Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

2Risposte dirette per i cattolici divorziati (Parte 2)

La Chiesa permette mai ai fedeli di chiedere il divorzio civile?

Solo per gravi motivi, e solo con il permesso del vescovo locale, un cattolico può farlo. Una sentenza di divorzio civile può essere necessaria, ad esempio, dopo una separazione motivata affinché la parte innocente possa ristabilire i suoi diritti patrimoniali. Allo stesso modo, dopo aver ottenuto dalla Chiesa un decreto di nullità, le parti avrebbero bisogno di procurare un divorzio civile per riacquistare uno status giuridico che rifletta il fatto che sono ancora libere di sposarsi. In verità, tuttavia, indipendentemente dal punto di vista della corte sulla loro storia, tali divorzi sono nella migliore delle ipotesi una sorta di finzione legale. Nel primo caso, le parti separate rimangono marito e moglie, e nel secondo caso (in cui il presunto matrimonio è stato dichiarato nullo) i due non sono mai stati effettivamente sposati né divorziati.

Ogni altra chiesa cristiana permette ai suoi seguaci di divorziare e risposarsi. Perché la Chiesa cattolica si rifiuta di accettare questa pratica?

Se qualcuna di quelle congregazioni facesse veramente parte dell’unica vera chiesa istituita da Gesù Cristo, insegnerebbe e aderirebbe al Suo chiaro comando: “Ciò che Dio ha congiunto, nessuno lo separi”. (Matteo 19:6)

Una persona divorziata può riprendere a frequentarsi?

Sì, nel caso di coloro il cui precedente “matrimonio” è stato giudicato invalido da un tribunale ecclesiastico. Come indica il loro decreto di nullità, sono ancora liberi di sposarsi, e quindi sono anche liberi di frequentare i potenziali coniugi.

Ma nel caso di divorziati validamente sposati, sarebbe peccato mortale per loro frequentare la compagnia come se fossero liberi di risposarsi. Parimenti sarebbe peccato mortale per uno scapolo frequentare un divorziato validamente sposato.

La datazione fissa è lecita solo come preparazione al matrimonio. Se le persone in questione non sono libere di sposarsi, la frequentazione sarebbe per loro non solo occasione grave e non necessaria di peccato (e quindi di per sé peccato grave), ma anche scandalo per l’intera comunità (quindi doppiamente peccaminosa).

La parte innocente in un matrimonio fallito non ha diritto a un’altra possibilità di felicità nel matrimonio?

Tali persone si trovano certamente in una situazione difficile e sfortunata, ma dovrebbero ricordare di aver stretto un’unione indissolubile con il proprio coniuge – “nel bene, nel male, … fino alla morte” – promettendo solennemente di non pensare mai a un altro matrimonio mentre il loro vero coniuge era ancora vivo.

Devono anche considerare che questo sacrificio è loro assolutamente richiesto da Nostro Signore, che ha fatto del sacramento del matrimonio il segno per il mondo intero dell’unione unica e indissolubile che ha stabilito tra sé e il suo corpo mistico, la Chiesa . ( Cfr . Ef 5,22-32) Egli esige quindi che i matrimoni sacramentali siano unici e indissolubili come quell’alleanza divina, perché se i matrimoni cristiani potessero essere sciolti a volontà, non potrebbero essere considerati un simbolo del perfetta unione che esiste tra Cristo e la sua Sposa, la Chiesa.

Come devono comportarsi i cattolici divorziati validamente sposati nei confronti delle persone che mostrano un interesse personale per loro?

La maggior parte delle persone nella società odierna sembra considerare i divorziati disponibili per nuove relazioni. Quindi ci saranno senza dubbio persone che sono attratte dai cattolici divorziati e che manifestano il loro desiderio di iniziare a frequentarsi con loro. A questi bisogna dire subito che è fuori questione.

Ci possono essere anche cattolici deboli e indegni che suggeriscono ai loro amici cattolici divorziati di riprendere a frequentarsi e che cercano persino di fornire loro dei compagni. Anche a questi va ricordato senza mezzi termini l’insistenza di Nostro Signore che qualsiasi tentativo di matrimonio dopo il divorzio da un matrimonio valido, sacramentale, consumato è adulterio. (Potrebbero anche aggiungere che qualsiasi cattolico che suggerisca di iniziare a frequentare la compagnia è quindi colpevole di un grave peccato di scandalo.)

Una linea di condotta così schietta da parte dei divorziati sarà molto utile per riparare qualsiasi scandalo che essi stessi possono aver dato con il fallimento del loro matrimonio.

Vita sacramentale dei cattolici divorziati

Tutti i cattolici divorziati sono necessariamente esclusi dalla ricezione dei sacramenti?

No. Certamente una parte innocente in un divorzio, che ha accettato il conseguente fardello di vivere celibe, non dovrebbe lasciarsi turbare da un esagerato senso di colpa. Separarsi (con il permesso del vescovo locale) da un coniuge infedele; per garantire la propria incolumità immediata, o quella dei propri figli, separandosi (anche prima di chiedere il permesso del vescovo); essere stato abbandonato o divorziato dal proprio coniuge legittimo: questi sono disagi, non peccati. Di per sé, non presentano alcun motivo perché una persona si consideri esclusa dalla Chiesa.

Qualsiasi cattolico che abbia diligentemente adempiuto agli obblighi del matrimonio, che abbia esteso un’offerta volontaria per riconciliarsi con il suo vero coniuge (salvo gravi motivi contrari al ricongiungimento) e che non abbia iniziato a convivere con qualche nuovo partner, non dovrebbe avere esitazione a continuare a ricevere i Sacramenti, compresa la Santa Comunione, a patto solo che prima si esamini la sua coscienza per accertarsi di essere in stato di grazia.

Anche per quanto riguarda il colpevole in un divorzio, se ha fatto una buona Confessione dei suoi peccati, con vero pentimento e scopo di emendamento, dovrebbe fare attenzione a non permettere che i suoi sensi di colpa si spingano troppo oltre. Nostro Signore ha istituito il Sacramento della Penitenza come mezzo per assicurare ai peccatori il perdono di Dio, e portare così la pace alle nostre anime. Dopo aver fatto una buona confessione e aver abbracciato uno stile di vita celibe in armonia con i comandamenti, un cattolico divorziato dovrebbe aggrapparsi alla certezza del perdono di Dio. Per una tale persona, il solo fatto di essere divorziati non costituisce un ostacolo alla degna ricezione dei Sacramenti.

Qual è la volontà di Dio per i cattolici validamente sposati, ma ora separati o divorziati?

Proprio come ogni matrimonio è unico, lo sono anche le circostanze di ogni matrimonio fallito. In alcuni casi, i peccati di uno solo dei coniugi hanno portato alla rottura, mentre in altri casi entrambi i coniugi condividono la colpa.

In generale, Dio vuole che la persona o le persone colpevoli ritornino alla Sua grazia mediante una buona Confessione. Lui o lei non dovrebbe essere scoraggiato dal passato, pensando solo al danno irreparabile causato dai suoi fallimenti, ma dovrebbe piuttosto concentrarsi nel rettificare la sua disposizione presente e per il futuro, in modo da ricevere il perdono di Dio. Per questo deve solo essere veramente pentito e pronto a riparare l’offesa fatta al coniuge e lo scandalo dato in generale, ed essere disposto a riconciliarsi con il coniuge se ciò fosse possibile.

Su quali punti dovrebbe concentrarsi un cattolico divorziato validamente sposato nel prepararsi a fare una Confessione sacramentale?

In primo luogo, poiché avviare una procedura di divorzio contro il proprio coniuge senza il permesso del vescovo della diocesi è una questione gravemente peccaminosa, molto spesso accade che uno dei coniugi debba confessare questo peccato. Altri gravi peccati possono aver contribuito alla rottura del matrimonio, come (come spesso accade) il rifiuto della moglie, senza grave motivo, di prendere parte all’atto matrimoniale, o la negligenza del marito nel provvedere al sostentamento materiale della propria famiglia . È probabile che uno o entrambi i coniugi trovino nella loro condotta alcuni di questi difetti che hanno contribuito alla loro reciproca alienazione, per la quale dovrebbero cercare il perdono di Dio attraverso l’assoluzione di un sacerdote.

Il penitente deve anche assicurarsi di accostarsi al Sacramento con una giusta disposizione verso i suoi doveri in corso nello stato coniugale. Un cattolico divorziato il cui coniuge legittimo è ancora in vita – che sarebbe riaccettato da lui o da lei, e per il quale non vi è alcun pericolo o grave motivo contro la ripresa della vita coniugale con quel coniuge – è tenuto a prendere tutte le misure necessarie per un riconciliazione. Questa è una questione di obbligo da parte di entrambi i coniugi, indipendentemente da chi fosse responsabile del loro divorzio.

Leggi altre parti:

Parte 1
Parte 3
Parte 4

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento