Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

2Papa Francesco approva la nota della Curia che condanna il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso e nomina famigerati omosessuali alla Pontificia Commissione

Papa Francesco approva la nota della Curia che condanna il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso e nomina famigerati omosessuali alla Pontificia Commissione
Papa Francesco approva la nota della Curia che condanna il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso e nomina famigerati omosessuali alla Pontificia Commissione

Con l’approvazione di Papa Francesco, il 22 febbraio, festa della Cattedra di San Pietro, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha pubblicato un Responsum a un dubium riguardante la benedizione dell’unione omosessuale.

Nel dubium ricevuto al Dicastero si legge: «La Chiesa ha il potere di dare la benedizione alle unioni di persone dello stesso sesso?».

La risposta della Congregazione è stata: “Negativo”.

Nella sua semplicità, la risposta non potrebbe essere più semplice. La Chiesa non ha il potere di andare contro la legge divina benedicendo uno stato di peccato grave.

Non ci sono “elementi positivi” in una relazione peccaminosa

La Congregazione motiva tale diniego in una Nota esplicativa . Sfortunatamente, alcune parti della spiegazione seminano dubbi e confusione. Ad esempio, la Nota menziona una “presenza in tali rapporti di elementi positivi, che sono di per sé da valorizzare e apprezzare ”.

Questo è sbagliato. La fine malvagia di una relazione peccaminosa vizia ogni “elemento positivo”.

Fr. Royo Marín, OP, scrive: “Che sia o meno l’unico scopo di un’azione, un fine GRAVEMENTE malvagio corrompe totalmente o parzialmente un’azione che è buona in sé”.

Dieci motivi per cui il “matrimonio” omosessuale è dannoso e dovrebbe essere deprecato

A loro volta Lanza-Palazzini affermano che una brutta fine «è capace anche di sventrare [un’azione] di ogni valore quando la devia dall’ideale a cui dovrebbe essere indirizzata».

Pertanto, non si può parlare di “elementi positivi” in una relazione omosessuale o adultera perché l’amicizia e l’aiuto reciproco che tali situazioni potrebbero includere non vengono utilizzati secondo il loro scopo naturale, che è quello di favorire la pratica della virtù. Invece, stabilizzano gli individui coinvolti nella loro abitudine al peccato. Sono viziati, quindi, dalla situazione di peccato in cui sono inseriti.

Rivolta liberale, moderata soddisfazione conservatrice

I settori liberali della Chiesa sono scoppiati in rivolta non appena è stato pubblicato il Responsum approvato da Papa Francesco . Contro di essa insorsero cardinali, vescovi e preti di tutto il mondo. Un esempio è il cardinale Christoph Schönborn, arcivescovo di Vienna. Egli ha dichiarato: “Non ero contento della dichiarazione”. Un’associazione di 350 preti austriaci ha rilasciato una dichiarazione intitolata “Appello alla disobbedienza 2.0”, affermando che “continueranno a benedire le unioni omosessuali”.

La Chiesa non ha il potere di andare contro la legge divina benedicendo uno stato di peccato grave.

Alcuni settori conservatori hanno mostrato moderazione nella loro soddisfazione per il Responsum poiché i gesti di Papa Francesco a favore del peccato omosessuale nel corso degli anni – ad esempio il suo appello per la legalizzazione delle unioni civili omosessuali – lo contraddicono.

Papa Francesco ‘coraggio’ il responsum

Le ragioni di questa reticenza conservatrice furono giustificate appena un mese dopo la pubblicazione del Responsum quando, con un altro dei suoi frequenti gesti simbolici, papa Francesco lo sventrò.

Il 24 marzo, infatti, un comunicato stampa della Santa Sede ha annunciato la nomina di un noto omosessuale, Juan Carlos Cruz, a membro della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori.

I media di tutto il mondo hanno annunciato la notizia con grandi titoli. Il 25 marzo, LifeSiteNews ha riferito: “Il Papa nomina omosessuale dichiarato alla Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori”. IlNational Catholic Registertitolava: “Papa Francesco nomina Juan Carlos Cruz alla Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori”.

Scopri tutto sulle profezie di Nostra Signora del Buon Successo sui nostri tempi

Da parte sua, il titolo di Infovaticana lasciava intendere che il gesto simbolico del Papa argentino era quasi scontato: “[È] il gesto che aspettavano? L’articolo inizia dicendo: «Francesco nomina Juan Carlos Cruz, omosessuale riconosciuto, molto critico nei confronti del documento della Dottrina della Fede sulle unioni omosessuali, membro di una Pontificia Commissione».

Anche altri media hanno sottolineato il collegamento tra questa nomina e il documento della CDF.

Un omosessuale contrario al responsum della CDF

Chi è Juan Carlos Cruz?

Elisabetta Piqué, giornalista argentina legata a papa Francesco, riferisce: “Molto vicino al papa, Cruz è gay e una delle vittime di abusi sessuali da parte del sacerdote cileno Fernando Karadima, condannato nel 2011. Cruz ha lottato per ottenere giustizia e ha incontrato Francesco a 2018 in Vaticano”.

Secondo questo giornalista, Cruz ha criticato aspramente il Responsum della Congregazione per la Dottrina della Fede sulla benedizione delle “coppie” dello stesso sesso. Ha dichiarato al quotidiano La Nación di Buenos Aires : “La Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF), e soprattutto i suoi prefetti, sono completamente in un mondo a parte, lontano dalla gente e cercando di difendere l’indifendibile. Lo vediamo nella lentezza con cui vengono affrontati i crimini di abuso, nella loro mancanza di umanità e di conoscenza della sofferenza delle persone, così contraria a Papa Francesco”.

Legge eterna e naturale: il fondamento della morale e del diritto

In un’intervista alla BBC del 2018, lo stesso Juan Carlos Cruz ha affermato che dopo essersi lamentato con Papa Francesco in una conversazione in Vaticano che alcuni ecclesiastici lo consideravano in stato di peccato perché omosessuale, il Papa aveva detto: “[Devi] capisci che Dio ti ha fatto così e ti ama, e il papa ti ama e tu devi amare te stesso».

Crescente confusione nella Chiesa

La fuorviante Nota esplicativa approvata da Papa Francesco , seguita dalla nomina di un noto omosessuale (difensore del “matrimonio” tra persone dello stesso sesso ) a una Pontificia Commissione incaricata di proteggere i bambini dagli abusi sessuali, aumenta la confusione nella Chiesa su un peccato che “ grida vendetta al cielo”.

La scienza conferma: gli angeli portarono la casa della Madonna di Nazareth a Loreto

Queste osservazioni non sono personali. Si ispirano solo alla fedeltà alla dottrina cattolica e alla vera carità, che consiste nel volere che i nostri fratelli ricevano il bene della grazia di Dio, cosa impossibile senza la verità. L’opera di misericordia spirituale per correggere fraternamente coloro che sbagliano ci spinge a richiamare l’attenzione sugli errori di Papa Francesco. Il suo unico motivo è l’amore per la Chiesa e per il papato.

Credito fotografico: © Chris – stock.adobe.com

Luiz Sergio Solimeo 7 aprile 2021

Articoli correlati

Papa Francesco e il “conflitto globale” nel 2024

Perché Papa Francesco prende di mira i cattolici americani?

Il Cammino sinodale tedesco: cambierà l’insegnamento della Chiesa per “includere” gli omosessuali?

Nel pieno della rivoluzione sessuale, perché papa Francesco sminuisce coloro che difendono la castità?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.