Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

2La Chiesa cattolica contro ogni errore: il conflitto senza fine

La Chiesa cattolica contro ogni errore: il conflitto senza fine

Questo articolo è stato scritto all’inizio della seconda guerra mondiale di fronte alla crisi imminente. Sebbene da allora la situazione mondiale sia cambiata e persino peggiorata, continua lo stesso “conflitto senza fine” tra la Chiesa e i suoi nemici.

Tratto dal giornale, Legionário , 15 ottobre 1939

“The Unending Conflict” è il titolo di un saggio di Hilaire Belloc, nota scrittrice cattolica inglese e intima amica del defunto Chesterton, pubblicato sulla rivista londinese The Universe . Belloc dimostra che tutte le controversie in questi tempi frenetici si riducono sostanzialmente a una sola: il conflitto tra la Chiesa cattolica ei suoi nemici.

Un aspetto molto interessante dei nostri tempi attuali è che nessuno si rende conto della natura della grande lotta che ora coinvolge tutte le nazioni d’Europa e alcuni paesi dell’America e dell’Asia.

Ovunque sentirai dire che questa è una lotta tra il comunismo e quello che viene comunemente chiamato “fascismo”. Quelle stesse persone che si affrettano a fare questa affermazione diranno che la lotta è tra un vecchio mondo tradizionale e un mondo nuovo di zecca in ascesa. Altri, con una visione più ristretta, la chiamano “una lotta tra certe razze o nazioni”. Quest’ultima affermazione è falsa poiché la lotta implica un movimento universale. Tuttavia, altri credono che sia solo una guerra tra ricchi e poveri.

10 motivi per cui il “matrimonio” omosessuale è dannoso e dovrebbe essere deprecato

Tutte queste spiegazioni sono in una certa misura imperfette, quando non del tutto assurde. Quello a cui stiamo assistendo è un conflitto tra la Chiesa cattolica ei suoi nemici.

Siamo diretti verso il caos

La maggior parte degli osservatori più seri e intelligenti di questa lotta non riconoscono certo questa verità. Tuttavia, è la verità centrale di tutta questa lotta. Le persone non lo percepiscono perché generalmente guardano agli effetti indiretti degli eventi. Poiché ogni evento sociale ha origine da cause profonde e sottostanti, non riescono a vedere le cause prime, perché non sono facili da percepire.

Dobbiamo capire che l’attuale conflitto moderno ruota attorno alla Fede. La nostra lotta è un altro esempio della lotta tra la Fede e il mondo che si è svolta nel corso dei secoli. Senza capirlo, non comprenderemo mai la natura del pericolo che minaccia la Terra. Questo perché la minaccia che grava sul mondo moderno non è la possibilità di cadere nelle grinfie di questa o quella razza, o di questa o quella filosofia. È il pericolo di perdere ciò che ha creato la nostra civiltà.

La fede ha costruito la nostra civiltà. Nella misura in cui perdiamo la forza creatrice della nostra Fede, la nostra civiltà si sgretolerà sempre più. Se questa forza è completamente persa, la nostra intera civiltà sarà persa e ci muoveremo verso il caos.

Alcune domande alla dottoressa Inge

Lo scrittore inglese Dr. William Ralph Inge, professore anglicano di teologia a Cambridge, ha scritto una dichiarazione straordinaria. Ha scritto che se il mondo non si sottomette ancora una volta agli insegnamenti di Nostro Signore, è destinato a perire. “Niente può salvarci”, ha detto il dottor Inge, “se non le leggi e le dottrine di Cristo”. Come tutti sanno, è una persona molto intelligente e, cosa quasi altrettanto importante, un uomo estremamente colto. Si è avvicinato molto alla verità poiché le sue parole esprimevano certamente la verità.

Legge eterna e naturale: il fondamento della morale e della legge

Tuttavia, il dottor Inge non è riuscito ad aggiungere l’unica clausola in più che avrebbe dato pieno significato al suo pensiero. Non ha detto che una particolare istituzione ha conservato una tradizione ininterrotta di quell’insegnamento divino che giustamente considera l’unico e più necessario rimedio ai mali moderni. Non ha detto questo perché non ci crede. La dottoressa Inge non crede che la Chiesa cattolica parli con la voce di Cristo o che sia colei che possiede l’intera tradizione di Cristo. Tuttavia, come qualsiasi altro uomo, il dottor Inge avrebbe difficoltà a spiegare chi altro al mondo può rivendicare questo titolo. Lo può fare solo la Chiesa, che secondo la sua stessa definizione è Una, Santa, Romana, Cattolica e Apostolica.

Considera uno qualsiasi dei temi principali che hanno portato gli uomini alla guerra, passati, presenti o futuri. Afferma questi temi sotto forma di domande: “Qual è la vera dottrina sulla proprietà privata, basata sull’autorità di Cristo?” Oppure: “Qual è la vera dottrina sul matrimonio?” O ancora: “Qual è la vera dottrina sulla guerra?” Dall’autorità della Chiesa, troviamo le risposte a queste ea tutte le altre domande che possiamo porre. Al di fuori della Chiesa, otterremo un assortimento di affermazioni contraddittorie. Nessuno può citare un’autorità finale da nessuna parte, tranne che per i cattolici quando affermiamo ciò che accettiamo come una sana filosofia di vita.

La risposta della Chiesa

Si noti inoltre che su ogni questione capitale in cui una risposta è indispensabile per guidare l’umanità, la risposta della Chiesa si basa su diversi principi che sostengono la sua posizione e impediscono sia la falsità dell’esagerazione o l’errore di trattare le questioni universali come se fossero isolate soggetti. Così, ad esempio, in relazione alla proprietà privata, la Chiesa afferma il diritto di proprietà. Non dice, come i comunisti: “La proprietà dei mezzi di produzione è immorale”. Piuttosto, afferma che la proprietà è un’istituzione morale sia in relazione ai beni di consumo che ai mezzi di produzione. La Chiesa afferma anche che ogni essere umano ha il diritto di vivere secondo le norme umane. Ogni essere umano ha diritto a quello che la Chiesa chiama “pane umano”. Vale a dire che la dignità umana deve essere sempre preservata.

La Chiesa insegna ancora di più: la fede presuppone una società stabile; pertanto, non consente una concorrenza illimitata o sfrenata. La dottrina della Chiesa sulla proprietà privata poggia su un’intera rete di proposizioni interconnesse, che se applicate integralmente, producono una società stabile e felice.

La famiglia e lo Stato

Esaminiamo un altro punto di contesa analogo. Esiste l’individuo per lo Stato o lo Stato per l’individuo? Il conflitto tra tirannia e libertà ruota attorno a questo tema. La Chiesa offre una risposta perfettamente chiara.

Scopri tutto sulle profezie di Nostra Signora del buon successo sui nostri tempi

Lo Stato esiste per la famiglia e per migliorare la vita sia fisica che soprattutto spirituale dell’individuo. Tuttavia, lo Stato ha il diritto di esigere che i cittadini difendano la nazione dall’aggressione e obbediscano a leggi ragionevoli. L’autorità civile viene da Dio. L’abuso di autorità non viene da Dio. Infatti, quando l’autorità agisce contro la legge di Dio, perde tutta la sua validità.

Nella sua lunga storia, la Chiesa non ha mai prodotto né ispirato una società che sostenesse la tirannide come principio imperante, né ha prodotto una società in cui l’autorità dei magistrati civili fosse negata.

Alla radice di tutta la dottrina politica e sociale della Chiesa sta la sua chiara dottrina sulla famiglia, istituzione creata per la salvezza dell’individuo.

Soluzioni false

Il tragico pericolo del nostro tempo risiede nelle false soluzioni prive di un’autorità effettiva per attuarle. Sta anche in false soluzioni basate su principi insufficienti, o false soluzioni scaturite dall’estremismo che si propone di sanare la sofferenza mortale che affligge tutti noi.

La scienza conferma: gli angeli hanno portato la casa della Madonna di Nazareth a Loreto

Così, per esempio, qualcuno potrebbe dire che l’uomo sotto il capitalismo industriale sarebbe vittima dell’ingiustizia. Come soluzione, gli oppositori della Fede esclamano: “Poniamo fine alla proprietà privata dei mezzi di produzione e questa ingiustizia scomparirà!” Tuttavia, questo causerà solo peggiori sofferenze; perché la schiavitù è l’unica alternativa possibile alla proprietà privata come istituzione sociale.

La vita coniugale presenta sempre delle tribolazioni, e talvolta le coppie subiscono prove tragiche e quasi insopportabili. Coloro che sono contrari alla Fede esclameranno: “Mettiamo fine al matrimonio attraverso il divorzio accelerato, e allora i mali del matrimonio svaniranno”. L’abolizione del matrimonio non farà altro che provocare mali di gran lunga peggiori e disumani perché distruggerà la cellula o l’unità fondamentale della vita sociale. Ciò comporterà presto l’annientamento della società stessa.

Plinio Corrêa de Oliveira 15 novembre 2018

Articoli correlati

Mettere le cose in chiaro sulla storia cattolica

Se perdiamo il dogma, perdiamo la nostra anima | Parte 1

Crescere nella speranza nonostante la crisi apocalittica all’interno della Chiesa

Perché la religione organizzata nella Chiesa cattolica è necessaria per la salvezza

Nostro Signore veglia sempre sulla sua Chiesa, ma permette che sia scossa dalle crisi

Lo svuotamento della Chiesa cattolica in Brasile: un frutto amaro della teologia della liberazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.