Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

5Sei eresie contro la Santissima Trinità e come confutarle

La verità cattolica della Santissima Trinità

Il Catechismo di Baltimora afferma sinteticamente: “In Dio ci sono tre persone divine, realmente distinte e uguali in tutte le cose: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo”.

Come cattolici, non siamo politeisti. Non crediamo in tre dèi ma in un solo dio. Il Credo Atanasiano, [1] una delle prime professioni di fede, confessata almeno dal V secolo, dichiara:

“Così il Padre è Dio, il Figlio è Dio e lo Spirito Santo è Dio. Ma non ci sono tre dei, ma un solo Dio. Il Padre è il Signore, il Figlio è il Signore e lo Spirito Santo è il Signore. Non ci sono tre signori, ma un solo Signore. Infatti, secondo la verità cristiana, dobbiamo professare che ciascuna delle Persone individualmente è Dio; e secondo la religione cristiana, ci è proibito dire che ci sono tre dèi o tre signori”.

Come mai, allora, c’è un Dio Padre, un Dio Figlio e un Dio Spirito Santo, ma un solo Dio? C’è una sostanza divina e tre Persone divine. Tu ed io siamo ciascuno una sola sostanza e una sola persona, ma Dio è una sola sostanza e tre Persone. Ognuna delle Persone è pienamente divina e possiede tutta la sostanza divina. Come disse Gesù stesso: “Io e il Padre siamo uno” (Giovanni 10:30).

Poiché Dio è perfetto in sé e per sé, non può diventare più perfetto. I Padri della Chiesa greca insegnavano che la sostanza di Dio è tutta perfezione; la sostanza di Dio è l’essere e l’esistenza stessa. Dio è Colui che è (cfr Es 3,14). Non possono esserci due sostanze che racchiudono in sé tutta la realtà, perché almeno non si contenerebbero a vicenda. Pertanto, Dio deve essere Uno, perché se ci fossero Due Esseri Supremi, uno di loro non potrebbe essere completamente supremo senza essere responsabile o superiore all’altro. Se due divinità diverse fossero esattamente uguali, nessuna delle due sarebbe allora veramente suprema perché ci sarebbe almeno una cosa – l’altro ‘dio’ – che una non controlla.

Sappiamo che ci deve essere un Essere Supremo da cui tutto il resto trae la sua esistenza, e sappiamo anche che non può esserci più di un Essere Supremo. Il Catechismo di Baltimora afferma ancora una volta per la nostra edificazione: “Non può esserci che un solo Dio perché Dio, essendo supremo e infinito, non può avere un uguale”. Quindi, possiamo dire con assoluta certezza che Dio è Uno, e per questo Dio ha necessariamente una sola sostanza.

La Trinità è Una. Non confessiamo tre dèi, ma un solo Dio in tre Persone, la “Trinità consustanziale”. Le divine Persone non condividono tra loro l’unica divinità, ma ciascuna di esse è Dio tutto intero: «Il Padre è ciò che è il Figlio, il Figlio ciò che è il Padre, il Padre e il Figlio ciò che è lo Spirito Santo , cioè, per natura un solo Dio”. Nelle parole del IV Concilio Lateranense (1215): “Ognuna delle persone è quella realtà suprema, vale a dire, la sostanza, essenza o natura divina”.

Coloro che negano la capacità di Dio di farsi uomo o di esistere come trinità di Persone divine – siano essi ariani o musulmani – negano la capacità di Dio Onnipotente di fare ciò che vuole. Dio stesso può fare ogni cosa, e questo è ciò che lo rende supremo. Affermare, come fanno eretici e pagani, che Dio non potrebbe diventare un uomo, bestemmia il potere di Dio che può fare qualsiasi cosa tranne commettere peccato (cioè offendere se stesso).

Eresie contro la Trinità

Dopo questo breve riepilogo delle verità della Santissima Trinità, identifichiamo brevemente sei eresie chiave contro la Trinità. Alcuni di questi stessi errori emergono ancora, quindi studiali attentamente per confutarli quando li incontri.

Arianesimo: L’arianesimo prende il nome dall’eretico Ario (c. 250-336), un sacerdote ad Alessandria. Gli ariani considerano Nostro Signore Gesù Cristo come una creazione speciale di Dio per la salvezza dell’uomo. Gli ariani non credono che Nostro Signore Gesù Cristo sia uguale al Padre. Alcuni ariani erano disposti a dire che Gesù era “divino”, ma ritenevano che fosse inferiore al Padre. La posizione ariana di base era che “ci fu un tempo in cui [il Figlio] non lo era”. Quindi, credono che il Figlio non sia eterno e non sia della stessa sostanza del Padre. [2] Si aggrappano al monoteismo ma pongono la loro ragione al di sopra della fede cattolica.

L’arianesimo era la forma di cristianesimo a cui aderivano i Goti ed era popolare in tutte le aree che conquistarono, tra cui l’Italia, la Spagna e il Nord Africa. È ancora molto vivo nel mondo di oggi da parte di persone che dicono che Gesù è il “figlio di Dio”, come se il titolo significasse che è inferiore a Dio Padre. Alcuni direbbero anche che l’Islam ha preso in prestito anche questo falso errore.

Apollinarismo: Prende il nome da Apollinare di Laodicea (+390), un vescovo dell’Asia Minore che si oppose ad Ario. Questa eresia afferma implicitamente che Gesù Cristo non è né pienamente uomo né pienamente divino. Gli apollinari suggerirono che Nostro Signore avesse un’anima umana con una mente umana che fu rilevata da Dio. Ciò nega ancora una volta la piena divinità di Nostro Signore come Seconda Persona della Santissima Trinità. Sebbene Apollinare fosse inizialmente rispettato da molti leader della Chiesa ortodossa, tra cui Sant’Atanasio, la sua eresia fu condannata al Primo Concilio di Costantinopoli (381 d.C.). Questo errore è contrario al chiaro insegnamento della Chiesa secondo cui Nostro Signore aveva due nature complete: umana e divina, che fu dogmaticamente definita da Papa Leone Magno al Concilio di Calcedonia (451 d.C.).

Nestorianesimo: prende il nome da Nestorio, un patriarca di Costantinopoli che credeva che Gesù Cristo avesse due nature – uomo e Dio – che rimasero separate durante il suo tempo sulla terra. Di conseguenza, credevano che Cristo non fosse identico al divino Figlio di Dio. Questo nega la vera natura di Cristo, che è una Persona completa, pienamente divina che ha due nature, una divina e una umana. Questa eresia fu autorevolmente condannata al Primo Concilio di Efeso nel 431 d.C. e al Concilio di Calcedonia nel 451 d.C.

Alcuni luoghi di culto nestoriani si possono ancora trovare in Iran. È interessante notare che l’eresia di Nestorio fu identificata per la prima volta perché si rifiutò di onorare la Nostra Beata Madre come Madre di Dio (in greco, Theotokos , o “la portatrice di Dio”). I nestoriani sosterrebbero che la Vergine Maria era la Madre di “Gesù l’Uomo” ma non di “Dio il Figlio”. Questa eresia è ancora vigorosamente promossa dagli eretici protestanti.

Adozionismo: l’adozione è un’eresia che afferma che Gesù era un essere umano che fu “adottato” da Dio al suo concepimento o al suo battesimo, a quel punto Dio lo indusse con una natura divina. Questa eresia è progredita nel mondo moderno ed è presente quando alcuni credono falsamente che Gesù non abbia sempre saputo della sua divinità, anche da bambino. Questi eretici affermano che Nostro Signore non era divino se non più tardi nella vita, quando gli fu data la missione di diventare il Cristo. [3]

Questa eresia contraddice la verità che Nostro Signore è sempre stato una Persona divina che “si fece uomo dalla Vergine Maria”. Nota come questa affermazione del credo nega che esistesse in precedenza. Molti adozionisti credono inoltre che proprio come Gesù fu “adottato” quando lo Spirito Divino “discese” su di Lui, così anche lo Spirito Divino Lo lasciò quando soffrì e morì. Anch’essi mettono la ragione al di sopra della Fede e si rifiutano di credere che Dio possa soffrire e morire per i peccati dell’uomo.

Monofisismo: Monophysite deriva dalle parole greche per “una natura”. Questa eresia afferma che Gesù Cristo fu un’unione della Divinità con la persona umana Gesù, avvenuta all’Incarnazione. Il monofisismo fu una reazione contro il Nestorianesimo, che enfatizzava le due nature di Gesù al punto che Egli era fondamentalmente due Persone. Il monofisismo sosteneva che la divinità di Cristo essenzialmente dominava la sua natura umana, così che Gesù era una persona che aveva effettivamente solo una natura: la natura divina.

Eutyches, un monaco di Costantinopoli, avanzò questa eresia e fu scomunicato nel 448 d.C. Il monofisismo fu condannato al Concilio di Calcedonia nel 451. Tuttavia, ricevette molto sostegno imperiale nei secoli successivi, portò a diversi scismi orientali con Roma e provocò molti problemi politici, sociali ed ecclesiali. Vari gruppi monofisiti erano in scisma quando i musulmani invasero il Medio Oriente e il Nord Africa nel VII secolo. Pertanto, questi gruppi non si sono mai riuniti con Roma e questa eresia è rimasta. In effetti, è ancora molto vivo in diverse odierne sette cristiane egiziane e mediorientali.

Sabellianismo: il sabellianismo è talvolta chiamato “modalismo” o “monarchianismo” o anche “monarchianismo modalistico”. In questa eresia, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo sono tre modi, ruoli o volti di una sola Persona: Dio. Questa eresia è rigorosamente monoteista, rifiutando la verità che ci sono tre Persone divine. Spesso concepiscono Dio che ‘agisce’ come Padre Creatore nell’Antico Testamento, poi ‘agisce’ come Figlio Redentore nel Nuovo Testamento, e successivamente ‘agisce’ come Spirito Santificatore in quest’ultima età dopo l’Ascensione di Cristo.

Questa eresia implica che Gesù Cristo fosse puramente divino e non avesse una natura umana. Cosa significa questo? Significherebbe che Nostro Signore non avrebbe potuto veramente soffrire o morire. Questa eresia nega la Redenzione dell’Uomo e l’Incarnazione. Sabellio fu condannato da papa Callisto.

Conclusione

La teologia trinitaria richiede una terminologia precisa che salvaguardi le definizioni dogmatiche della Chiesa circa le verità salvifiche che Dio ha rivelato su se stesso. Nell’umiltà, l’uomo dovrebbe sempre riconoscere che la sua ragione non può mai esaurire o comprendere l’intero mistero della Beata Trinità, ma presta volentieri l’obbedienza della fede divina agli insegnamenti della Chiesa. È meglio non tentare di scrivere o parlare (istruire) sulla Trinità senza un attento studio e preghiera in anticipo. In caso di dubbio, studia il Catechismo di Baltimora o il Catechismo cattolico disponibile qui presso il Fatima Center.

Come professiamo nel Credo Atanasiano: “[L]a Unità deve essere adorata nella Trinità e la Trinità nell’Unità. Chi dunque vuole salvarsi, deve credere così della Trinità».

La Madonna, Sterminatrice di tutte le eresie, preghi per noi!

Nota dell’editore: per coloro che sono interessati a studiare di più sulla Santissima Trinità, consigliamo ” Costruire su solide fondamenta “, una serie di video sui fondamenti della nostra fede cattolica di David Rodríguez. Le versioni solo audio di questi discorsi sono disponibili anche su The Fatima Center Podcast.

Tre episodi trattano specificamente del Mistero della Santissima Trinità: [#16] “Il vero Dio è una Trinità”, [#17] “La Santissima Trinità nella Messa” e [#18] “Gli esseri umani sono come la Santissima Trinità? ”.

Altri episodi affrontano gli attributi divini di Dio e come possiamo dimostrare che Dio esiste usando la ragione umana.

[1] È possibile scaricare una copia di The Athanasian Creed ( qui )

[2] Il Credo niceno, che i cattolici professano ogni domenica durante la Santa Messa, è stato scritto appositamente per confutare l’eresia ariana. Per questo professiamo che il Figlio è eternamente generato dal Padre, non creato (creato), e che è consustanziale al Padre. In greco, questo vero insegnamento è espresso dalla parola homoousious , che significa ‘della stessa sostanza’. Coloro che avevano inclinazioni ariane, spesso chiamati semi-ariani, preferivano usare la parola homoiousious per mettere in relazione il Padre e il Figlio. Questo termine significa “di una sostanza simile “. Tuttavia, solo l’aggiunta di questa “i” (iota) cambia il significato ed è condannata come eretica. Questa è anche l’origine di frasi come “una virgola fa la differenza” o “non cambiare una virgola”.

[3] Le persone spesso pensano che la parola “Cristo” sia simile a un cognome di Nostro Signore. In realtà è un titolo specifico con cui professiamo la nostra fede in Lui. “Cristo” è la parola greca con cui si traduce il termine ebraico “Messia”. La traduzione più vicina che abbiamo in inglese è “Salvatore”. Quando ci riferiamo alla Seconda Persona della Trinità come Gesù Cristo, stiamo in effetti dicendo “Gesù il Salvatore”. Naturalmente la parola significa molto di più, soprattutto perché il concetto ebraico di Messia include l’attesa di 4000 anni, l’adempimento di tutte le promesse di Dio, l’istituzione di un’alleanza eterna e come il regno del Figlio di Davide durerà per sempre.

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento