Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

31Denunciando la teologia eco-femminista

Denunciando la teologia eco-femminista

Dalle ceneri della Teologia della Liberazione è nata una nuova rivoluzione, più profonda e più ampia: la teologia eco-femminista. Questa nuova teologia è oggetto di un libro di 200 pagine intitolato Dalla teologia della liberazione alla nuova teologia eco-femminista . È scritto da Juan Antonio Montes Varas ed è stato appena pubblicato dall’organizzazione cilena Acción Familia.

Questa nuova teologia unisce il concetto marxista degli “oppressi” con le richieste femministe radicali e la cosiddetta “ecologia profonda”. Secondo questa dottrina, le donne dovrebbero “prendere coscienza” degli abusi subiti a causa della subordinazione che il cristianesimo ha imposto loro e, di conseguenza, dovrebbero considerare l’aborto e le relazioni omosessuali come parte integrante dei “diritti” di cui godono. deve difendere.

La corrente teologica eco-femminista non si limita a un piccolo gruppo di suore visionarie; è una potente corrente di Chiesa che propone un nuovo modo di comprendere l’universo, la religione e perfino Dio stesso. Nasce da un lungo processo radicato nella Chiesa che radicalizza ulteriormente i principi egualitari marxisti di alcune correnti della teologia della liberazione.

Le donne guidano la liturgia (a sinistra) mentre il sacerdote assiste da un banco (a destra)

“… [Quando] parliamo di genere non parliamo semplicemente della rivendicazione delle donne, ma mettiamo in discussione i ruoli e l’autorità”, [illustrato qui tra sacerdote e donne] “al fine di ridefinire l’autorità in modo egualitario…. 

Il libro mostra come importanti congregazioni e università cattoliche sostengano questa pseudoteologia nonostante i suoi postulati contrari alla morale, all’insegnamento della Chiesa e alle Sacre Scritture. Questa corrente ha alleati a vari livelli della Chiesa e dei media ed è intenzionata a perseguire un ideale mistico di “decostruire” e “rileggere” le verità della Fede, il che la rende particolarmente efficace e dannosa.

Denunciando la teologia eco-femminista
Grazie in parte al sostegno dato da alcuni sacerdoti e religiosi e dai “cattolici per il diritto di decidere” dell’Argentina, il loro Congresso ha approvato il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Utilizzando il nome cattolico si ottengono risultati che altrimenti sarebbero del tutto irraggiungibili.

Tuttavia l’azione di questa corrente non si limita alla sfera religiosa. I suoi aderenti promuovono modifiche legislative per incorporare i cosiddetti diritti sessuali e la liberazione delle donne. Sotto la bandiera dell’“ecologia profonda”, questi attivisti mettono sotto controllo qualsiasi iniziativa pubblica o privata che coinvolga l’ambiente. Per fare ciò organizzano sessioni di “sensibilizzazione” e svolgono attività di agitazione per impedire che la società sfrutti correttamente le risorse naturali e metta così a repentaglio ogni progresso materiale.

Secondo Maryknoll p. 
Miguel D’Escoto, vincitore del premio “Lenin per la pace” e qui abbracciato al presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad, la colpa della crisi economica è dei “potenti che hanno rubato loro ricchezza e servizi” e la soluzione è “la ricchezza comunitaria egualitaria”.

La loro visione della terra come essere sacro li porta a promuovere il “declino” economico e il rifiuto di ogni attività umana sulla terra. Per questo motivo ritengono sacra la vita tribale dei popoli nativi.

In considerazione di tutto ciò, è dovere dei cattolici, in particolare di coloro che si dedicano alla difesa della famiglia, denunciare questa rivoluzione interna alla Chiesa, rivoluzione la cui influenza dannosa si fa già sentire gravemente nelle istituzioni civili.

Il libro in lingua spagnola è il risultato di una ricerca sulla diffusione degli errori delle dottrine ecofemministe negli ambienti cattolici, e in particolare in Cile.

Il fatto che il movimento abbia una vasta rete di contatti fuori dal Cile e soprattutto all’interno degli Stati Uniti porta a concludere che l’opera riveste un grande interesse anche per gli americani.

Juan Antonio Montes Varas è coautore di altri due libri sulla crisi familiare pubblicati in Cile, presidente della Fundación de Estudios Culturales Roma e direttore di Acción Familia. Per molti anni è stato anche direttore della Società cilena per la difesa della tradizione, della famiglia e della proprietà. Ha scritto per diverse riviste in tutto il mondo, tra cui Radici Cristiane in Italia e Catolicismo in Brasile.

Il libro è disponibile online in spagnolo e può essere scaricato cliccando qui.

Juan Antonio Montes Varas 14 ottobre 2011

Articoli correlati

Ecco tre modi per esercitare la tua fede negli affari

Qual è la soluzione al drammatico aumento dell’ansia di oggi?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.