Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

3L’ultima cartolina di Natale


Ogni anno numerose persone che erano solite inviare al Prof. Plinio una cartolina di Natale nutrivano un’aspettativa piena di speranza. Riceveranno, qualche tempo dopo, una risposta con un’altra cartolina contenente un messaggio natalizio firmato da lui, riempiendo le loro anime di gioia e speranza.

Nel Natale del 1994, l’ultimo celebrato su questa terra dall’insigne leader cattolico, la sua cartolina conteneva il messaggio natalizio che trascriviamo di seguito. Dopo aver introdotto l’argomento, il prof. Plinio fa riferimento all’avvicinarsi del terzo millennio, commenta il «giorno solenne e augusto in cui finiranno nello stesso tempo un anno, un secolo e un millennio», e aggiunge queste sublimi parole:

L'ultima cartolina di Natale di Plinio Corrêa de Oliveira
“Adorazione dei Re Magi” di Stephan Lochner (XVI secolo), Cattedrale di Colon, Germania.

Naturalmente in questo momento gli uomini ricorderanno brevemente come era il mondo mille anni fa, lo confronteranno con quello che è oggi, e si chiederanno come sarà domani… nell’anno 2100… nell’anno 3000!
È impossibile racchiudere in modo ordinato i numerosi eventi, ascese, decadenze, speranze e apprensioni che un quadro così complessivo fa emergere.

Per l’uomo di fede, i tratti della storia si tracciano secondo un criterio chiaro e luminoso: cosa è stato fatto della Chiesa cattolica e della civiltà cristiana nel corso di questo millennio, di questo secolo, di quest’anno? Cosa ne sarà di entrambi in futuro?

E domande simili si presentano di seguito nella mente riguardo alla sfera temporale: cosa è stato fatto del nostro Paese in questo mezzo millennio inaugurato dall’arrivo delle navi dell’Ordine di Cristo? Che ne è stato del nostro grande e amato Paese, oggi avvolto in un nebuloso mix di caos e confusione, progresso e scarsità?

Sia nella sublime vigilia di Natale che nella sera del Nuovo Anno, pieni di apprensioni e di speranze, deponiamo tutti i nostri auguri ai piedi del Bambino Gesù, che sorride misericordioso sotto gli sguardi rapiti di Maria e Giuseppe. E chiediamo loro che, per la grazia di Dio, i prossimi giorni possano vedere rigenerazioni trasfiguranti affinché la morale generale, ora in catastrofico decadimento, sia restaurata sotto l’influenza soave e vittoriosa della Fede.

La Santa Chiesa si liberi finalmente dalla drammatica crisi che attraversa in questi giorni di confusione e di angoscia, e sia riconosciuta da tutte le nazioni come l’unica vera Chiesa dell’unico vero Dio, ispiratrice e Madre di ogni umanità spirituale e spirituale. beneficio temporale. E Lei, aprendo a sé il cuore di ogni uomo, illumini di solare splendore ogni individuo, famiglia, istituzione e nazione.

Sono gli auguri che formulo alle soglie di quest’anno, che estendo di cuore a tutti coloro che mi sono cari e alle rispettive famiglie.

Attraverso l’intercessione vittoriosa di Maria, vedremo esaudite le nostre preghiere.

Plinio Correa de Oliveira

Plinio Corrêa de Oliveira 24 dicembre 2015

Articoli correlati

La storia dell’albero di Natale e perché i cattolici lo decorano

Come il Messia di Händel ci aiuta a combattere il “culto della bruttezza”

Perché le persone ignorano la Jihad al rallentatore che infuria in Francia?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.