Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

6Il grande inganno sovietico

Questo articolo è tratto dal numero di dicembre 1989 di  The McAlvany Intelligence Advisor.  Editore: Donald S. McAlvany.

“Da parte mia, qualunque angoscia di spirito possa costare, sono disposto a conoscere tutta la verità, a conoscere il peggio e a prepararmi”. – Patrick Henry, 1776

“Il problema immediato per l’America non è sicuramente il comunismo, ma il potere sovietico. L’URSS esercita la più potente istituzione militare mai assemblata, in tandem con un vasto edificio di disinformazione, misure attive e agenti di influenza, che consentono ai sovietici di manipolare l’opinione mondiale a piacimento. Oggi, in Unione Sovietica, l’ideologia comunista è morta da molto tempo. Ma l’enorme struttura militare sovietica rimane intatta e pronta all’azione”.  – Albert Jolis, direttore esecutivo, The American Foundation for Resistance International (11/89).

“Quando sei al culmine della tua forza, fingi debolezza.” – Sun Tsu.

“Il Partito Comunista degli Stati Uniti è più influente che mai, perché abbiamo creato un’atmosfera secondo cui l’URSS non è più una minaccia per l’America”.  – Gus Hall, Segretario Generale del Partito Comunista USA, in un’intervista al NEW YORK TIMES (Hall rivendica 20.000 membri e 500.000 simpatizzanti).

Introduzione

Considerando il “fattore di accelerazione”*, quando si guarda agli attuali sviluppi in Europa, e tra Oriente e Occidente, e tra America e Russia, ci si sente come in una distorsione temporale. La Guerra Fredda e il Comunismo sono stati dichiarati ufficialmente morti, l’Europa dell’Est sembra essersi disgregata, così come l’alleanza NATO, e Gorbaciov e Bush stanno parlando della nostra nuova partnership, fondendo i nostri obiettivi comuni e il Nuovo Ordine Mondiale. La pace e la fratellanza nel mondo sono finalmente arrivate? In caso contrario, cosa stiamo guardando che sta emergendo negli anni ’90? Questo numero di  MIA**  cercherà di analizzare questa valanga di eventi e trarne alcune conclusioni.

*Vedi “Il fattore di accelerazione” alla fine di questo articolo.

**MIA  =  McAlvany Consigliere dell’intelligence

A. La strategia sovietica per la conquista dell’Occidente

Non va mai dimenticato che i sovietici sono i campioni di scacchi del mondo che hanno imparato geostrategicamente a pianificare 10 – 20 mosse (o anni) in anticipo, a usare finte strategiche, inganni e sotterfugi. Le persone che J. Edgar Hoover chiamava “maestri dell’inganno” hanno imparato l’arte della guerra e dell’inganno strategico da maestri come Sun Tsu e von Clausewitz, così come da moderni geni strategici come Hitler, il presidente Mao e Lenin.

1. I sei Glasnost sovietici  –  L’attuale periodo di glasnost/perestrojka (il sesto dal 1921) è progettato per portare l’America al disarmo, per convincere l’Occidente a costruire e salvare l’Unione Sovietica economicamente e industrialmente e per neutralizzare l’Europa occidentale e sciogliere la NATO. Che questa glasnost sia un gigantesco inganno è più facile da capire se lo si guarda nella prospettiva delle prime cinque glasnost russe.

Glasnost, un concetto russo che originariamente significava pubblicità o notorietà, è diventato uno strumento efficace della politica sovietica sin dai primi giorni della rivoluzione bolscevica. Come ha scritto Edward Jay Epstein nel suo eccellente libro DECEPTION,  “Glasnost è stato usato per la prima volta da Lenin, che si è reso conto che il potere procedeva negando agli altri un velo di privacy per il loro processo decisionale. Quindi la glasnost, o “messa in onda pubblica”, divenne un’arma per il Partito Comunista… La logica era: le democrazie consentono la critica pubblica dei funzionari; l’Unione Sovietica consente critiche pubbliche ai funzionari; quindi, l’Unione Sovietica è una democrazia…

“La Glasnost ha dato credibilità ai giornali controllati dal governo che altrimenti sarebbero stati considerati portavoce del Partito Comunista. Potrebbe essere utilizzato per stabilire una serie di comodi spioncini per giornalisti, accademici e altri osservatori del Cremlino attraverso i quali potrebbero vedere immagini selezionate della società sovietica  … Lenin, per far accettare la sua rivoluzione dai governi e dalle imprese occidentali, doveva rappresentarla come qualcosa non era.”

Il primo Glasnost :  1921-1929 –  Sotto il nuovo piano economico di Lenin, convinse i governi, gli uomini d’affari e i banchieri occidentali che la rivoluzione stava “ristrutturando”, tornando al libero mercato e liberalizzando politicamente. Per nove anni sono stati versati massicci aiuti finanziari e industriali dall’Occidente. Glasnost n. 1 terminò bruscamente nel 1929 e poco dopo decine di milioni di russi andarono al muro.

La Seconda Glasnost :  1936-1937 –  Stalin suggerì a metà degli anni ’30 una ristrutturazione dell’economia sovietica lungo linee capitaliste (la chiamò “perestrojka”). Ha proclamato che l’Unione Sovietica stava tornando a un governo costituzionale di tipo occidentale, alla libertà di parola, alla libertà di riunione e al ritorno a libere elezioni con scrutinio segreto. Stalin è stato ritratto dalla stampa sovietica e poi da quella occidentale come un pragmatico, non un ideologo (suona familiare?). Roosevelt e altri leader e uomini d’affari occidentali, come il cane che risponde al campanello di Pavlov, iniziarono a versare miliardi di aiuti, crediti e commercio. Glasnost n. 2 terminò bruscamente nel 1938 , e subito dopo seguirono le brutali epurazioni conosciute come il “Grande Terrore”.

La terza glasnost :  1941-1945 –  Quando Hitler invase la Russia nel giugno 1941, la “partnership” con gli Stati Uniti fu rapidamente ripresa da Stalin. Stalin affermò ancora una volta che la fase militante del comunismo era finita; sciolse il Comintern (organo chiave per la diffusione della rivoluzione comunista internazionale). Ha promesso che dopo la guerra la Russia avrebbe acquistato un’enorme quantità di merci dall’Occidente. Tutto ciò giustificava massicci aiuti economici e militari attraverso il programma Lend-Lease (vale a dire quasi 10 miliardi di dollari).

Harry Hopkins, consigliere del presidente Roosevelt, scrisse dopo l’incontro con Stalin a Yalta nel 1945: “Credevamo davvero che questa fosse l’alba del nuovo giorno per cui avevamo pregato… i russi avevano dimostrato di poter essere ragionevoli e lungimiranti, e non c’era alcun dubbio nella mente del presidente, o di nessuno di noi, che avremmo potuto vivere e andare d’accordo pacificamente con loro per quanto lontano nel futuro potessimo immaginare.

Glasnost n. 3 terminò bruscamente nel 1945 , quando i sovietici annetterono i tre stati baltici: Lettonia, Lituania ed Estonia, nonché parti della Polonia, Romania, Prussia, Finlandia, Giappone e gran parte dell’Europa orientale. Oltre 100 milioni di persone furono ridotte in schiavitù e decine di milioni successivamente morirono.

La quarta glasnost :  1956-1959 –  Nel 1956 Krusciov lanciò un’altra glasnost basata su riforme economiche e politiche, un ritorno alla concorrenza e al libero mercato, la destalinizzazione e il ripristino della democrazia e della libertà individuale nell’Unione Sovietica. La fine del “culto della personalità” di Stalin è stata equiparata da Krusciov alla democrazia e così rappresentata dai media occidentali. La stampa sovietica iniziò a pubblicare articoli su milionari privati, imprese clandestine e un fiorente mercato nero. Ai dirigenti della chiesa russa è stato permesso di viaggiare all’estero; A Solzhenitsyn fu permesso di pubblicare le sue opere; Ai dissidenti sovietici fu permesso di avere contatti con la stampa occidentale.

Krusciov si lamentò delle inefficienze dell’economia sovietica e riferì quasi parola per parola il precedente messaggio di Stalin all’Occidente:  avere successo.” Suona familiare? Questo è quasi esattamente ciò che Gorbachev ha detto e fatto.

Quindi, tramite il suo intermediario americano Armand Hammer, Krusciov iniziò a spingere per aumentare il commercio, i crediti e gli aiuti. Alcuni erano imminenti, ma non tanto quanto in Glasnost n. 1 – n . 3. Glasnost n. arresto di massa dei dissidenti sovietici e l’erezione del muro di Berlino.

Il quinto Glasnost :  1970-1975 – La quinta glasnost è stata la distensione, iniziata da Leonid Brezhnev. Si è offerto di limitare le armi strategiche, negoziare accordi reciprocamente vantaggiosi e allentare le tensioni interne. I sovietici iniziarono le “trasmissioni pubbliche” di questioni per spiegare a un pubblico rilevante in Occidente perché avevano abbandonato il loro obiettivo precedente della rivoluzione mondiale. Il tema centrale di questa glasnost era che il governo sovietico non era più gestito da ideologi, ma da tecnocrati, che non avevano alcun interesse ad aderire alla dottrina leninista della guerra di classe. Invece, come i tecnocrati in Occidente, volevano espandere la loro base industriale. Gli obiettivi principali di questa glasnost erano ottenere maggiori aiuti e scambi dagli Stati Uniti (cosa che fecero sotto Nixon e Kissinger) e, cosa più importante, inaugurare il processo di controllo degli armamenti.

Durante questo glasnost, Breznev sembrava disposto a lasciare che i paesi comunisti dell’Europa orientale seguissero le proprie relazioni indipendenti con l’Occidente. Ha annunciato tagli unilaterali alle truppe sovietiche nell’Europa orientale. Il Trattato sui missili antibalistici del 1973 è stato uno dei trofei di Breznev da questo glasnost. La Glasnost n. 5 iniziò a perdere credibilità nel 1975,  quando il Vietnam del Nord appoggiato dai sovietici invase il Vietnam del Sud in violazione delle promesse russe a Kissinger. Negli anni successivi, numerosi arresti di dissidenti sovietici, la ripresa di azioni segrete all’estero e, infine, l’invasione dell’Afghanistan alla fine del ’79 da parte della Russia, screditarono totalmente questa glasnost.

Il sesto Glasnost :  1985-? –  Questo è iniziato sotto Gorbaciov ed è un composto dei primi cinque glasnost, sebbene sia più grande, migliore e più sofisticato di tutti i suoi cinque predecessori. E la posta in gioco è molto più alta: l’Europa occidentale e forse il mondo intero.

(NOTA DELL’EDITORE: Glasnost n. 6 avrebbe dovuto iniziare nel 1983 sotto Yuri Andropov, il brutale capo del KGB da 15 anni che è stato ritratto dalla disinformazione sovietica e dai media occidentali come un “russo alto, bello, muscoloso, di lingua inglese , che indossava abiti americani, beveva scotch americano, amante della musica classica, ecc.” – in breve, qualcuno proprio come noi (sembra familiare?). Provvidenzialmente, Andropov morì di malattia renale nel 1983, e Glasnost n. 6 dovette attendere fino a quando il protetto di Andropov, Mikhail Gorbaciov, potrebbe essere portato al potere nel 1985. Va ricordato, tuttavia, che l’attuale scenario del Glasnost n. intransigente dai tempi di Andropov, era stato nominato capo del KGB. Glasnost No. 6 è completamente orchestrato dal KGB .)

Ognuna di queste sei glasnost erano inganni strategici, accuratamente programmati dal KGB e da altri pianificatori strategici per convincere l’Occidente a fornire massicci aiuti economici e disarmare. La storia mostra che dopo ciascuna di queste glasnost, i sovietici tornarono alla loro forma: omicidi di massa, epurazioni, rivoluzioni globali, intrighi, conquista di paesi, omicidi, ecc. Infatti, dal 1961 (poco dopo la fine della Glasnost n. i paesi sono caduti a causa di colpi di stato, rivoluzioni o guerre di liberazione nazionale sostenuti dai sovietici. L’Occidente è stato ingannato cinque volte, ma l’attuale inganno di Gorbachev è il più grande e il più pericoloso di tutti.

2. L’attuale strategia di Gorbaciov  –  Gorbaciov e i suoi brillanti sceneggiatori e pianificatori militari del KGB hanno deciso di barattare il controllo “nominale” sui satelliti del blocco orientale con la neutralizzazione dell’Europa occidentale e la distruzione dell’alleanza militare della NATO — un riassetto quantistico dell’Europa scacchiera . Gorbaciov ei suoi pianificatori del Cremlino  non  hanno perso il controllo. (In effetti, Gorbaciov ha più potere di qualsiasi leader russo dai tempi di Lenin o Stalin.) La sceneggiatura ben redatta richiede l’  apparizione che ha perso il controllo. In effetti, l’esercito e la polizia segreta sovietici sono ancora intatti in tutti gli stati satellite dell’Europa orientale (cioè, ci sono 380.000 truppe sovietiche nella sola Germania dell’Est), e il KGB e l’esercito sovietici, che hanno saldamente il controllo dell’Unione Sovietica oggi, sono entrambi più forti di quanto non siano mai stati nei 72 anni di storia dei sovietici. Tuttavia, la sceneggiatura richiede che l’America e l’Europa occidentale possano assumersi gli oneri finanziari dell’Europa orientale.

La Germania dell’Est verrà riunificata; L’Europa occidentale sta per diventare neutrale; La NATO crollerà; L’Europa orientale e quella occidentale verranno riallineate in un blocco economico e, infine, politico; L’America e l’Occidente si disarmeranno massicciamente alla luce della “minaccia sovietica diminuita” e della “fine della Guerra Fredda”; L’America diventerà progressivamente più isolata economicamente e politicamente da un’Europa unita e neutrale; i sovietici stipuleranno un’alleanza economica e forse un giorno militare con il Giappone; e tutto quanto sopra sarà pagato dall’America e dall’Europa occidentale nel più grande salvataggio economico nella storia del mondo.

Dopo che Glasnost n. 6, che è il più grande e brillante inganno strategico di tutti, avrà fatto il suo corso, i sovietici avranno i nomi di milioni di dissidenti in tutto l’Impero, e questi saranno sistematicamente liquidati in sanguinose purghe alla Stalin, Mao e Piazza Tienanmen. A un certo punto, durante o alla fine di Glasnost n. 6, l’America sarà presa di mira per un ricatto nucleare o un vero e proprio attacco militare come lo scenario di Red Dawn.

B. I sovietici sono sinceri o sono maestri nell’inganno?

“ Loro disarmano, noi costruiamo ”. –Vladimir Lenin.

“I sovietici intendono nascondere vaste ‘riserve’ di missili e testate, nascondendole in luoghi in tutta l’ampia Unione Sovietica dove gli ‘imperialisti’ non potrebbero individuarli. Più tardi, potrebbero essere lanciati… in una guerra nucleare” – Nikita Khrushchev in un discorso al Soviet Supremo (14 gennaio 1960).

“ Negli affari militari, la perestrojka e la modernizzazione della tecnologia sovietica sotto il nuovo pensiero economico e un commercio più aperto tra Est e Ovest  contribuirà ad aumentare la potenza militare del nostro paese…  Le proposte di disarmo sovietiche fungono da solventi per ‘disarmare’ il complesso militare-industriale della NATO .” – Generale Vladimir Kryuchkov, capo del KGB, parlando alla celebrazione dell’anniversario della Rivoluzione di Lenin del 1917 (novembre 1989).

“ La perestrojka è espressamente progettata per migliorare  la capacità militare sovietica e la prontezza al combattimento.   – Un funzionario del Consiglio dei ministri sovietico, 1987.

1. L’accumulo di armi sovietiche –  “ Una massima prudente per tempi instabili: tieni d’occhio chi ha quali armi “. – Angelo Codevilla.

“I tagli sovietici ampiamente pubblicizzati non sono ciò che dovrebbero essere, ma in realtà fanno parte di un’importante ristrutturazione e modernizzazione delle forze sovietiche. Fonti dell’intelligence statunitense si aspettano che l’esercito sovietico emergerà nei primi anni ’90 più potente di quanto non sia oggi… Forti e crescenti prove indicano che la strategia offensiva sovietica non è cambiata. È ancora finalizzato al dominio del mondo, e non c’è nulla di difensivo in questo”.  – Il maggiore generale Henry Mohr scrive su THE NEW YORK TRIBUNE.

“Non siamo solo un po’ indietro rispetto ai russi, siamo in modo devastante dietro di loro… Penso che sia giunto il momento in cui dobbiamo smetterla di scherzare e cercare di mentire al popolo americano”. – Il senatore Barry Goldwater (R-AZ), 5 marzo 1982, in una lettera al presidente Reagan.

Nonostante l’euforia per il “crollo del comunismo”, “il comunismo è morto”, “la guerra fredda è finita”, ecc., e tutte le “promesse” di disarmo di Gorbaciov, la forza militare sovietica continua minacciosamente a crescere e Il vantaggio militare sovietico sugli Stati Uniti continua ad ampliarsi notevolmente. Secondo l’attuale rapporto sulla difesa degli Stati Uniti, Janes e altri think tank strategici internazionali, Mosca sta producendo un numero sempre crescente di missili balistici intercontinentali, sottomarini, carri armati, portaerei, missili terra-aria e altri importanti componenti militari.

A) Il crescente divario militare sovietico/statunitense  –  Mentre i sovietici affermano di essere disarmanti, sotto la glasnost/perestrojka di Gorbaciov, hanno subito il loro più massiccio accumulo di armi nei 72 anni di potere dei sovietici. Nel 1985, i sovietici avevano un vantaggio convenzionale di 5 a 1 in armi e manodopera sugli Stati Uniti e almeno un vantaggio nucleare strategico di 5 a 1.

Ma mentre Reagan e Bush stavano mentendo al popolo americano e dicendo loro che il divario si stava colmando, il loro stesso Dipartimento della Difesa ha compilato i seguenti numeri sulla nuova produzione di armi dei sovietici rispetto a quella americana dal 1985 al 1988:

Durante l’intero “accumulo militare” di Reagan, durato otto anni, i sovietici in realtà superarono gli Stati Uniti in armi chiave nei seguenti rapporti: missili intercontinentali – 4 1/2 a 1; Missili di difesa aerea – 6 1/2 a 1; Bombardieri — 4 a 1; Serbatoi: da 3 1/2 a 1; Artiglieria — 8 1/2 a 1. I sovietici producono un sottomarino nucleare ogni 7 settimane. Anche se hanno ricevuto grandi consensi per aver messo in naftalina quattro sottomarini obsoleti nel Baltico, hanno ancora 450 sottomarini contro i nostri 140. Stanno producendo 16.000 missili SAM all’anno e hanno un’enorme superiorità in carri armati, armi anticarro, manodopera, armi chimiche , artiglieria, aerei da combattimento, elicotteri, nonché nei sistemi tattici nucleari e balistici. Non sono disarmanti, stanno modernizzando! Nonostante la percezione occidentale che la Russia sia un paniere economico/industriale,  le sue linee di produzione di armi stanno producendo armi di alta qualità  – di alta qualità come le armi statunitensi, ma in quantità enormemente maggiori.

Negli anni ’70, i sovietici acquisirono una flotta di missili progettati per distruggere i missili americani a terra, portando il rispettato analista della difesa, Angelo Codevilla, a concludere nel 1979 che “l’armamento sovietico gli dava buone possibilità di distruggere la maggior parte dei missili e dei bombardieri americani in un primo attacco, e di sconfiggere le forze statunitensi in Europa, il tutto senza infliggere vittime nell’ordine della seconda guerra mondiale”.

Oggi, dopo che l’America ha ritirato i suoi missili dall’Europa occidentale e dopo un decennio di massiccia produzione e dispiegamento di nuovi missili e antimissili sovietici, Codevilla ritiene che l’America sia molto più vulnerabile a un primo attacco nucleare decisivo e di successo rispetto a dieci anni fa. .

B) Il cambiamento dell’equilibrio strategico  –  Codevilla, scrivendo in REMNANT REVIEW (12/1/89) di Gary North, dice del cambiamento dell’equilibrio strategico:

“Gli obiettivi strategici ‘difficili’ degli Stati Uniti includono 50 silos missilistici MX, 950 silos Minutemen, circa 100 posizioni in due dozzine di porti dove una ventina di sottomarini missilistici balistici e forse cinquanta sottomarini d’attacco lanciamissili da crociera possono trovarsi in un dato giorno, circa 100 posizioni su circa 25 aeroporti in cui si trovano 98 bombardieri B-1 e 300 B-52 degli Stati Uniti e circa 800 radar, obiettivi di comunicazione, comando, controllo e intelligence.

“Per colpire questi 2.000 obiettivi, i sovietici hanno almeno: 3.080 testate di controforza a bordo di 308 missili balistici intercontinentali SS-18, 552 testate a bordo di 138 SS-17, 1.950 a bordo di 350 SS-19, 100 a bordo di altrettanti SS-25 mobili, e circa 1.000 su forse 100 SS-24 mobili su rotaia. Ciò equivale a oltre 6.500 o  un rapporto di 3,5 a 1 tra testate e bersagli, da circa 2,5 a 1 di dieci anni fa . Oltre a questo, i sovietici hanno forse altre 5.000 testate strategiche non controforza. Da parte nostra, le uniche testate con un potenziale di controforza pari a quello dei sovietici sono le 500 in cima alle nostre 50 MX.

“Il rapporto complessivo tra testate sovietiche e statunitensi è di 8 a 1. In pratica, ciò significa che  un primo colpo decapitante è un’opzione seria per chiunque abbia il potere al Cremlino, ma nessuna per gli Stati Uniti . Significa anche che dopo un tale attacco, gli Stati Uniti rimarrebbero con un potere strategico molto scarso per rappresaglia oltre alle forse 2.400 testate di missili balistici lanciati da sottomarini (SLBM) in mare in qualsiasi momento … Ma questi sono piccoli, imprecisi e incapace di penetrare le formidabili difese missilistiche della Russia”.

Codevilla ha proseguito descrivendo che:  “L’importanza del proposto Trattato di riduzione delle armi strategiche (START) è che, poiché riduce il numero di missili da entrambe le parti,  molto probabilmente spremerebbe il numero assegnato all’America di testate e armi strategiche consentite in forse 400 obiettivi strategici o meno . Molto probabilmente questi sarebbero 50 MX fissi o semi-fissi, forse 100 bombardieri vulnerabili e forse 15 sottomarini, solo 8 dei quali sarebbero in mare in un dato momento. I sovietici avrebbero avuto 4.000 testate di controforza con cui colpirli. Ciò significherebbe un rapporto di 10 a 1, ma rispetto a una base target molto più piccola.

C)  Difesa missilistica e civile sovietica  – La  Russia ha protetto le sue città chiave, i centri di controllo governativi, le installazioni militari e industriali con massicce difese antimissilistiche e antiaeree per proteggersi da qualsiasi missile americano (probabilmente da sottomarini statunitensi) o rappresaglia di bombardieri. Queste difese aeree includono 10.000 missili terra-aria. I sovietici spendono 7 miliardi di dollari all’anno per un massiccio sistema di protezione civile e dispongono di rifugi e attrezzature di protezione per un valore di 200 miliardi di dollari sul terreno. ( L’America non ha alcun sistema di difesa missilistica o protezione civile di sorta .)

D) L’equilibrio di potere in Europa è cambiato  –  L’equilibrio di potere nell’Europa occidentale è cambiato radicalmente quando gli Stati Uniti hanno ritirato dall’Europa tutti i loro missili nucleari in grado di colpire la Russia e  mentre i sovietici hanno schierato ancora più missili puntati sull’Europa. Come sottolinea Codevilla:  “È un’idea sbagliata comune che l’Unione Sovietica stia ‘svalutando le armi nucleari’, specialmente in Europa. I sovietici continuano infatti a produrre circa 500 SS-21 all’anno. Quindi, la produzione di ogni anno trasporta tante testate missilistiche a corto raggio (500 miglia al massimo) quante Gorbaciov ha promesso di ritirarsi dall’Europa. Inoltre, la produzione dell’Unione Sovietica di artiglieria con capacità nucleare supera la nostra di circa  17 a 1 . No, l’Unione Sovietica si sta denuclearizzando Europa occidentale, non Europa orientale ”.

E) Potenziamento e modernizzazione dell’esercito sovietico  –  Codevilla afferma anche: “Le forze armate sovietiche sono nel corso di una delle loro periodiche ‘rivoluzioni’. Ce n’è stata una a metà degli anni ’20, un’altra alla fine degli anni ’40 e una grande tra il 1957 e il 1964 circa. Queste rivoluzioni consistono nell’eliminare vecchie armi e concetti mentre ne introducono di migliori. Comportano sempre una certa diminuzione della quantità e un aumento sostanziale della qualità. L’attuale ‘rivoluzione’ sembra ritagliata dalla stessa stoffa. Mentre il complesso militare-industriale sovietico guarda al futuro, sta eliminando il personale meno addestrato (alcuni dei quali, dall’Asia centrale, non parlano nemmeno russo) e sta cercando di elevare la qualità sia delle attrezzature che produce sia delle persone che devono gestirlo. In altre parole, le forze convenzionali sovietiche non si stanno indebolendo, si stanno preparando a vincere la prossima guerra”. Quindi, Gorbaciov sta spendendo il 20% del suo PNL per il suo potenziamento militare e la modernizzazione dell’arsenale già di gran lunga superiore della Russia, ampliando il suo vantaggio militare sull’America e incoraggiando il nostro disarmo.

 2. MIG 29 sovietici a Cuba  –  Mentre i sovietici parlano di pace, hanno iniziato a consegnare a Cuba i loro aerei da combattimento più avanzati, i MIG 29 (due, al momento in cui scriviamo). Uno squadrone di 14 di questi sofisticati caccia, in grado di attaccare importanti rotte marittime militari statunitensi nel Golfo del Messico e nel bacino dei Caraibi e sulla costa orientale degli Stati Uniti, a nord fino alla Carolina del Sud e a ovest fino a New Orleans, sarà consegnato a breve . I MIG 29 fanno parte dei 5 miliardi di dollari annuali dei sovietici in aiuti (principalmente militari) a Cuba.

3. Massicce consegne di armi sovietiche in America centrale  –  I guerriglieri comunisti (FMLN) sostenuti dai sovietici hanno attaccato San Salvador, la capitale di El Salvador, il 10 e l’11 novembre, utilizzando armi russe fornite attraverso Cuba e il Nicaragua. Il piano era quello di assassinare il presidente e la massima leadership di El Salvador (decapitando e rovesciando così il governo). Era la versione dei comunisti dell’offensiva del Tet del Vietnam del Nord.

All’attacco hanno partecipato comandanti cubani, nicaraguensi, tedeschi dell’est e palestinesi. Il 25 novembre, un aereo proveniente dal Nicaragua si è schiantato nella parte orientale di El Salvador trasportando 24 missili antiaerei SAM-7 russi e una miriade di altre armi sovietiche. Finora quest’anno, i sovietici hanno consegnato circa 350 milioni di dollari in armi ai sandinisti comunisti (parte dei 5 miliardi di dollari in armi consegnate negli ultimi 9 anni), una totale violazione della promessa di Gorbaciov a Bush di interrompere le consegne di armi sovietiche a Nicaragua.

Se El Salvador dovesse cadere sotto questo attacco di guerriglia sostenuto dai sovietici (che ha causato 70.000 vittime dal 1981), la combinazione di Cuba, Nicaragua ed El Salvador sostenuti dai sovietici sarebbe troppo per Costa Rica, Honduras, Guatemala e Belize. Tutto sarebbe caduto in breve tempo e i sovietici avrebbero fatto piazza pulita dell’America centrale dalla Colombia al Messico – con quei due paesi i prossimi due domino da eliminare. Tutto questo potrebbe accadere nei prossimi 2-4 anni, anche se gli americani si congratulano euforicamente con se stessi per la “morte del comunismo”, la “fine della guerra fredda”, ecc.

4. Sovietici che orchestrano guerre di guerriglia in tutto il mondo  – Tramite il KGB o GRU (l’intelligence militare sovietica), i sovietici stanno orchestrando guerre di guerriglia contro Sud Africa, Perù, Colombia, Venezuela, Filippine e in una dozzina di altri luoghi in tutto il mondo – armando, addestrando e dirigendo una ventina di comunisti gruppi di liberazione nazionale. (Dal 1961, Mosca ha conquistato più di 20 paesi con simili guerre di liberazione nazionale, colpi di stato e sovversione). in armi al feroce Esercito del Nuovo Popolo Comunista nelle Filippine, e 5 miliardi di dollari in armi all’Angola Comunista per un eventuale uso contro la Repubblica del Sud Africa. (Le armi sovietiche consegnate all’America centrale sono state discusse nella sezione B-3 sopra.)

5. Lo spionaggio sovietico contro l’America sta esplodendo  –  Recentemente il direttore della CIA William Webster ha affermato che la minaccia del KGB contro l’America – nonostante la glasnost/perestrojka – è cresciuta drammaticamente, e negli ultimi 4 anni le operazioni di intelligence hanno avuto più successo contro gli Stati Uniti “ che a in qualsiasi momento della nostra storia… Negli ultimi dieci anni, abbiamo scoperto più penetrazioni nelle comunità della difesa e dell’intelligence degli Stati Uniti che in qualsiasi momento della nostra storia . Il senatore David Boren (D-OR), capo del Senate Intelligence Committee, afferma che “ la guerra delle spie si sta surriscaldando “.

Sotto il generale Kryuchkov, il KGB, accusato di aver rubato la tecnologia statunitense (soprattutto militare), sta facendo gli straordinari, mentre l’amministrazione Bush, crogiolandosi nell’euforia della “nostra nuova partnership”, sta abbandonando la maggior parte delle nostre contromisure di sicurezza interna. In effetti, il personale militare e di intelligence sovietico ha accesso frequente alle basi militari statunitensi e agli impianti di difesa dall’amministrazione Bush. Questo è iniziato sotto Reagan.

Nel frattempo, negli ultimi 60 giorni migliaia di spie e spetsnaz si sono riversate dall’Europa orientale con l’ondata di rifugiati in Occidente.

C. La fuga precipitosa americana da disarmare 

L’obiettivo numero uno di Gorbaciov e del KGB della glasnost/perestrojka e della “apparente” liberalizzazione nell’Europa orientale è quello di  abbassare la percezione della minaccia da parte degli Stati Uniti e degli alleati occidentali in modo che ci siano importanti riduzioni nella spesa per la difesa.  In questo, Gorbaciov ha già avuto un incredibile successo. La Germania Ovest ha annunciato che ridurrà le sue forze militari del 20%. In America, US NEWS & WORLD REPORT (12/11/89) ha articolato l’esplosione del disarmo che sta investendo il paese con un articolo intitolato “L’America ha bisogno di un esercito?”

Il Segretario alla Difesa Cheney (un membro del CFR globalista e della Commissione Trilaterale) ha dichiarato alla fine di novembre che stava ” pianificando di tagliare le spese del Pentagono l’anno prossimo perché la probabilità di un conflitto totale tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica… è dalla fine della seconda guerra mondiale”.

(NOTA DEL REDATTORE: Quali prove ha Cheney che la minaccia militare è stata ridotta? In effetti, i numeri del suo stesso Dipartimento della Difesa sostengono fortemente il contrario.)

Cheney e l’amministrazione Bush stanno pianificando un taglio triennale del budget della difesa di 180 miliardi di dollari (ad esempio, 60 miliardi di dollari, o il 20%, all’anno) a partire dall’anno fiscale ’91; il taglio di 229.000 truppe nel corso del prossimo anno per soddisfare i vincoli di bilancio di Gramm-Rudman; la chiusura di 15 basi dell’aeronautica; eliminazione di 200.000 membri del personale dell’esercito americano (ad esempio, un taglio del 17%, o 3 divisioni, su un totale di 18 divisioni attive); l’eliminazione graduale di 2 portaerei statunitensi (NOTA DELL’EDITORE: i russi ora hanno 4 portaerei in costruzione), con ali aeree associate, alcune corazzate e altre navi di superficie (100 navi militari in totale da eliminare gradualmente); l’eliminazione della costruzione della maggior parte degli Stealth Bombers; annullamento del programma di ammodernamento del principale carro armato (l’M-1 Abrams); tagliare le truppe statunitensi nell’Europa occidentale da 310.000 a 100.000 (un taglio di due terzi);

Il generale in pensione EC Meyer, ex capo di stato maggiore dell’esercito, prevede che  l’esercito americano sarà dimezzato nei prossimi anni . THE WALL STREET JOURNAL si riferisce al Segretario Cheney come al Segretario del Disarmo . I politici e gli accademici liberali stanno saltando sul carro, chiedendo la totale eliminazione del missile MX su rotaia; il ridimensionamento dello Stealth Bomber da 132 a 13 aerei; eliminazione di SDI; la chiusura di centinaia di basi militari statunitensi in tutto il mondo; l’eliminazione totale dei combattenti tattici avanzati americani e una riduzione del 50% o più delle dimensioni delle forze militari statunitensi.

Il membro del Congresso liberale Jim Bates (D-CA) ha introdotto una legislazione per chiudere Camp Pendleton dei Marines e trasformarlo in un parco nazionale. Pendleton è una delle due basi marine americane che si affaccia su uno specchio d’acqua. Altri liberali del Congresso sperano di spostare miliardi dalla difesa ai programmi sociali, mentre molti moderati e conservatori vedono la crisi della difesa come un modo per aiutare a pareggiare il bilancio ed eliminare il deficit. Sembra che Bush e Gorbaciov abbiano aperto il vaso di Pandora del disarmo in America, e ora lo slancio verso il disarmo diventerà inesorabile (cioè, come lo slancio orchestrato dalla sinistra per il controllo delle armi).

(NOTA DELL’EDITORE: Va ricordato che mentre l’America intraprende massicci tagli militari, i sovietici hanno 215 divisioni pronte al combattimento contro le 18 degli Stati Uniti, che stanno per essere ridotte a 15. La piccola Cuba ha un esercito permanente più grande dell’America  prima  va ricordato anche il vantaggio nucleare convenzionale e strategico di 5 a 1 di cui godono attualmente i sovietici sull’America, così come l’attuale vantaggio navale sovietico di 4 a 1 sugli Stati Uniti.)

D. Appeasement di Bush al vertice di Malta

Il vertice di Malta di inizio dicembre tra Bush e Gorbaciov ha stabilito George Bush come il più grande pacificatore da quando Neville Chamberlain si è umiliato davanti ad Adolf Hitler al vertice di Monaco nel 1938 – pacificazione che ha contribuito a preparare il terreno per la seconda guerra mondiale. L’editorialista/autore William Safire, scrivendo sul NEW YORK TIMES, ha definito la performance di Bush “Doormat Diplomacy”, affermando che  “la strategia di Bush era quella di ottenere l’approvazione del mondo dando al signor Gorbaciov tutto prima che dovesse chiedere”.

Tra queste concessioni preventive c’erano: 1) la proposta di Bush di concedere alla Russia lo status di osservatore presso il FMI e la Banca Mondiale; 2) Bush ha promesso di dare ai sovietici lo status di nazione più favorita (aprendo un vaso di Pandora di commercio, aiuti finanziari e trasferimenti di alta tecnologia ai sovietici) al vertice del prossimo giugno; 3) Bush ha promesso ai sovietici massicci prestiti garantiti dai contribuenti statunitensi tramite la nostra Export-Import Bank; 4) Bush si è offerto di spostare l’attenzione sul disarmo dalle forze strategiche alle forze convenzionali; 5) Bush si è offerto di fermare la produzione statunitense di armi chimiche; 6) Bush ha accettato di negoziare e firmare un trattato di disarmo START entro il prossimo giugno che ridurrà del 50% le forze strategiche americane e russe (es. bombardieri, missili, sottomarini lanciamissili, ecc.).

(NOTA DELL’EDITORE:  Se l’America conclude il Trattato START e taglia le nostre forze strategiche del 50% e la Russia tradisce il Trattato – come ha fatto con ogni trattato che abbiamo mai firmato con loro – equivarrebbe a un suicidio nazionale. Saremo bombardati o ricattati per arrendersi prima che il decennio degli anni ’90 sia finito .)

Prima del Vertice, Bush ha proclamato il proprio “nuovo modo di pensare” proclamando  “la fine di un’era di pace dura e senza gioia tra due campi armati” ; riferendosi a Gorbaciov “ come a quel dinamico architetto della riforma ” (i cittadini russi non sarebbero d’accordo); e facendo una promessa straordinaria: ” Non c’è sostenitore della perestrojka più grande del Presidente degli Stati Uniti “.

Al Vertice, secondo quanto riportato dalla stampa,  “Bush e Gorbaciov, con una dimostrazione di cameratismo senza precedenti, hanno seppellito in mare la Guerra Fredda, promettendo di costruire nuove relazioni basate su  legami economici, accordi di disarmo e sostegno alle riforme nell’Europa orientale ”. La stampa mondiale si riferì euforicamente ai due “Super Partners” (vedi l’articolo di copertina di NEWSWEEK 12/11/89; nota anche la foto di Chamberlain e Hitler in un incontro simile a Monaco di Baviera 51 anni fa).

Mentre Bush impegnava il potere politico ed economico degli Stati Uniti per aiutare il Partito Comunista in URSS a mantenere il suo potere, Gorbaciov persuase Bush a slegare il sostegno dell’Unione Sovietica all’aggressione regionale dalla questione del disarmo e dall’aiuto finanziario e tecnologico dell’America a i sovietici. In altre parole, Bush ha accettato di procedere al disarmo e ai massicci aiuti USA ai russi, nonostante le loro guerre rivoluzionarie in America Centrale, Africa, Medio Oriente, Filippine, ecc. Bush non ha mai menzionato il ritiro di 500.000 truppe sovietiche dal Europa orientale.

Come ha affermato William Safire:  “In termini di Bush che ha dato via tutto e non ha ottenuto nulla, e Gorbaciov non ha dato nulla e ha ottenuto tutto, il signor Bush ha fallito miseramente e il signor Gorbaciov è riuscito brillantemente… Nonostante questo quid-pro-niente, il Segretario di Stato Baker ha dichiarato al “potenziale di una vera chimica tra i due leader” determinato dalla concessione americana e dall’ostruzionismo sovietico.  Safire ha continuato dicendo : “Avvicinandosi al Vertice con l’obiettivo di sviluppare una stretta amicizia personale con Gorbachev, Bush era afflitto da un desiderio quasi infantile di sorprendere la Grande Sorpresa”.  Quindi, una volta a bordo del Maxim Gorky, “Bush si voltò e presentò al leader sovietico la concessione dettagliata della lista dei desideri economici di Mosca… Il leader sovietico sorpreso e felice ringraziò il signor Bush per il suo sostegno alla perestrojka e disse: ‘La guerra fredda è finita.'”

(NOTA DELL’EDITORE: Scommetto che il signor Gorbaciov era felicissimo! Era come se Kissinger andasse al tavolo dei negoziati con i vietnamiti del nord e dasse loro tutto ciò che volevano, incluso il Vietnam del sud. Come Gorbaciov, anche loro erano felicissimi!)

Un altro editoriale del NEW YORK TIMES intitolato “Life Support For Moscow” di AM Rosenthal ha commentato riguardo al sostegno di Bush a Gorbaciov e al suo regime contro quei russi amanti della libertà che hanno cercato a lungo di rovesciare il giogo del comunismo: “Gli Stati Uniti hanno deciso di cercare di fermare, o almeno ritardare la grande rivoluzione internazionale contro il comunismo in Russia… Fino a Malta, c’era una forte e crescente possibilità che il monopolio del potere del Partito Comunista in Unione Sovietica finisse presto… Tuttavia, Gorbaciov ottenne tutto il sostegno economico che sognava per evitare che la sua barca affondasse. Ha ricevuto l’impegno politico ed emotivo dell’amministrazione statunitense contro quei liberali russi che hanno combattuto per la fine del dominio del Partito. Il sostegno di Washington è un’arma potente che Gorbaciov può portare a casa per usarla contro coloro che un tempo credevano che l’America rimanesse nemica del dominio del Partito Comunista… Perché il Presidente Bush ha deciso di trasformare Malta in uno strumento per la conservazione del Partito Comunista del Unione Sovietica? Sicuramente gli americani non si sono mai resi conto del ruolo di Mr.

(NOTA DEL REDATTORE: Questo è il settimo round principale di finanziamento americano dell’oppressione del proprio popolo da parte dei leader sovietici, se si include il finanziamento americano originale della rivoluzione bolscevica. È questo ciò che l’establishment intende con “la fusione degli interessi del USA e URSS” e cosa intende Bush con la sua frase “il nuovo partenariato”?)

E. La neutralizzazione dell’Europa occidentale e la fine della NATO

Oltre a disarmare l’Occidente, Gorbaciov, il suo KGB e gli strateghi militari hanno da tempo avuto l’obiettivo di attirare l’Europa occidentale verso la neutralità, eliminare la NATO e isolare, o almeno ridurre notevolmente, l’influenza americana in Europa. Un corollario di questi obiettivi è il collegamento economico e politico dell’Europa orientale e occidentale attraverso la Comunità europea.

L’inizio della fine della NATO arrivò quando Reagan acconsentì a ritirare dall’Europa tutti i missili nucleari americani a raggio intermedio (l’ombrello nucleare dell’Europa occidentale) secondo i termini del Trattato INF. Ciò ha inviato un segnale forte e chiaro all’Europa occidentale che non si poteva più contare sull’America per difendere il continente. Ha anche giocato direttamente nelle mani dei Verdi della Germania occidentale e di altri gruppi anti-nucleari/disarmo di sinistra filo-sovietici in tutta Europa, e ha minato la posizione già traballante dei politici pro-difesa nell’Europa occidentale.

Ora, la Germania Ovest dominata da pacifisti e attivisti contro il disarmo nucleare, ha accettato di tagliare le sue difese del 20% e sta spingendo per la riunificazione con la Germania dell’Est. (Solo il 30% dei tedeschi occidentali ora approva le truppe americane sul loro suolo.) Anche se i russi ei tedeschi dell’est stanno fingendo riluttanza per la riunificazione (a la Brer Rabbit – “per favore non gettarmi nella radica”), quella riunificazione sarà l’ultima posta in gioco nel cuore di un’Alleanza NATO già vacillante. Una Germania riunificata, o federata, diventerà rapidamente neutrale, abbandonerà la NATO e poiché la Germania occidentale è l’ancora della NATO, l’alleanza crollerà poco dopo. Per un certo periodo, la Francia e l’Inghilterra cercheranno di mantenere deterrenti militari convenzionali e nucleari indipendenti, ma il resto dell’Europa seguirà rapidamente la Germania verso la neutralità (una clausola che la Russia chiederà e riceverà). L’Inghilterra e la Francia si sposteranno a sinistra, Margaret Thatcher sarà estromessa e lo slancio degli eventi sposterà Inghilterra e Francia, insieme al resto dell’Europa occidentale, verso la neutralità.

Già i membri della NATO stanno cancellando miliardi di dollari in programmi di standardizzazione delle armi a causa del calo simultaneo della percezione della minaccia sovietica e dei bilanci della difesa occidentale. Con i leader americani che ora parlano apertamente di ritirare 100.000-200.000 soldati statunitensi ( non più necessari nella nuova era post Guerra Fredda ), la volontà (o la motivazione) pubblica e politica di continuare a sostenere le considerevoli spese per la difesa crollerà in tutta l’Europa occidentale, come è successo in America – e accadrà tutto, letteralmente, dall’oggi al domani (cioè entro 6 – 12 – 18 mesi).  Si chiama fattore di accelerazione.  Un articolo di US NEWS & WORLD REPORT (27/11/89) lo riassume piuttosto bene: “I russi non stanno arrivando – Con lo scoppio della pace, le strategie di difesa della NATO stanno per subire una scossa”.  In breve, nei prossimi uno o due anni, la NATO cesserà di essere un deterrente militare per la potenza militare sovietica. La sinistra politica in America e in Europa vuole convertire la NATO in un corpo amministrativo e forse di polizia per aiutare a realizzare l’unione politica dell’Europa occidentale nel ’92 e forse l’unione dell’Europa orientale e occidentale nei prossimi 3-5 anni.

F. La cura e l’alimentazione dell’orso 

Tutto questo è calcolato per ridurre l’influenza americana in Europa e aumentare l’influenza sovietica . Dopo un discreto intervallo di disarmo dell’Europa occidentale e di consolidamento economico dell’Est da parte dell’Ovest (ad esempio, 3-5 anni), i sovietici inizieranno a mostrare i loro muscoli militari entro la metà degli anni ’90. Quindi un’Europa occidentale disarmata saprà chi è il capo: i ragazzi dell’est con tutte le pistole, i carri armati e gli aerei. La strategia sovietica passerà quindi all'”operazione intimidazione” e un’Europa occidentale neutralizzata e disarmata si ritroverà in un ruolo sottomesso ai sovietici. In effetti, Gorbaciov sta attualmente scambiando un certo controllo sull’Europa orientale con un eventuale controllo de facto su tutta l’Europa, orientale e occidentale. Com’è per una brillante mossa di scacchi?

“I capitalisti del mondo e i loro governi, nel perseguimento della conquista del mercato sovietico, chiuderanno gli occhi davanti alla realtà superiore indicata, e così si trasformeranno in uomini sordi, muti e ciechi. Estenderanno i crediti e, dandoci i materiali e la tecnologia che ci mancano,  ripristineranno la nostra industria militare, indispensabile per il nostro futuro attacco vittorioso ai nostri fornitori. In altre parole, lavoreranno per la preparazione del proprio suicidio . –Vladimir Lenin.

” È una scommessa azzardata che  i sovietici stiano deliberatamente esagerando le loro attuali difficoltà economiche,  in modo da fare pressione sull’occidente credulone affinché venga in loro soccorso finanziario  prima  che l’establishment militare-industriale sovietico subisca una grave erosione”.  – Albert Jolis, direttore esecutivo, The American Foundation for Resistance International (11/89).

Oltre a disarmare l’Occidente e neutralizzare l’Europa occidentale, sabotando contemporaneamente l’alleanza NATO, il terzo obiettivo principale dell’attuale campagna di glasnost/perestrojka è convincere l’America e l’Occidente a salvare economicamente l’Unione Sovietica.  Lenin e tutti i suoi eredi fino a Gorbaciov predissero che gli avidi uomini d’affari occidentali avrebbero venduto loro la corda con cui ci avrebbero impiccati e avrebbero venduto le loro anime, il loro diritto di nascita e persino la loro libertà per profitti. Gorbaciov intende che l’America, l’Europa occidentale e il Giappone si assumano l’onere finanziario dell’Europa orientale, forniscano alla Russia un enorme credito, riversino enormi quantità di alta tecnologia e aiutino a ricostruire l’infrastruttura agricola e industriale della Russia.

Gorbaciov sa che i più grandi alleati che ha per raggiungere i suoi obiettivi economici e politici sono gli avidi uomini d’affari americani. Stanno già spingendo per lo status di nazione più favorita, l’abrogazione di  tutte le  restrizioni al commercio, trasferimenti ad alta tecnologia, joint venture, ecc. Pan Am Airways e Sheraton Hotels hanno collaborato con Aeroflot e la città di Mosca per costruire due nuovi hotel a Mosca . Tutto, dai computer Control Data alle fibre ottiche, alla Pepsi Cola, alle fabbriche petrolchimiche e di lampadine, viene ora venduto nel mercato russo. Combustion Engineering sta ora costruendo un impianto petrolchimico da 10 miliardi di dollari in URSS, la più grande impresa statunitense fino ad oggi. Le joint venture USA/URSS sono aumentate da 200 a oltre 1.000 negli ultimi 12 mesi.

Ma gli uomini d’affari del Consiglio economico e commerciale USA-URSS  vogliono che praticamente tutti i prodotti statunitensi (difesa o altro) siano liberati per la vendita alla Russia , e che tutte le joint venture USA/URSS siano assicurate dai contribuenti dalla Overseas Private Investment  Corp. è una scellerata alleanza tra Bush e la sua amministrazione e questi dirigenti multinazionali e bancari, che, come squali che sentono l’odore del sangue, stanno entrando in una frenesia alimentare per i miliardi di dollari di profitti che intendono realizzare in joint venture e altri affari in Russia e il blocco orientale, dove vedono un mercato di 400 milioni di persone che aspettano solo di essere sfruttate.

(NOTA DEL REDATTORE: proprio come Bush e i suoi amici dell’establishment farebbero di tutto per miliardi di profitti dal commercio sovietico/statunitense, così l’amministrazione Bush ha tranquillamente riaperto  tutti i canali di aiuto e commercio  con la Repubblica popolare cinese . Grazie agli sforzi di Bush, Baker, Kissinger, Nixon, Haig, ecc., gli affari sono tornati alla normalità con i macellai di piazza Tiananmen.)

Il Congresso degli Stati Uniti ha votato 934 milioni di dollari in aiuti dei contribuenti statunitensi a Polonia e Ungheria. Il Segretario di Stato James Baker ha offerto massicci aiuti finanziari statunitensi alla Germania dell’Est. La Comunità europea delle 12 nazioni ha concordato un ampio pacchetto di aiuti per l’Europa orientale (ad esempio, Polonia, Germania dell’Est, Ungheria e Jugoslavia) e ha firmato un patto commerciale di 10 anni con l’URSS per eliminare le quote commerciali e aumentare gli aiuti tecnici.

La US Export-Import Bank sta prendendo in considerazione prestiti fino a 10 miliardi di dollari ai sovietici. E il NEW YORK TIMES in un editoriale (1/1/89) ha invitato il presidente Bush ad “Aiutare il signor Gorbaciov ad aiutare l’Occidente” concedendo enormi garanzie sui prestiti e revocando tutte le restrizioni commerciali e di altro tipo.

G. Fusione o resa: lo scenario dell’alba rossa

“Esiste anche un’altra alleanza – a prima vista strana, sorprendente – ma a pensarci bene, in realtà, ben fondata e facile da capire. Questa è l’alleanza tra i nostri leader comunisti e i vostri capitalisti”.  – Aleksandr Solzenicyn.

“Noi a livello esecutivo qui eravamo attivi nell’OSS, nel Dipartimento di Stato o nell’Amministrazione economica europea. Durante quei periodi, e senza eccezioni, operavamo secondo le direttive emanate dalla Casa Bianca. Continuiamo a essere guidati proprio da tali direttive, la cui sostanza prevedeva che  avremmo dovuto compiere ogni sforzo per modificare la vita negli Stati Uniti in modo tale da rendere possibile una comoda fusione con l’Unione Sovietica .  – Rowan Gaither, Presidente della Fondazione Ford a Norman Dodd, Consigliere capo della Commissione congressuale Reese Investigation of Subversion in the Tax Free Foundations nel 1953.

Toward a New World Order  – La storia di copertina  di Newsweek  (12/11/89) “Super Partners – An Ambitious Game Plan For a New Era” la dice lunga su dove siamo e dove siamo diretti. Per oltre cinquant’anni, gli addetti ai lavori dell’establishment orientale hanno parlato di fusione con l’Unione Sovietica, di fusione degli interessi comuni di America e Russia, di governo mondiale e, più recentemente, di Nuovo Ordine Mondiale. Leggendo diverse centinaia di pubblicazioni e oltre 500 articoli per la preparazione di questo articolo, questo scrittore si è imbattuto nei termini “nuovo mondo” o “nuovo ordine mondiale” almeno 150 volte. Questa non è una coincidenza.

L’agenda dell’establishment liberale orientale in America e in Europa sin da quando ha contribuito a finanziare la rivoluzione bolscevica nel 1917 e ha contribuito a finanziare i sovietici negli anni ’20, ’30 e ’40, fino ad oggi, è stata il governo globale . Questo è evidente nello studio delle pubblicazioni del CFR,* della Commissione Trilaterale e di altri gruppi istituzionali. Vedono l’Unione Sovietica come un importante veicolo (o strumento) da utilizzare per aiutare a realizzare questo governo mondiale o il cosiddetto “nuovo ordine mondiale”. Rivoluzioni sostenute dai sovietici e l’istituzione delle proprie macchinazioni di politica estera contro paesi come la Cina negli anni ’40; Cuba negli anni ’50; L’Iran, il Nicaragua, la Rhodesia e il Canale di Panama negli anni ’80; e Sud Africa, Corea del Sud,

Il Sudafrica sarà una delle ultime grandi tessere del domino a cadere sotto il comunismo (vale a dire, tra 1 – 3 anni), tramite un governo dell’ANC; gli Stati Uniti dell’Europa occidentale emergeranno nel 1992; L’Europa orientale e quella occidentale devono fondersi in un unico grande blocco economico e politico, e il governo mondiale (Nuovo Ordine Mondiale) sognato da Bush, Kissinger, Shultz, Brzezinski, Rockefeller e dai loro soci dell’establishment dovrebbe emergere a metà -fine anni ’90 attraverso una fusione globale di Oriente e Occidente.

Lungo il percorso sono previste alcune guerre minori (forse in America centrale e/o Medio Oriente), per preoccupare e distogliere l’attenzione delle masse, ma è previsto che emerga un governo di, da e per l’élite entro l’anno 2000.  Questo è l’ordine del giorno dell’istituzione; questa è l’agenda del Movimento New Age. Ma chi scrive non pensa che questo sia l’agenda dell’Unione Sovietica . (Va ricordato che i migliori piani di topi, uomini ed elitari a volte vanno fuori strada.)

*CFR è il Council on Foreign Relations

Lo scenario Red Dawn  –  I sovietici hanno un altro programma. Si chiama Alba Rossa. Se si studiano gli scritti di Lenin, Stalin, Manuiliski, Andropov e dei leader sovietici fino a Gorbaciov, si concluderà che la leadership sovietica dal 1917 ad oggi non ha mai deviato dall’obiettivo marxista/leninista del dominio del mondo. Il capitalismo in generale e l’America in particolare sono il loro nemico numero uno e l’ostacolo alla realizzazione di questo sogno. I liberali e pacificatori occidentali da Bush a Kennedy, da Kissinger a James Baker, da Rockefeller ad Armand Hammer (vecchio amico di Lenin e molto più di un semplice “liberale”) possono continuare a dirci che “il comunismo è morto” che la “guerra fredda è oltre”, e che “la Russia è ora nostro partner”. Ma i marxisti/leninisti che gestiscono il Cremlino, che gestiscono il KGB, che gestiscono l’esercito sovietico non sono mai stati più forti, né più dediti alla distruzione dell’America. L’attuale ridimensionamento, ritirata e “umiliazione” del blocco comunista è semplicemente la dialettica comunista (cioè, due passi avanti, uno indietro, poi due avanti, ecc.) in azione, la sesta glasnost dal 1921 e il più grande inganno strategico nella storia moderna (forse di tutte).

Le persone orgogliose e arroganti sono facili da manipolare, ei leader dell’establishment liberale orientale americano sono uomini orgogliosi e arroganti – oggi, più che mai, perché credono di avere il loro sogno di governo mondiale quasi realizzato, quasi in mano. In quanto tali, possono essere manipolati dalla leadership comunista per i propri fini. Da Lenin a Gorbaciov, la leadership comunista ha parlato della necessità di utilizzare ricchi capitalisti finanziari (ad esempio, come Armand Hammers, David Rockefeller, Dwayne Andreas e migliaia di altri) per aiutare a finanziare la loro rivoluzione mondiale. La leadership comunista comprende l’avidità e la brama di questi uomini per sempre più ricchezza. Comprende anche la loro brama di potere e il dominio del mondo attraverso il loro “nuovo ordine mondiale”, o governo globale, previsto per emergere a metà degli anni ’90.

Quindi, la leadership comunista, guidata da Gorbaciov, è disposta ad accettare i loro schemi di “nuovo ordine mondiale”, con la riunificazione della Germania e poi dell’Europa (sebbene sotto bandiere neutrali). Quella leadership comunista è disposta a umiliarsi davanti ai suoi benefattori occidentali, e sorridere, e inchinarsi, e ammettere umilmente i propri errori – e implorare perdono e chiedere aiuto finanziario e industriale per cambiare i loro modi.

Ma a un certo punto (chi scrive crede alla metà degli anni ’90), i sovietici, i più grandi maestri dell’inganno nella storia, lanceranno la loro spinta finale per il dominio del mondo, faranno il doppio gioco con i loro benefattori liberali capitalisti occidentali e attaccare gli Stati Uniti d’America. Vedete, non vedono la folla elitaria del “nuovo ordine mondiale” che domina il globo – si vedono dominare attraverso la loro travolgente potenza militare, attraverso la loro furtività, il loro inganno e la loro audacia.  (Sia gli scrittori e gli strateghi sovietici storici che quelli contemporanei hanno affermato da tempo che ci avrebbero attaccato quando fossimo stati in pace con loro.) Quello sarà l’inizio dello scenario Alba Rossa.

(NOTA DELL’EDITORE: La storia è piena di esempi di tali inganni strategici e doppi incroci.  Ad esempio,  gli antichi greci che salparono con la loro flotta da Troia, sconfitti e umiliati, lasciando dietro di sé un dono, una riparazione di guerra, un gigantesco cavallo di legno Quella stessa notte cadde una Troia orgogliosa e credulona.

Ad esempio,  un ambasciatore orientale, umiliato dall’abilità commerciale dell’America nel Pacifico, si è inchinato con umiltà davanti al nostro orgoglioso e potente presidente, cercando la conciliazione e migliori relazioni con l’America. Dieci minuti dopo, la marina e l’aeronautica del suo imperatore stavano attaccando la nostra impreparata flotta americana a Pearl Harbor il 7 dicembre 1941.  Ad esempio,  dopo aver firmato un patto di non aggressione con Stalin nel 1939, in base al quale Russia e Germania avrebbero diviso la Polonia, ha doppiato Stalin e si è voltato bruscamente e ha invaso la Russia nel 1941.)

Lo scenario Red Dawn (trasformato in un film basato su uno scenario strategico ufficiale del governo degli Stati Uniti) ipotizza che: l’Europa occidentale diventi neutrale, la NATO crolli, la rivoluzione sostenuta dai comunisti (sovietici) dilaga nel bacino dei Caraibi, nell’America centrale e in Messico. L’America, indebolita da tre decenni di disarmo e pacificazione, ha le sue principali basi del comando aereo strategico, siti missilistici e porti navali (ma non città, per la maggior parte) – circa 400 obiettivi in ​​tutto (come stimato da Codevilla) bombardati.

Questi missili nucleari vengono lanciati dai sottomarini sovietici  attualmente  a poche miglia al largo delle coste orientali e occidentali degli Stati Uniti, dai cacciabombardieri MIG lanciati contro gli Stati Uniti sudorientali da Cuba e attraverso la calotta polare. L’America, ovviamente, a causa di 25 anni di trattati sul disarmo, non ha alcuna difesa nucleare. Una debole rappresaglia da parte di una manciata di sottomarini statunitensi arreca un danno minimo a un’Unione Sovietica ben difesa.

A poche ore dall’attacco, i sovietici lanciano un’invasione aerea e corazzata negli Stati Uniti indifesi e disarmati attraverso l’Alaska e il Messico. Questa invasione aerea/corazzata da parte di russi, cubani, nicaraguensi e altre truppe del blocco orientale taglia rapidamente a metà il Nord America e la sopravvivenza politica dell’America diventa problematica.

Lo scenario di Red Dawn è plausibile?  –  Secondo l’opinione di chi scrive, e quella di un certo numero di analisti della difesa e dell’intelligence che conosce, lo è! La strategia sovietica per la conquista dell’America è stata a lungo  “la demoralizzazione interna, più il disarmo, più l’accerchiamento esterno, porteranno al ricatto nucleare e all’eventuale resa o conquista”  – Forse un George Bush, o il suo successore, con una pistola nucleare puntata alla testa , si arrenderà semplicemente: l’attuale “partnership” raggiungerà un “nuovo livello di adattamento”. O forse i sovietici opteranno per Alba Rossa. Il punto è che gli elementi per il lancio di uno scenario Red Dawn si stanno ora mettendo a posto.

Questi elementi includono: 1) forza militare sovietica di gran lunga superiore rispetto agli Stati Uniti: 2) un’Europa neutrale e la cessazione dell’alleanza militare NATO (che assicura il fianco occidentale della Russia); 3) governi comunisti rivoluzionari a Cuba, in Nicaragua e, infine, in tutta l’America centrale e in Messico; 4) eserciti permanenti più grandi a Cuba e in Nicaragua di quelli che l’America possiede ora; 5) Un confine molto poroso e indifendibile con il Messico che si estende per 2.100 miglia da Brownsville a Tijuana; 6) milioni di rifugiati latini negli Stati Uniti sudoccidentali, con altri milioni che arrivano ogni anno – migliaia di questi sono KGB, DGI o altri agenti del blocco orientale, spetsnaz, ecc.; 7) una totale assenza di difese aeree statunitensi contro missili lanciati da sottomarini (vale a dire, da sottomarini sovietici sulle coste orientali e occidentali degli Stati Uniti, o sul Golfo del Messico), da aerei con base cubana o centroamericana, o dalla Russia attraverso la calotta polare; 8) enormi depositi di armi convenzionali pre-posizionate a Cuba, in Nicaragua e, infine, in tutta l’America centrale e in Messico; 9) un’Alaska scarsamente popolata e in gran parte indifesa, praticamente adiacente all’Unione Sovietica, e già (al momento della stesura di questo documento) , essendo infiltrato da agenti sovietici e spetsnaz.

Conclusione

Pochissimi americani saranno in grado di comprendere, accettare o saranno disposti a credere all’analisi di cui sopra in questo numero di  MIA . La “propaganda della pace” al contrario è enorme e travolgente. Siamo il “Pollyanna people”, vogliamo buone notizie, non cattive, e amiamo le persone che ci dicono quello che vogliamo sentire (come George Bush o Reagan), e odiamo le persone che ci dicono quello che non vogliamo ascoltare. Oggi sentiamo i nostri leader che ci dicono che “ci sarà pace ai nostri giorni”, ma la Bibbia ci avverte di stare attenti quando gli uomini gridano  “pace, pace e non c’è pace”.  E 1 Tess. 5:3 dice : “Poiché quando dicono pace e sicurezza; allora un’improvvisa distruzione verrà su di loro, come il parto su una donna incinta, e non scamperanno.

Viviamo in un’epoca di inganni . I nostri leader ci stanno ingannando mentre ci spingono in un governo mondiale, nel “nuovo ordine mondiale”. I sovietici ci stanno ingannando fingendo la pace, la fratellanza, la fine della guerra fredda e la morte del comunismo, anche mentre si preparano alla guerra. I sovietici stanno attualmente eliminando le inefficienze e il legno morto dal loro sistema; costruendo la loro forza economica attraverso massicce infusioni finanziarie/industriali occidentali; cercando di eliminare i pochi paesi anticomunisti rimasti (ad esempio, Sud Africa, Corea del Sud, Filippine, Cile, Taiwan, El Salvador); neutralizzare l’Europa occidentale e la NATO; “far addormentare gli americani con le più grandi aperture di pace e disarmo conosciute nel corso della storia”; espandere il loro vantaggio militare sull’America; e prepararsi per l’assalto finale contro l’America tra la metà e la fine degli anni ’90.

La cricca del “nuovo ordine mondiale”, o i sovietici, raggiungeranno il loro obiettivo di dominare il mondo negli anni ’90? Questo scrittore non la pensa così. Nonostante il più grande conflitto emergente tra il bene e il male forse in tutta la storia, il Dio della Bibbia, il Dio che ha creato l’universo è ancora responsabile della storia e delle singole nazioni, così come della vita degli individui. Come è stato detto, “L’uomo propone e Dio dispone”. Chi scrive crede che a un certo punto, nel bel mezzo del caos in arrivo, Dio interverrà* dalla parte del bene e contro il male e confonderà il nemico. È dovere degli americani essere disposti a prendere posizione dalla parte di Dio e contro il male nel periodo che ci attende e lasciare i risultati nelle sue mani. Come disse una volta Edmund Burke, “Tutto ciò che è necessario perché il male trionfi è che gli uomini buoni non facciano nulla.”

E come disse Winston Churchill nel 1938, mentre cercava di svegliare l’apatico e compiacente popolo britannico,  “l’intero equilibrio è stato sconvolto e le terribili parole sono state pronunciate contro le democrazie occidentali: sei stato pesato sulla bilancia e trovato volendo. E non supporre che questa sia la fine. Questo è solo l’inizio della resa dei conti. Questo è solo il primo assaggio di un calice amaro che ci verrà offerto di anno in anno, a meno che, con un supremo recupero della salute morale e del vigore marziale, non ci alziamo di nuovo e prendiamo posizione come nei tempi antichi.

*NOTA DELL’EDITORE DI FATIMA CRUSADER: Nostra Signora di Fatima ha detto: “Alla fine, il Mio Cuore Immacolato trionferà, il Santo Padre Mi consacrerà la Russia, si convertirà e sarà concesso al mondo un periodo di pace”.

È solo attraverso la consacrazione della Russia da parte del Papa insieme ai vescovi in ​​modo solenne e pubblico, come disse la Madonna a Suor Lucia, che la Russia si convertirà. Se il Papa non lo farà presto allora il mondo intero, compresi gli Stati Uniti, (quella parte che non viene annientata nel processo) sarà reso schiavo dalla Russia comunista.

Ciò è ampiamente spiegato nel libro di Padre Gruner  World Enslavement or Peace… It’s Up To The Pope  e in vari numeri di  The Fatima Crusader.

Il fattore di accelerazione:
Il pianeta terra sembra girare sempre più velocemente con ogni settimana e mese che passa mentre le turbolenze politiche, economiche e monetarie non solo aumentano, ma il  tasso di cambiamento accelera. Non sono solo gli eventi che si stanno verificando ad essere significativi, ma occorre considerare l’enorme accelerazione o accelerazione di questi eventi. Si dice che l’uomo abbia accumulato più conoscenza negli ultimi 35 anni che in tutta la storia precedente. Un grande super computer può immagazzinare quantità di informazioni equivalenti a migliaia di anni di conoscenze e ricerche precedenti ed elaborare più dati di tutti i computer precedenti messi insieme. La comunicazione globale istantanea oggi collega tutti i punti del globo via satellite e altre tecnologie avanzate, in modo che tutti gli eventi ovunque possano essere immediatamente conosciuti e visualizzati da tutti. Un globo che una volta impiegava mesi per girare in cerchio ora può essere attraversato in poche ore e ogni centimetro quadrato del pianeta può ora essere raggiunto da armi nucleari distruttive in quindici minuti,L’accelerazione o il fattore valanga può essere visto nel deterioramento della piramide del debito mondiale, dove fallimenti personali e aziendali, S&L e fallimenti bancari e insolvenze del Terzo Mondo stanno accelerando a un ritmo vertiginoso. Lo si può vedere nell’incredibile sconvolgimento e cambiamento nell’impero sovietico e nell’accelerazione delle rivoluzioni comuniste in America centrale e latina, Sud Africa, Filippine e Medio Oriente. Lo si può vedere nella corsa precipitosa verso l’unione politica, economica e monetaria nell’Europa occidentale; e nel tuffo verso un Nuovo Ordine Mondiale e “la fusione degli interessi comuni di USA e URSS” (mirata a metà degli anni ’90 da Bush e dai suoi amici globalisti).Il fattore di accelerazione può essere visto nella rapida diffusione del movimento New Age che promette di inaugurare un governo globale entro il 2000 e nell’esplosione dell’occulto, del satanismo e della filosofia New Age. In breve, il mondo si sta dirigendo verso incredibili cambiamenti, convulsioni e caos negli anni ’90. Mentre la pace, la prosperità, la fratellanza e il governo mondiale vengono promessi e venduti alle masse dai leader americani, occidentali e sovietici, chi scrive crede che qualcosa di completamente diverso si stia avvicinando come un treno merci fuori controllo. Gli anni ’90 saranno il decennio più caotico e convulso della storia moderna, o forse di tutta la storia. Come descrive David Hunt nel suo eccellente libro sul periodo che ci aspetta, sarà ” pace, prosperità, e poi il prossimo olocausto “.Ricorda di guardare non solo  ciò che  sta accadendo, ma la  velocità  con cui si verificano tali eventi. È chiamato:
IL FATTORE DI ACCELERAZIONE.

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento