnologie avanzate dal Giappone, dall’Europa e dall’America – scoperte che potrebbero segnare il destino dell’America una volta per tutte. La gerarchia sovietica crede che la chiave per il dominio del mondo sia l’accesso illimitato alla scienza e alla tecnologia occidentali.

9)  La NATO e il Patto di Varsavia verrebbero sciolti  e si formerebbe una forza di sicurezza tutta europea che riunirebbe gli eserciti dell’Europa orientale e occidentale. Naturalmente, la Russia sarebbe il fattore militare dominante in un’Europa smilitarizzata, e quindi finlandizzerebbe l’equilibrio dell’Europa. L’Europa occidentale dovrebbe essere completamente denuclearizzata in questo scenario (e si sta muovendo rapidamente in quella direzione mentre scriviamo).

10)  L’Europa orientale e occidentale verrebbero fuse in un’unica casa europea comune –  Questa fusione sarebbe prima economica e poi politica. Un’Europa unita sarebbe neutrale, socialista, finlandizzata ed escluderebbe economicamente e militarmente gli Stati Uniti. La politica sovietica non ha mai esitato a cacciare gli Stati Uniti (il loro ultimo nemico) fuori dall’Europa e isolare l’America. Gorbaciov e “il copione” visualizzano un’unione socialista da Vladivostok all’Atlantico, dominata ovviamente dalla Russia.

11) La minaccia cinese al sud-est della Russia verrebbe neutralizzata dalla firma di un patto sino/sovietico di non aggressione.  Tale trattato è attualmente in fase di negoziazione e alcuni accordi parziali sono già stati firmati.

12) Con i fianchi occidentali e orientali della Russia neutralizzati, l’America esclusa dall’Europa, disarmata e demoralizzata, la Russia sarebbe libera di muoversi militarmente nel Golfo Persico per dominare i giacimenti petroliferi del Golfo Persico.  Questo fa parte della Dottrina Breznev (1973) per accaparrarsi i due forzieri da cui dipende l’Occidente: i giacimenti petroliferi del Golfo Persico ei minerali strategici dell’Africa meridionale e meridionale. Quest’ultimo potrebbe essere un fatto compiuto entro 2-4 anni e il primo entro la seconda parte degli anni ’90. Quando ciò accadrà, l’Occidente sarà in scacco matto e con ogni probabilità ne seguirà la resa de facto (sarebbe innocuamente chiamata “accomodazione”) degli Stati Uniti e dell’Occidente.[Ed. Nota: alcuni studiosi della BIBBIA lo chiamano Scenario Armageddon.]

Lo scenario in dodici parti di cui sopra è il copione del KGB per il dominio del mondo sovietico  entro la fine degli anni ’90 . È stato scritto per la prima volta da due ex funzionari del KGB: Anatoliy Golitsyn, circa un decennio fa, e pubblicato nel suo libro, NUOVE LIES FOR OLD (ora fuori catalogo) nel 1984; e Ion Pacepa nel suo libro RED HORIZONS. Questi ex agenti del KGB credono che “il copione” abbia lo scopo di salvare ed espandere la tirannia dell’Europa orientale e della Russia, trasformandola in una tirannia euro-socialista comunista; e poi in una tirannia socialista universale attraverso: 1) un’Europa unificata; 2) un mercato comune tutto europeo; e 3) finalmente un Nuovo Ordine Mondiale.

Il rapporto di D. McAlvany ha altre 2 sezioni qui, vale a dire:

B. La spinta per un nuovo ordine mondiale
C. Il governo mondiale della New Age

Ma il testo delle 2 sezioni è qui omesso per mancanza di spazio. Per ottenere una copia del rapporto completo scrivi a  The Fatima Crusader o chiama il numero 1-800-263-8160.

II. Teatri dell’inganno

“Tutte le guerre si basano sull’inganno” Sun Tsu, 500 a.C

“Di conseguenza, gli strateghi comunisti sono ora pronti ad entrare nella fase offensiva finale della politica a lungo termine… per impegnarsi in manovre e stratagemmi oltre l’immaginazione di Marx o la portata pratica di Lenin e impensabili per Stalin. Tra questi stratagemmi prima impensabili ci sono l’introduzione di  una falsa liberalizzazione nell’Europa orientale e, probabilmente, in Unione Sovietica e l’esibizione di una falsa indipendenza da parte dei regimi in Romania, Cecoslovacchia e Polonia. Anatoliy Golitsyn dal suo libro NUOVE BUGIE PER VECCHIE — scritto nel 1984, pag. 327 e 328.

Introduzione

L’attuale leadership sovietica ha sviluppato il piano più completo e machiavellico della storia per destabilizzare l’Occidente e alla fine sconfiggerlo attraverso l’inganno sistemico. I sovietici hanno imparato che il popolo americano ha una capacità di attenzione molto ridotta, è facilmente sedotto dalle illusioni generate dai media e trova difficile individuare il camuffamento e l’inganno. Attualmente stanno creando  l’illusione  della pace, la morte del comunismo, la smilitarizzazione del blocco sovietico e l’amicizia, mentre pianificano e perpetrano esattamente l’opposto.

Come ha scritto di recente Gary Moes nel CHALCEDON REPORT (PO Box 158, Vallecito, CA 95251): “Circa 30 anni fa, un congresso di tutti i partiti comunisti del mondo ha deciso di resuscitare una strategia che Lenin ha attuato con sorprendente successo nel disarmare moralmente e fisicamente il oppositori interni ed esterni del suo programma. La strategia, concepita dalla sua polizia segreta, era la disinformazione: la rappresentazione deliberatamente falsa delle vere condizioni e pratiche del mondo comunista per suscitare reazioni desiderate dal mondo non comunista. In periodi di vera debolezza e crisi all’interno del mondo comunista, l’immagine accuratamente elaborata era quella di forza aggressiva ed espansione, e tutta la pratica comunista era orientata a creare quell’immagine. In periodi di reale forza e solidarietà all’interno della leadership comunista, il sistema è stato descritto come debole.

“Per dissipare le barriere poste dal colosso militare/industriale in Occidente, il blocco sovietico doveva essere dipinto come amante della pace e sulla strada della convergenza ideologica con l’Occidente – in breve, non più una minaccia. Così le spinte massicce e al disarmo degli ultimi anni. Per disarmare le democrazie, dovevano esserci prove convincenti che si stava percorrendo la strada democratica. E per convincere il mondo che le forze per la democrazia erano reali, ci sarebbe dovuta essere, per un certo tempo, resistenza dall’alto, persino finta capitolazione.

“Questa strategia è stata dettagliata e completa, quasi oltre ogni immaginazione, e gli attuali rapidi eventi nel blocco orientale sono il culmine di lunghi anni di attenta pianificazione e abile manipolazione. La portata dell’inganno e i suoi obiettivi dettagliati sono noti (sebbene in gran parte ignorati) da diversi anni, grazie alle rivelazioni di una manciata di insider chiave e ben informati che hanno disertato in Occidente, in particolare l’ex ufficiale del KGB Anatoliy Golitsyn e l’ex capo dei servizi segreti rumeni Ion Pacepa. Entrambi hanno scritto denuncia allarmanti del programma di disinformazione; NEW LIES FOR OLD di Golitsyn (Dodd, Mead & Co., 1984) e RED HORIZONS di Pacepa (Regnery Gateway, 1988). Un nuovo libro di Edward Jay Epstein, DECEPTION (Simon e Schuster, 1989),

“Golitsyn, scrivendo la maggior parte del suo lavoro prima della morte di Breznev, ha predetto nei minimi dettagli gli eventi attuali, che ha descritto come il culmine di un lungo periodo di massicci inganni.

“Nel suo libro del 1984 scrisse: ‘Certamente, i prossimi cinque anni saranno un periodo di intensa lotta. Sarà contrassegnato da una grande offensiva coordinata volta a sfruttare il successo del programma di disinformazione strategica negli ultimi 20 anni e ad approfittare della crisi e degli errori che ha generato nelle politiche occidentali verso il blocco comunista. L’obiettivo generale sarà quello di determinare un cambiamento importante e irreversibile nell’equilibrio del potere mondiale a favore del blocco sovietico come preliminare all’obiettivo ideologico finale di stabilire una federazione mondiale di stati comunisti… Accettazione occidentale della nuova “liberalizzazione” come autentico creerebbe condizioni favorevoli per la realizzazione della strategia comunista per gli Stati Uniti, l’Europa occidentale e, forse, anche il Giappone.’”

Il rapporto di D. McAlvany ha 7 sezioni estremamente importanti qui, vale a dire:

II.TEATRI DELL’INGANNO

A. Inganno in Polonia
B. Inganno in Romania
C. Inganno nella Germania dell’Est
D. Inganno in Cecoslovacchia
E. Inganno in Afghanistan e Angola


III. IN NICARAGUA IL COMUNISMO È DAVVERO FINITO?

A. Chi è Violeta Chamorro e può trasformare il Nicaragua?
B. I sandinisti cederanno davvero il potere?


Ma il testo di queste 7 sezioni è qui omesso per mancanza di spazio. Per ottenere un rapporto completo scrivi a  The Fatima Crusader  o chiamaci al numero 1-800-263-8160.

III. Il comunismo è davvero alla fine in Nicaragua?

C. Conclusione

Oltre all’esercito, i sandinisti possono anche continuare a controllare il ministero dell’Interno, che è responsabile della polizia segreta comunista (cioè il comando sandinista per la sicurezza dello Stato). I sandinisti avranno il 40% del Parlamento, e potranno così bloccare eventuali modifiche costituzionali. Hanno già votato l’amnistia totale per i loro furti, omicidi e altre atrocità e hanno legalizzato la confisca di oltre 10.000 case durante gli anni ’80 da parte di migliaia di funzionari del partito sandinista. Controlleranno l’esercito, avranno il controllo almeno parziale della polizia segreta e, quindi, eserciteranno ancora un controllo importante sul paese.

I Sandinisti controllano le seguenti istituzioni in Nicaragua: 1) L’Esercito; 2) La milizia; 3) La polizia – sia segreta che palese; 4) i Comitati di Difesa della Rivoluzione  ,  che da un decennio spiano la popolazione e distribuiscono tessere annonarie; 5) Le agenzie di intelligence; 6) Il sindacato; 7) La folla di strada; 8) Le stazioni televisive; 9) Le scuole e il sistema educativo; e 10) Tutti i dipartimenti governativi: commercio, giustizia, istruzione, ecc. I comunisti non rinunceranno rapidamente, se non mai, al controllo di questi gruppi. Attraverso le loro tattiche tradizionali di agitazione, sovversione e manipolazione rimarranno una potente quinta colonna all’interno del Nicaragua fino a quando non potranno riportare la loro rivoluzione al potere totale – ma solo dopo che i massicci aiuti economici degli Stati Uniti sono arrivati ​​in Europa orientale.

IV. Il potenziamento militare sovietico contro il disarmo occidentale

“Le proposte per la riduzione della forza nucleare e convenzionale fluiscono liberamente dai funzionari sovietici. Speriamo che alla fine portino a qualcosa di buono. D’altra parte,  le tendenze del mondo reale  nel dispiegamento di armi nucleari strategiche sovietiche – il tipo che minaccia direttamente gli Stati Uniti – hanno poca o nessuna somiglianza con le parole rassicuranti di Mikhail Gorbaciov. Maggiore Generale Henry Mohr (US Army Ret). 3 marzo ’89.

“Da quando Gorbaciov è entrato in carica, i sovietici hanno schierato più carri armati e pezzi di artiglieria di quanti ne esistano attualmente negli eserciti combinati di Gran Bretagna, Francia e Germania Ovest”. Generale James Galvin, Comandante Supremo Alleato in Europa.

“I sovietici sperano che le loro riduzioni riducano la  percezione occidentale di una minaccia sovietica, rafforzando al contempo la realtà di quella minaccia. Ciò è coerente con le affermazioni di Gorbaciov secondo cui l’obiettivo della politica glasnost di Gorbaciov è “eliminare il nemico dell’URSS”. Eugene Rostow, Presidente, Comitato sul pericolo attuale, 5 settembre ’89.

La potenza militare e la superiorità sovietiche su Stati Uniti, NATO e Occidente combinate sono formidabili e in crescita, nonostante la  percezione  della pace, del disarmo, della morte del comunismo, della fine della guerra fredda e della disgregazione dell’impero sovietico. Oggi, l’Armata Rossa sovietica è la più forte e meglio equipaggiata del mondo con armi moderne, un fatto che qualsiasi alto funzionario militare o dell’intelligence al mondo (se può parlare liberamente) riconoscerà. Mentre l’America investe annualmente il 6% del PNL nella difesa, ei nostri alleati circa la metà,  i sovietici spendono uno sbalorditivo 18% .

Supremazia militare sovietica

– AGGIORNAMENTO 1990 –

 NOIURSS
1. Lanciatori di missili balistici intercontinentali1.0001.448 (più 200 SS-16 nascosti)
Lanciatori di missili balistici intercontinentali pesanti0820 più
2. I lanciatori di missili balistici intercontinentali si ricaricano/riaccendono01.448 (più 200 SS-16 nascosti)
3. Testate ICBM2.4507.000 a 8.200
4. Le testate ICBM si ricaricano/riaccendono07.000 a 8.200
5. Testata ICBM controforza2.0006.140 a 7.372
6. L’ICBM di controforza ricarica/riaccende le testate06.140 a 7.372
7. Sottomarini con missili balistici3770
8. SLBM intercontinentali0738
9. Testate SLBM a raggio intercontinentale04.026
10. SLBM totali (missili balistici Sea‑Launch)4561.030
11. Totale testate SLBM5.2004.308
12. Sottomarini missilistici da crociera101256
13. SLCM stimati (missili da crociera Sea‑Launch)400‑6003.000 a 6.000
14. Bombardieri intercontinentali244535
15. Armi da bombardiere2.3883.210
16. Veicoli di consegna intercontinentali totali1.9002.920
Totale testate intercontinentali11.18215.188 a 16.420
17. Peso di lancio del missile balistico onlinestimato 4,4 milioni di libbrestimato 12,4 + milioni di libbre
18. Età predominante dei sistemi strategicimedia 20 annimedia di 4 anni o meno
19. SAM strategici stimati013.000
20. ABM (missili antibalistici)*0100 (più circa 8.000 ABM strategici stimati con capacità ABM nascoste)
21. SAM stimati con capacità ABM08.000
22. Aereo intercettore182.200
23. Radar di difesa aerea1177.000 più
24. Sistemi ASAT operativi06 tipi di sistema
25. Satelliti per il rilevamento di sottomarini sommersi0stimati 2 tipi di sistema
26. Percentuale di ICBM difesi da ABM0stimato dal 60% all’80%
27. Moderni impianti di produzione di armi chimiche022
28. Moderne armi chimiche0rivendicato 50.000 tonnellate di agente
29. Armi biologiche0stazza incerta
30. Divisioni di combattimento31214
31. Navi da battaglia della marina546914
32. Aerei d’attacco2.8138.250
33. Carri armati22.22470.000
34. Portaerei corazzati33.00078.600
35. Tubi di artiglieria11.00060.850
36. Siti di lancio di missioni spaziali militaricirca 10più di 150
37. Lanci spaziali all’annocirca 10circa 100
38. Rapporto tra il peso del carico utile sovietico e il peso del carico utile statunitense in orbita all’anno1:55:1
39. Rapporto di lanci di satelliti da ricognizione sovietici all’anno1:55:1
40. Test ICBM all’annomeno di 10stimato 150
41. Missili balistici tattici a corto raggio1001.600
42. Velivolo da consegna nucleare tattico2.8138.250

* Il Joint Chiefs of Staff Military Net Assessment del 1990 prevede che nel 1993 l’URSS avrà 500 lanciatori ABM dedicati rispetto ai 100 consentiti dal trattato Nixon-Breznev ABM. L’attuale produzione di massa sovietica di lanciatori ABM aggiuntivi per il dispiegamento a livello nazionale (molto più di quanto richiesto per l’aggiornamento del sistema ABM di Mosca) è indicata dall’analisi JCS.

Fonti:  potere militare sovietico, 1989; Rapporto annuale al Presidente e al Congresso, 1990; Rapporti del presidente al Congresso sulla non conformità del controllo degli armamenti sovietici; Capacità militari sovietiche, 1986; Documenti DOD e ACDA, 1984; e stampa varia.

Un recente rapporto della Defense Intelligence Agency (DIA) indica che i sovietici hanno più di 5,5 milioni di persone sotto le armi (incluse 530.000 truppe di sicurezza interna) rispetto ai 2,1 milioni di americani sotto le armi. Diverse centinaia di migliaia di militari sovietici si trovano anche a Cuba, Libia, Vietnam, Angola, Etiopia, Nicaragua, Perù, Laos, Cambogia, India, Afghanistan, Iraq, Kuwait e almeno 14 località in Africa secondo il rapporto. Il rapporto indica anche che i sovietici possiedono 620 bombardieri nucleari contro i 244 degli Stati Uniti (molti dei quali hanno 30 anni, bombardieri B-52 quasi obsoleti). I sovietici stanno attualmente producendo 45 nuovi bombardieri e 700 nuovi aerei da combattimento all’anno.

I sovietici stanno continuando il loro rapido dispiegamento (a centinaia) del missile mobile su rotaia SS-24 e del missile mobile stradale SS-25. Il 29 marzo 1990, i senatori Malcolm Wallop, Jesse Helms e Steve Symms scrissero al presidente Bush sfidandolo su quattro gravi violazioni del Trattato INF sovietico. Uno di questi include la consegna segreta di 120 missili SS-23 sovietici schierati segretamente con gli eserciti della Germania dell’Est, della Cecoslovacchia e della Bulgaria. Inoltre, recentemente i sovietici per un periodo di tre settimane hanno negato agli Stati Uniti i diritti di monitoraggio del trattato INF su tre vagoni missilistici sovietici presso la fabbrica missilistica sovietica di Votkinsk e hanno rifiutato di consentire il funzionamento del nostro sistema a raggi X di scansione del carico. L’amministrazione Bush ha ammesso con riluttanza sotto interrogatorio che ci sono stati 300 violazioni tecniche e di altro tipo del Trattato INF da parte dei sovietici dal 1988.

La costruzione navale di Mosca continua ad accelerare, con quattro grandi, moderne, nuove portaerei; 7.000 navi della marina mercantile (praticamente tutte attrezzate per lo spionaggio elettronico e altri usi militari); una flotta di 450 sottomarini ora in fase di aggiornamento con un gran numero di sottomarini avanzati Typhoon e Delta IV e nuovi sottomarini d’attacco a propulsione nucleare Akula Sierra armati di missili da crociera a punta nucleare SSN-21 Samson. La Marina sovietica è attualmente in fase di sviluppo e schiererà negli anni ’90 sottomarini in grado di immergersi a oltre un miglio di profondità con velocità di 50-100 nodi; siluri ad alta precisione che viaggiano a velocità di 200-300 nodi; missili da crociera lanciati dal mare con una portata di oltre 1.600 miglia nautiche; missili di difesa aerea su sottomarini; e velivoli verticali a decollo e atterraggio corto su sottomarini.[Ed. Nota: nei prossimi 10-20 anni, la guerra sottomarina sarà la forma di guerra più efficace e pericolosa (perché i sottomarini sono così difficili da rilevare e da cui difendersi). Al momento della stesura di questo documento, l’Unione Sovietica ha oltre due dozzine di sottomarini nucleari dispiegati al largo della costa orientale e occidentale degli Stati Uniti e nel Golfo del Messico con missili nucleari puntati sulle principali città e installazioni militari americane.]

Qualsiasi disarmo navale sovietico in atto coinvolge solo navi da guerra vecchie e obsolete, prive di reale valore militare come gli incrociatori di classe Sverdlov, i veicoli di scorta portamissili di tipo Kotlen e Kanen, le fregate di classe Riga e i sottomarini di classe November, Hotel e Whisky .

I lettori di MIA  che desiderano avere una prospettiva sulla guerra sottomarina ad alta tecnologia di oggi sono incoraggiati a vedere l’eccellente nuovo film: LA CACCIA A OTTOBRE ROSSO.

Mentre durante l’amministrazione Reagan, l’America produceva solo 50 nuovi missili balistici intercontinentali, i sovietici producevano tre nuove classi di missili: 100 SS-24 con 10 testate ciascuno; 130 SS-25; e un gran numero di SS-26 illegali. I russi sono molto più avanti di noi nello spazio con due stazioni spaziali, mentre noi siamo lontani anni dalla nostra prima. La spesa per la difesa degli Stati Uniti è diminuita del 16% dal 1985, e durante lo stesso periodo le spese militari sovietiche sono aumentate del 25%, con grande enfasi sull’approvvigionamento di nuove armi. La produzione sovietica di carri armati principali T-80 avanzati e all’avanguardia, con armatura reattiva resistente ai proiettili, è ora a un ritmo di 3.500 all’anno, che si aggiunge a un vantaggio di quasi 50.000 carri armati di cui godono attualmente i sovietici sugli Stati Uniti.

Come ha recentemente dichiarato il Generale Sir Walter Walker (ex Comandante della NATO per il Nord Europa): “I carri armati più moderni dell’Unione Sovietica sono ora a terra e sono così ben corazzati da essere virtualmente indistruttibili. I carri armati della NATO non hanno la potenza di fuoco per penetrarli. Chiaramente Gorbaciov può permettersi di fare massicci tagli al numero di carri armati obsoleti del Patto di Varsavia ed essere ancora lasciato con una moderna forza di carri armati che è di gran lunga superiore a quella della NATO”.[Ed. Nota: i sovietici credono nella  qualità , nell’equipaggiamento militare ad alta tecnologia e lo producono. Ma credono anche nella  quantità  e nella dottrina militare della “preponderanza”, che significa sopraffare il nemico con un numero enormemente superiore di armi o uomini. La maggior parte dei campioni di scacchi usa il concetto di “preponderanza” per sopraffare i propri avversari.]

B. Alcuni schieramenti militari sovietici strani e minacciosi

Per una superpotenza amante della pace ( nell’era post- guerra fredda), i sovietici stanno accelerando alcuni dispiegamenti militari molto strani e minacciosi. Nella penisola di Kola (nel Nord Europa, vicino alla Scandinavia) i sovietici hanno schierato 446 aerei navali; 212 navi da guerra di superficie; 142 sottomarini; una brigata navale Spetsnaz; una brigata di fanteria navale; 2 divisioni di fucili motorizzati; 22 basi aeree; 2 basi strategiche di bombardieri nucleari; 18 aeroporti secondari; 9 basi militari; 9 basi sottomarine; e un complesso di lancio di missili nucleari da teatro. Ad opporsi a questa potenza militare sovietica ci sono 500 guardie di frontiera norvegesi. (La Norvegia rifiuta di permettere alle truppe della NATO di stazionare sul suo territorio). In tempo di guerra, i sovietici potevano abbattere la penisola scandinava in circa 48 ore, aggirando completamente l’Europa occidentale.

Anche le attività militari sovietiche dentro e intorno all’Alaska sono aumentate drasticamente negli ultimi due anni, con abbondanti prove di numerose incursioni degli Spetsnaz nel nostro stato più settentrionale. Il generale Thomas McInerney, comandante del comando aereo dell’Alaska, è stato citato in AIR FORCE MAGAZINE (febbraio ’89) dicendo che durante il 1987, 56 aerei sovietici furono intercettati nello spazio aereo dell’Alaska con un numero notevolmente aumentato nel 1988 e nell’89. Il tenente generale Jimmie V. Adams, vice comandante del comando aereo tattico degli Stati Uniti, ha dichiarato: “Ci aspettiamo di vedere la minaccia dei missili da crociera (vicino all’Alaska) crescere fino a 1.000 missili e 150 bombardieri entro il 1995”.[Ed. Nota: i sovietici stanno attualmente mostrando grande interesse per l’Alaska. Questo stato scarsamente popolato (con una popolazione inferiore a 400.000 abitanti) è strategicamente situato a poche miglia dalla Siberia e dalla terraferma sovietica. Dozzine di delegazioni d’affari, educative, culturali e politiche dalla Russia hanno visitato l’Alaska negli ultimi tre anni e lo spionaggio sovietico in Alaska è aumentato notevolmente. Gli aerei dell’Aeroflot atterrano periodicamente all’aeroporto di Anchorage. Se i sovietici dovessero mai attaccare l’America, si muoverebbero prima per occupare l’Alaska. Una piccola manciata di squadre Spetsnaz potrebbe farlo con facilità.]

Quasi due anni fa, il maresciallo sovietico Sergei Akhramreyev ha progettato un attacco missilistico simulato su Pearl Harbor e Hickam Field alle Hawaii, sparando un missile SS-26 in grado di trasportare 20 testate, 220 miglia a nord delle isole hawaiane occidentali. I funzionari della Marina degli Stati Uniti capirono che i russi stavano avvisando che in qualsiasi momento avrebbero potuto distruggere le nostre basi nel Pacifico. Altrove nel Pacifico occidentale, i sovietici stanno sostituendo i loro vecchi bombardieri TU16 e caccia MIG-23 a Cam Ranh Bay in Vietnam con bombardieri Backfire e Bear F Mod III ad alte prestazioni e caccia SU-27 Flanker e MIG-29 Fulcrum.[Ed. Nota: nel frattempo, mentre i sovietici aumentano i loro dispiegamenti militari nel sud-est e nel nord-est asiatico, l’America si sta muovendo verso la chiusura delle sue basi strategiche nelle Filippine, Clark Field e Suvic Bay, e il ritiro delle sue truppe dalla Corea del Sud.]

C. Spedizioni di armi sovietiche ai loro alleati comunisti

È molto strano che in un momento in cui il comunismo è “presumibilmente” morto, la guerra fredda sia “presumibilmente” finita e la Russia sia “presumibilmente” in bancarotta, che i sovietici stiano inviando aiuti militari annuali (per un totale di oltre $ 15,5 miliardi) di $ 4 miliardi all’Afghanistan, $ 2,5 miliardi al Vietnam, $ 6 miliardi a Cuba, $ 1,5 miliardi all’Angola e $ 1 miliardo al Nicaragua (questo secondo il senatore Orrin Hatch [R-UT]).

Hatch, (un membro del Senate Intelligence Committee) ha recentemente sottolineato che  ulteriori  miliardi di armi sovietiche, inclusi sofisticati MIG 29, elicotteri da combattimento Hind 24, elicotteri da trasporto truppe Mi-17, una miriade di missili SAM, missili SCUD, carri armati, blindati veicoli, armi leggere, ecc. vengono spediti ogni anno agli alleati sovietici in Cambogia, Mozambico, El Salvador, Etiopia, Siria, Libia, Corea del Nord e a una serie di gruppi di liberazione comunisti (vale a dire, ANC, OLP, IRA, Nuova People’s Army nelle Filippine ecc.) in tutto il mondo.

D. Dove va a finire tutto l’acciaio sovietico?

Nel 1959, l’allora senatore John F. Kennedy fu colpito da una discrepanza tra la produzione sovietica di acciaio (vale a dire, 54,9 milioni di tonnellate) e la piccola quantità di quell’acciaio usata per automobili e altri beni di consumo. Kennedy concluse che la parte del leone di quell’acciaio (cioè, probabilmente oltre il 90%) era destinata alla produzione militare, e questo avvenne in un momento in cui meno dell’1% della produzione americana di acciaio andava alla produzione di armi militari.

Nel 1989, i sovietici producevano 160 milioni di tonnellate di acciaio (più di tre volte il livello di produzione di acciaio alla fine degli anni ’50) ma producevano solo 1.217.000 automobili, utilizzando meno del 5% della produzione totale di acciaio sovietico. Si stima che altri prodotti di consumo e nuove costruzioni utilizzino solo un altro 5% circa della produzione di acciaio sovietica. DOMANDA: Dove va il resto della produzione di acciaio sovietica (vale a dire, circa 144 milioni di tonnellate all’anno)? RISPOSTA: Nella costruzione della più grande macchina militare della storia.[Ed. Nota: studia la Supremazia militare sovietica – il grafico aggiornato al 1990 sopra e saprai dove sta andando l’acciaio sovietico – sta andando nella formazione militare clandestina del Soviet.]

E. La fuga precipitosa occidentale da disarmare

“Negli affari militari, la perestrojka e la modernizzazione della tecnologia sovietica sotto il nuovo pensiero economico e un commercio più aperto tra Est e Ovest,  contribuiranno ad aumentare  la potenza militare del nostro paese…  e le proposte di disarmo sovietiche fungono da solventi per disarmare il complesso militare-industriale  della NATO. ” Generale Vladimir Kryuchkov – Capo del KGB – novembre 1989.

Come  MIA  ha scritto molte volte, l’obiettivo principale dell’attuale campagna di disinformazione glasnost/perestrojka emanata da Gorbaciov e dai leader del Cremlino è neutralizzare la NATO, vedere le truppe e le armi statunitensi ritirate dall’Europa, vedere l’Europa occidentale crollare nella neutralità e vedere l’America e l’Occidente si disarma.  I sovietici hanno proposto di ritirare dall’Europa tutte le truppe tranne 195.000, ma anche se dovessero ritirarle tutte, sono a sole 375 miglia di distanza e potrebbero tornare nel giro di 48 ore. Nel frattempo, le forze statunitensi ritirate saranno a 3.750 miglia di distanza, attraverso l’Atlantico, con gran parte dei 450 sottomarini sovietici e la potente Flotta del Nord intorno alla penisola di Kola pronti a intercettarli.

A metà marzo, i comandanti della NATO per l’Europa centrale,  citando i cambiamenti nell’Europa orientale , hanno annullato i giochi di guerra che avrebbero dovuto svolgersi nella seconda metà di marzo. A marzo, l’Islanda, uno dei principali membri marittimi della NATO, ha iniziato a sollecitare il disarmo navale, con il Primo Ministro che ha affermato che anche altri membri della NATO stanno iniziando a favorire il disarmo navale.

A febbraio, il presidente Bush ha proposto il ritiro di 105.000 soldati statunitensi dall’Europa e, a marzo, il nuovo presidente ceco, Vaclav Havel, ha proposto che  la NATO e il Patto di Varsavia fossero sostituiti da un nuovo sistema di sicurezza reciproca, comune o collettiva — fusione i membri delle forze militari della NATO e del Patto di Varsavia in un’unica grande forza militare/poliziesca tutta europea.  (Questa proposta è tanto assurda quanto fondere le potenze naziste/dell’Asse durante la seconda guerra mondiale con gli Alleati.)[Ed. Nota: “Merger” sarà il nome del gioco politicamente, economicamente e militarmente in Europa nei prossimi cinque anni, e anche in America.]

Nel frattempo, in America, il Partito Comunista degli Stati Uniti, e le sue dozzine di organizzazioni di facciata collegate, sta avviando un’intensa campagna di propaganda affinché l’America riduca drasticamente le nostre forze militari e il nostro arsenale alla luce della “morte del comunismo”, “fine del guerra fredda” e “democrazia nell’Europa orientale”. La campagna sta prendendo piede nei media statunitensi di sinistra e tra i liberali del Congresso ed è probabile che acquisisca uno slancio formidabile nei mesi a venire.

Gus Hall, il segretario generale del CPUSA, si è vantato che il Partito è più influente oggi che in qualsiasi altro momento della sua storia, perché sta convincendo il popolo americano che l’Unione Sovietica non è più una minaccia.  Nella sua pubblicazione ufficiale, si definisce la “forza interna” e il “settore interno” della rivoluzione mondiale. La sua propaganda è piena di appelli alla “conversione economica”, le sue parole per il “dividendo della pace” che sta guadagnando forza nel consenso nazionale.

Conclusione del rapporto McAlvany

La Bibbia avverte in Geremia di “guardarsi quando gli uomini gridano pace, pace, e non c’è pace” e in 1 Tess. 5:3: “Mentre le persone diranno pace e sicurezza, la distruzione verrà su di loro all’improvviso, come le doglie su una donna incinta, e non scamperanno”.

Oggi l’America e l’Occidente vengono sedotti da una delle strategie, o sceneggiature, più abilmente ingannevoli della storia. L’Unione Sovietica si sta armando più rapidamente oggi di qualsiasi altro paese nella storia mentre afferma di essere disarmante. Come disse una volta Stalin: “Le parole non hanno alcuna relazione con le azioni, altrimenti che tipo di diplomazia è? Le parole sono una cosa, le azioni un’altra. Le buone parole sono un nascondiglio per le cattive azioni. La diplomazia sincera non è più possibile dell’acqua secca o del ferro di legno.

E LENIN UNA VOLTA HA DETTO: “In guerra, non legare mai le mani a considerazioni di formalità. È ridicolo non sapere che un trattato è un mezzo per guadagnare forza… I trattati sono come una crosta di torta, fatta per essere spezzata. E Lenin aggiunse: “Loro disarmano, noi costruiamo”. Mentre l’America e l’Europa occidentale, basandosi sulle “promesse” sovietiche di buone intenzioni, stanno effettuando un massiccio disarmo, i sovietici (che possiedono la più grande e formidabile macchina da guerra della storia) continuano a costruire.

Mentre ci immergiamo verso  un nuovo ordine mondiale , instaurato o implementato dall’establishment socialista liberale americano ed europeo, o dal movimento New Age, o come crede più giustamente chi scrive, dall’incredibile supremazia militare dell’orso sovietico, il mondo sta spostandosi nei due anni successivi verso il suo momento più pericoloso dal 1938, quando ci trovammo nel conto alla rovescia per la seconda guerra mondiale.

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento