Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

3Risposte dirette per i cattolici divorziati (Parte 3)

E se, in assenza di un decreto di nullità emesso dalla Chiesa su un precedente matrimonio, un cattolico o un altro battezzato ottiene il divorzio civile e poi tenta di risposarsi mentre il coniuge originario è ancora in vita?

Un tale tentativo di matrimonio non è altro che un tentativo. Non ha luogo un secondo matrimonio e la cerimonia stessa è semplicemente una scandalosa espressione pubblica dell’intenzione delle persone di vivere in uno stato continuo di adulterio – oggettivamente parlando, in uno stato di peccato mortale.

Nessuna persona coscienziosa dovrebbe osare esprimere alcuna nota di piacere o congratulazioni per una tale catastrofe sociale e spirituale, ma piuttosto dovrebbe indicare il percorso verso il perdono di questo peccato, che può essere raggiunto solo attraverso il pentimento e la correzione delle parti la loro situazione.

Un rapporto di lunga data di questo genere non sarebbe per certi versi lodevole, almeno per la sua stabilità e per l’affetto e la lealtà reciproci che le persone si dimostrano?

Non nel caso di rapporti sessuali adulteri. Qualcuno penserebbe di elogiare una coppia di ladri o assassini per aver lavorato insieme per un lungo periodo di tempo? Qualsiasi uomo e donna che vivono insieme (come se fossero marito e moglie) senza sposarsi, o che (essendo cattolici) si sposano solo civilmente, o che hanno tentato di risposarsi mentre il loro vero coniuge rimane in vita, commettono atti oggettivamente peccaminosi di fornicazione o adulterio, indipendentemente da qualunque altra responsabilità morale possano adempiere.

Le circostanze di alcuni divorziati non potrebbero rendere il loro “risposarsi” solo un peccato veniale, in modo che possano essere perdonati senza dover emendare la loro vita?

Non ci sono circostanze che possono cambiare la natura gravemente peccaminosa dell’adulterio. Questo è il motivo per cui Nostro Signore ha parlato in modo assoluto di questa situazione, dicendo che “chiunque” tenta di risposarsi mentre il suo vero coniuge è ancora in vita, indipendentemente dalle circostanze, è colpevole di adulterio (un grave peccato contro il Sesto Comandamento): “Chiunque metterà allontana sua moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio contro di lei. E se la moglie ripudia il marito e si sposa con un altro, commette adulterio». (Mc 10, 11-12)

Un peccato così grave può essere perdonato solo se il peccatore manifesta sia un sincero pentimento che uno scopo di emendamento, cioè una risoluzione per porre fine al comportamento adultero. Il vero dolore per il peccato include sempre una tale decisione di non continuare nel peccato – e dove non c’è vero dolore, non può esserci perdono.

La Santa Comunione ai divorziati risposati: un naufragio dopo l’altro

I cattolici divorziati e “risposati” possono ricevere la Santa Comunione?

Non prima di aver posto fine alla loro situazione peccaminosa rompendo tutti i legami scandalosi e illeciti.

I divorziati e “risposati” non hanno forse bisogno dell’Eucaristia come medicina spirituale che li aiuti nel loro cammino verso la piena conversione e il cambiamento della loro vita?

L’Eucaristia è veramente una fonte di forza contro le tentazioni e le inclinazioni al peccato, ma questo parla solo dei suoi effetti. In sé, è il vero Corpo e Sangue di Gesù Cristo. Quindi, per ricevere degnamente l’Eucaristia nella santa Comunione, dobbiamo assicurarci di essere nello stato di grazia.

I divorziati “risposati”, trovandosi oggettivamente “in stato di peccato grave manifesto”[1], potevano solo fare una Comunione sacrilega, e ricevere così non una medicina spirituale ma piuttosto una maledizione, come avverte San Paolo: “Chi mangia e beve indegnamente, mangia e beve il proprio giudizio, non discernendo il Corpo del Signore». (1 Corinzi 11:29)

Ma se alcuni cattolici divorziati e “risposati” sono sinceramente sereni sulla loro situazione coniugale, e sono convinti in coscienza di poter ricevere giustamente la santa Comunione, non dovrebbero essere autorizzati a farlo?

Sarebbe gravemente peccaminoso, sia come sacrilegio che come scandalo pubblico, per qualsiasi cattolico divorziato e “risposato” ricevere la Santa Comunione persistendo in quella situazione manifestamente peccaminosa. Le nostre coscienze non sono infallibili, e nessuna coscienza può giustamente essere definita sincera quando rifiuta di essere informata e conformata alla legge di Dio, e si trova invece in aperta contraddizione con gli insegnamenti della Chiesa. Se una persona è veramente sincera nel suo desiderio di avvicinarsi a Dio, dovrebbe iniziare chiedendogli con fervore le grazie necessarie per abbandonare i suoi peccati e condurre una vita virtuosa.

A che servono gli insegnamenti morali della Chiesa se perdono il contatto con le situazioni concrete della vita reale di oggi?

Nostro Signore ha istituito la Chiesa cattolica , i cui insegnamenti sono per tutta l’umanità, ovunque e per tutti i tempi. La natura umana non cambia da una generazione all’altra, e nemmeno le verità eterne o la legge divina rivelata da Gesù Cristo.

Se la Chiesa vuole sopravvivere, non dovrebbe cercare di adattarsi alla mentalità e alle pratiche del mondo moderno, che sono già diventate la mentalità e le pratiche della maggioranza dei fedeli cattolici?

La missione della Chiesa è salvare le anime, non lenire le coscienze sporche e riempire l’Inferno di peccatori impenitenti. I cattolici che divorziano e tentano di risposarsi mentre il loro vero coniuge è ancora in vita si rifiutano semplicemente di vivere secondo la verità predicata da Gesù Cristo. L’unico vero servizio che la Chiesa può rendere a tali persone è ricondurle alla verità, alla santità di vita, e quindi alla loro salvezza eterna.

NOTE DI FINE[1] Codice di diritto canonico, n. 915

Leggi altre parti:

Parte 1
Parte 2
Parte 4

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento