Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

4I miracoli sono la prova dell’origine divina della Chiesa cattolica

Apologetica cattolica #67

L’uomo può conoscere attraverso la ragione

Come riassume sinteticamente il libro La mia fede cattolica: “La Divina Rivelazione ci giunge in due modi: attraverso la Sacra Scrittura, scritta sotto ispirazione divina, e attraverso la Tradizione, tramandata oralmente dai tempi apostolici”.

Questi sono i due mezzi di Rivelazione Divina che abbiamo per conoscere la Fede, ma abbiamo gli strumenti che ci aiutano a comprendere ulteriormente la Fede che è stata rivelata da Dio.

Uno di questi strumenti è la nostra capacità di ragionare come esseri umani. Alcune cose possono essere conosciute solo con la ragione. Ad esempio, si può sapere solo con la ragione che Dio esiste. Ciò è stato affermato esplicitamente – e infallibilmente – nel Concilio Vaticano I. 

Quando esaminiamo il mondo creato, quando consideriamo la perfezione della creazione, quando comprendiamo che doveva esserci una Causa Prima che ha dato inizio a tutte le cose, possiamo usare la nostra ragione per capire che deve esserci un essere divino. La ragione non ci informa chi sia quell’essere. Ci aiuta solo a capire che qualcosa non viene dal nulla. Questa è la ragione per cui lavoriamo. Il ragionamento dovrebbe anche essere informato da una filosofia forte e scolastica.

Le prove dei miracoli aiutano anche l’uomo

Un altro mezzo che ci aiuta a conoscere queste verità è l’immensa generosità di Dio nei Suoi miracoli. I miracoli di Dio dimostrano ulteriormente l’origine divina della fede cattolica. Un miracolo lascia dietro di sé una prova che a sua volta diventa uno strumento di cui l’uomo può avvalersi per arrivare alla verità.

Alcune prove sono tangibili e durano attraverso i secoli; ad esempio la tilma di San Juan Diego, la Sindone di Torino, o il Miracolo Eucaristico di Lanciano. Gran parte delle prove dei miracoli provengono anche dalle testimonianze dei testimoni. Se tre, cinque o dieci persone giurano tutte in un tribunale di aver visto questo o quell’evento, ciò è accettato come prova legittima, anche se il giudice e la giuria non sono in grado di testimoniare l’evento. Ad esempio, la testimonianza di 70.000 testimoni a Fatima, tra cui atei e nemici della Chiesa, è una prova schiacciante a sostegno del Miracolo del Sole.

Nel suo libro, Ortodossia, GK Chesterton fece la seguente astuta osservazione: “Ma la mia convinzione che i miracoli siano accaduti nella storia umana non è affatto mistica; Credo in loro sulla base di prove umane come credo nella scoperta dell’America. … In un modo o nell’altro è nata l’idea straordinaria che i miscredenti nei miracoli li considerano freddamente e giustamente, mentre i credenti nei miracoli li accettano solo in connessione con qualche dogma. Il fatto è tutt’altro. Chi crede nei miracoli li accetta (a torto o a ragione) perché ne hanno le prove. I miscredenti nei miracoli li negano (a torto o a ragione) perché hanno una dottrina contro di loro”.

Quindi, attraverso due di questi strumenti, cioè l’uso della ragione e le prove esterne dei miracoli, ogni uomo può arrivare a credere a ciò che insegna la Chiesa.

La Chiesa Cattolica come Bastione dei Miracoli

La Chiesa Cattolica è il grande bastione dei miracoli. Abbiamo numerosi miracoli che testimoniano l’autenticità della fede cattolica. Ecco alcuni esempi:

  1. Le stimmate. Decine di santi – tra cui Santa Caterina da Siena, San Giovanni di Dio, San Francesco d’Assisi, San Pio da Pietrelcina, la Beata Anna Caterina Emmerich e la Beata Margherita Maria Alacoque – hanno avuto i segni visibili delle ferite di Cristo sul loro corpo. Complessivamente sono più di 500 le persone che hanno avuto sul proprio corpo le ferite visibili (o invisibili) di Cristo.
  2. Miracoli eucaristici. Ci sono stati dozzine di miracoli di questo tipo – compresi quelli di Lanciano e Orvieta in Italia e di Santarém, in Portogallo – alcuni dei quali sono stati esaminati scientificamente, testimoniando la verità che l’Ostia eucaristica è in realtà la carne e il sangue di Cristo.
  3. Santi incorruttibili. Esistono più di 150 santi incorruttibili la cui incorruttibilità sfida tutta la scienza.
  4. Miracoli attribuiti alla Madonna. Questi includono il Miracolo del Sole a Fatima, testimoniato da più di 70.000 persone; le numerose guarigioni di persone da malattie incurabili nelle acque di Lourdes; e i tanti miracoli attribuiti allo Scapolare Marrone e al Rosario, compreso il Miracolo di Hiroshima.
  5. Miracoli attribuiti ad altri santi. Ad esempio, il sangue di San Gennaro si liquefa frequentemente ogni anno.
  6. Apparizioni della Madonna e di altri santi. Ci sono dozzine di apparizioni confermate e verificate nella storia, non solo della nostra Beata Madre (ad esempio, a Guadalupe, Rue de Bac, La Salette, Lourdes, Quito e Fatima) ma anche di San Michele Arcangelo (ad esempio, sul Monte Gargano , vicino Napoli, Italia; e a Fatima) e altri santi (ad esempio, San Giuseppe, a Fatima).
  7. Resurrezioni. Ovviamente tutta la fede cristiana poggia sul miracolo pasquale della risurrezione di Cristo. San Paolo scrive addirittura: «E se Cristo non fosse risorto, vana è la vostra fede» (1 Cor 15,17). Eppure molti altri santi hanno resuscitato i morti. Si sa che solo San Vincenzo Ferrer ha risuscitato più di trenta persone dalla morte, e la Chiesa registra 873 miracoli da lui compiuti. Santa Rosa da Viterbo, San Giuseppe da Copertino, Santa Collette e San Giovanni da Capistrano sono solo alcuni degli altri santi che hanno resuscitato i morti.

Veri miracoli nella Chiesa cattolica

Abbiamo riportato miracoli eucaristici – o, di fatto, qualcuno degli altri tipi di miracoli sopra menzionati – nelle comunità luterane o anglicane? La risposta è un sonoro e rivelatore “NO”. Eppure nella Chiesa cattolica lo facciamo. E quando i miracoli vengono esaminati dalla scienza moderna, li trovano ancora inspiegabili.

Come illustra il sito web ProtestantErrors.com, la vera Chiesa dovrebbe risplendere di miracoli, e solo la Chiesa cattolica ha dimostrato di essere accompagnata da ripetuti miracoli autentici.

È anche importante chiarire un malinteso popolare, ovvero che la Chiesa sia piena di creduloni sempliciotti pronti a credere in un miracolo in un batter d’occhio. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Le autorità ecclesiastiche sono, di regola, piuttosto scettiche nei confronti di qualsiasi “miracolo” riportato. Fanno ogni sforzo per dimostrare che un presunto evento miracoloso potrebbe avere cause non soprannaturali. La Chiesa conduce esami rigorosi, parametri rigorosi e intensi interrogatori incrociati, così come ogni test immaginabile da parte di professionisti scientifici esperti, prima che la Chiesa dichiari autorevolmente che un presunto evento è effettivamente soprannaturale. Un processo di esame così esaustivo e meticoloso non viene condotto da nessun altro gruppo religioso quando rivendica un “miracolo”.

Infatti, come osservò Chesterton, coloro che credono in un miracolo non lo fanno per una credenza dogmatica, ma piuttosto perché vengono presentate loro prove sufficientemente convincenti. Questo è vero oggi come lo era mille anni fa. La natura umana non è sostanzialmente cambiata. Pochi sono pronti a credere che sia avvenuta una guarigione miracolosa, o che un “pezzo di pane” abbia sanguinato, o che un uomo sia risorto dai morti, senza vedere l’evidenza come prova. Anche San Tommaso dovette mettere il dito nelle piaghe di Nostro Signore prima di esclamare: “Mio Signore e mio Dio!”

Conclusione

Dio, nella Sua bontà e generosità, ci fornisce prove dell’accuratezza delle dottrine della Chiesa Cattolica. Ed è anche per questo che Satana non attacca gli evangelici o i battisti, i musulmani o gli indù. Sta attaccando il sacerdozio cattolico; si sta infiltrando nei nostri seminari; e sta portando gli uomini ordinati al sacerdozio di Gesù Cristo a tradire il loro ufficio. E Satana fa questo perché nella Chiesa Cattolica c’è la verità. Perché dovrebbe sprecare il suo tempo attaccando quelle anime che sono già sotto il suo dominio?

Siamo sempre pronti a rendere conto della nostra fede (cfr 1 Pt 3,15). Possiamo farlo comprendendo la verità della fede cattolica vista attraverso argomenti intellettuali e attraverso i miracoli. In questo modo, diventiamo missionari per tutti coloro che incontriamo.

Il Centro di Fatima

Articoli correlati

Dobbiamo amare la guerra!

Riparazione per gli oltraggi satanici

La Comunione sulla mano: un grave abuso e un peccato più grave

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.