Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

6Cristo era sempre consapevole della sua divinità anche da bambino?

Apologetica cattolica n. 5

Nel 2005, ho preso in mano una copia di “Cristo Signore Fuori dall’Egitto” di Anne Rice, la famosa scrittrice di narrativa nota per il suo lavoro su romanzi di vampiri piuttosto occulti. Ma all’inizio mi ha fatto piacere sentire della sua conversione e del suo desiderio di scrivere una serie di libri su Nostro Signore, anche se da una prospettiva immaginaria.

Il primo di quei libri era il suo lavoro sull’infanzia del Signore. Tanto più che siamo nell’Epifania, è importante comprendere un errore comune ma pernicioso sull’infanzia di Nostro Signore. Piuttosto che essere semplicemente presente nel lavoro di Anne Rice, questo errore è stato erroneamente promulgato dal modernismo ormai da diversi anni.

Sebbene il libro della Rice insegni alcune delle verità della Chiesa, alcune aree vanno oltre il Vangelo e presentano una vera e propria eresia. Uno di questi esempi è la Presentazione del Signore in cui Anne Rice scrive che Cristo, da bambino, non sapeva ancora di essere il Figlio di Dio.

I modernisti oggi affermeranno che non possiamo sapere con certezza che Nostro Signore era sempre consapevole della Sua divinità messianica. Coloro che lo affermano stanno predicando una vera e propria eresia. Se Gesù Cristo è Dio, cosa che sappiamo essere vera, come avrebbe potuto non sapere di essere Dio? Non poteva. Non solo è contro il buon senso affermare che Dio non si è reso conto di essere Dio, questo errore è stato ufficialmente e inequivocabilmente condannato dal Magistero della Chiesa.

Papa San Pio X ha condannato l’affermazione insidiosa che Cristo non ha sempre posseduto la coscienza della sua dignità messianica come un errore in Lamentabili Sane (Syllabus Condemning the Errors of the Modernists). Nel suo Sillabo degli errori, il santo pontefice condannò al punto trentacinque l’errore che cioè afferma: “Cristo non ha sempre posseduto la coscienza della sua dignità messianica”.

I più grandi errori che vengono promulgati nel nostro mondo oggi sono spesso inseriti tra affermazioni vere. Gli eretici affermeranno che qualcosa non può essere conosciuto con certezza o che alcune verità non sono sempre verità reali perché non sono universali. L’etica della situazione, che un tempo era stata sfacciatamente condannata dai più alti nell’autorità della Chiesa, è tornata indietro nelle discussioni teologiche e ha spostato la nozione di verità eterne e senza tempo.

Spetta ai laici imparare gli errori del modernismo. Il modernismo mescola spesso la verità con l’errore. Papa Leone XIII ha osservato citando un autore anonimo in Satis Cognitun , “Non può esserci niente di più pericoloso di quegli eretici che ammettono quasi l’intero ciclo della dottrina, eppure con una parola, come con una goccia di veleno, infettano il vero e semplice fede insegnata da nostro Signore e tramandata dalla tradizione apostolica” ( Auctor Tract. de Fide Orthodoxa contra Arianos ). Il nostro mondo oggi è, secondo la descrizione di Papa Leone XIII, dimora di alcuni degli eretici più pericolosi che siano mai vissuti.

Che siamo laici o religiosi consacrati o sacerdoti ordinati, è di vitale importanza per il bene della Santa Madre Chiesa che impariamo gli errori dei modernisti e correggiamo coloro che affermano questi falsi insegnamenti in contesti pubblici, nei gruppi di social media online, o anche nelle conversazioni a cena in famiglia.

L’idea che Nostro Signore non fosse sempre consapevole della Sua divinità da bambino è un errore pernicioso che deve essere contrastato nel nostro mondo. Eppure questo è solo uno dei sessantacinque errori enumerati da Papa San Pio X in Lamentabili . Piuttosto che passare il tuo tempo libero oggi sui social media o guardare la televisione, spendilo per imparare quali sono gli altri sessantaquattro errori. E quando hai letto l’elenco, prega su come puoi aiutare a contrastare questi errori.

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento