Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

2I cattolici devono credere più delle semplici dichiarazioni dogmatiche

Il Sillabo degli Errori [1] pubblicato da Papa Pio IX l’8 dicembre 1864, elencava la seguente affermazione come una che deve essere respinta da tutti i Cattolici: che vengono proposti alla credenza universale come dogmi di fede dal giudizio infallibile della Chiesa” (errore n. 22 in quel famoso documento).

Che i cattolici debbano solo seguire ciò che è infallibilmente definito è un minimalismo dogmatico avanzato dalla scuola di pensiero teologica modernista tedesca. E nei tempi passati, buoni e santi pastori come Papa Pio IX, con l’aiuto di Padre Joseph Kleutgen, combatterono vigorosamente contro tali errori.

I cattolici devono credere in tutti i dogmi (definiti in modo infallibile e altro ancora)

I dogmi definiti ex cathedra in virtù dell’infallibilità papale [2] sono solo una fonte di verità dogmatica per i fedeli. Due dei dogmi più recenti che sono stati proclamati ex cathedra riguardano l’Immacolata Concezione e l’Assunzione al Cielo della nostra Beata Madre.

Tuttavia, ci sono più insegnamenti che crediamo come parte del magistero ordinario e universale della Chiesa piuttosto che in virtù di dichiarazioni ex cathedra . Uno di questi esempi è che gli ordini sacri possono essere validamente ricevuti solo da un maschio battezzato. Nel 1994, Papa Giovanni Paolo II ha scritto in Ordinatio Sacerdotalis :

«Pertanto, affinché sia ​​fugato ogni dubbio su una questione di grande importanza, che attiene alla stessa costituzione divina della Chiesa, in forza del mio ministero di confermare i fratelli (cfr Lc 22,32), dichiaro che la Chiesa non ha alcuna autorità per conferire l’ordinazione sacerdotale alle donne e che questo giudizio sia tenuto definitivamente da tutti i fedeli della Chiesa”.

Questo documento, pur non essendo ex cathedra , soddisfaceva i quattro criteri per l’infallibilità papale :

“Il Papa deve essere (1) intenzionato ad insegnare (2) in virtù della sua suprema autorità apostolica (3) una questione di Fede o di morale (4) che deve essere tenuta dalla Chiesa universale”.

I vescovi del mondo che insegnano in unione con il Papa – in un concilio ecumenico, per esempio – possono anche infallibilmente definire le questioni, ma queste non sono chiamate “ex cathedra” poiché quel termine si riferisce specificamente all’esercizio dell’autorità del Papa come successore di San Pietro. In quanto tali, tutti gli insegnamenti definiti infallibilmente sono cose che siamo obbligati a credere, anche se non sono definiti “ex cathedra” (cioè, dal Papa che agisce per sua stessa autorità da Dio).

I lettori possono scegliere di familiarizzare con un elenco raccolto di 255 dogmi infallibili, alcuni dei quali sono stati definiti ex cathedra e altri che non sono stati definiti in questo modo. Esempi di dogmi definiti ai Concili includono la definizione delle due nature di Cristo dal Concilio di Calcedonia nel 451 :

“Così, seguendo i santi Padri, noi tutti con una sola voce insegniamo la confessione dell’unico e medesimo Figlio, nostro Signore Gesù Cristo: lo stesso perfetto in divinità e perfetto in umanità, lo stesso vero Dio e vero uomo, di un’anima razionale e un corpo; consustanziale al Padre per quanto riguarda la sua divinità, e lo stesso consustanziale con noi per quanto riguarda la sua umanità; come noi in tutto e per tutto tranne che per il peccato; generato prima dei secoli dal Padre quanto alla sua divinità, e negli ultimi giorni lo stesso per noi e per la nostra salvezza da Maria, la Vergine portatrice di Dio quanto alla sua umanità; un solo e medesimo Cristo, Figlio, Signore, unigenito, riconosciuto in due nature che non subiscono confusione, mutamento, divisione, separazione; in nessun momento la differenza tra le nature è stata tolta attraverso l’unione, ma piuttosto la proprietà di entrambe le nature è conservata e si riunisce in un’unica Persona e in un unico Essere sussistente; Egli non è diviso né diviso in due persone, ma è un solo e medesimo Figlio unigenito, Dio, Verbo, Signore Gesù Cristo, come i profeti hanno insegnato fin dall’inizio su di lui e come lo stesso Signore Gesù Cristo ci ha istruito, e come ce lo ha tramandato il Credo dei padri”.

Altre verità certe della fede

Nel 1998 l’allora cardinale Ratzinger, che sarebbe poi diventato papa Benedetto XVI, pubblicò il “Commento alla formula conclusiva della Professio fidei” dove espose vari insegnamenti “irreformabili” o “definitivi” e, pur non vincolanti come annuncio infallibile, obbligherebbe tuttavia tutti i fedeli a credervi.

Questa distinzione è una sfumatura teologica di cui i modernisti approfittano cercando di implicare che ci sono due gradi di insegnamenti e il grado inferiore può essere cambiato per adattarsi ai tempi. Eppure questo ignora il significato di “definitivo” e “irreformabile”. Se un insegnamento è davvero “irreformabile”, allora non può essere cambiato. Se è “definitivo” non può essere scartato come antiquato quando alcuni lo percepiscono come “troppo difficile” o “scomodo”. Quindi, per il cattolico ordinario tra i banchi, tali insegnamenti sono anche “infallibili” secondo la comune interpretazione del termine.

Esempi di insegnamenti “irreformabili” sono incentrati sui misteri divinamente rivelati che non sono definiti dogmaticamente, mentre gli insegnamenti “definitivi” includono, tra gli altri, l’immoralità dell’aborto e dell’eutanasia. La sfumata distinzione teologica deriva dal contenuto dell’insegnamento e dal livello di autorità con cui è stato definito, non dalla sua capacità di essere cambiato, riformato o scartato. E dovremmo notare che un futuro Papa o concilio ecumenico potrebbe facilmente scegliere, senza alcuna difficoltà, di definire come infallibile uno qualsiasi di questi insegnamenti “definitivi e irreformabili”.

Di conseguenza, oltre ai 255 dogmi infallibili della Fede, l’elenco comune degli insegnamenti della Chiesa include spesso oltre 100 altre certe verità che devono comunque essere credute dai fedeli. L’ elenco in questione enumera 102 verità certe

Esempi inclusi:

  • Il compito principale degli angeli buoni è la glorificazione e il servizio di Dio.
  • Ogni fedele ha il suo speciale angelo custode fin dal battesimo.
  • L’unione ipostatica non fu mai interrotta.
  • Il Sangue nel Corpo Vivente di Gesù Cristo è parte costitutiva integrale della natura umana, immediatamente, non solo mediatamente, unita alla Persona del Logos Divino.
  • Come la latria è dovuta all’intera natura umana di Cristo, così è dovuta alle singole parti della sua natura.

Solo perché qualcosa non è menzionato nel Credo o in una dichiarazione ex-cathedra non significa che ci sia permesso credere in una visione contraria. [3]

Il dibattito può precedere le definizioni dogmatiche

Questo non è lo stesso che discutere questioni che sono aperte all’interpretazione. Un esempio così famoso è stata l’opinione domenicana contro francescana sul fatto che le anime dei giusti vedano Dio nella visione beatifica immediatamente dopo la morte o se debbano aspettare fino al giudizio finale. Tale dibattito fu lecito fino al 29 gennaio 1336, quando Papa Benedetto XII stabilì definitivamente la questione nella costituzione Benedictus Deus , in cui affermava che le anime dei santi:

“…contempla l’Essenza divina con visione intuitiva e faccia a faccia, senza alcuna creatura che media nella maniera dell’oggetto visto, ma l’Essenza divina mostrandosi immediatamente a loro senza copertura, chiaramente e apertamente; e che quando vedono in questo modo hanno pieno godimento di quella stessa Essenza divina. Da questa visione e godimento le anime di coloro che sono già partiti sono veramente beate ed hanno vita e riposo eterni; e anche le anime di coloro che partiranno in seguito vedranno quella stessa Essenza divina e ne avranno pieno godimento prima del giudizio generale…”

Sebbene ciò abbia risolto la questione, è stato aperto un dibattito onesto in anticipo. E alla fine, la verità è stata proclamata. La Chiesa cattolica non può insegnare alcun errore alla luce dell’infallibilità della Chiesa datale da Cristo:

“Per infallibilità della Chiesa si intende che la Chiesa non può sbagliare quando insegna una dottrina di fede o di morale. La Chiesa insegna infallibilmente quando parla attraverso il Papa ei vescovi, uniti in consiglio generale. O attraverso il solo Papa quando proclama a tutti i fedeli una dottrina di fede o di morale. Per indefettibilità della Chiesa si intende che la Chiesa, come Cristo l’ha fondata, durerà fino alla fine dei tempi” ( Catechismo di Baltimora , QQ.124-126)

Nemmeno il Papa può cambiare il dogma

Infine, è imperativo notare che nessuno – nemmeno un Papa – può cambiare le verità della Sacra Scrittura, della Sacra Tradizione o di qualsiasi dottrina definitivamente proposta dal Magistero. Il cardinale Juan de Torquemada (1388-1468) scrisse di conseguenza:

“Se il papa comandasse qualcosa contro la Sacra Scrittura, o gli articoli di fede, o la verità dei Sacramenti, o i comandi della legge naturale o divina, non dovrebbe essere obbedito, ma in tali comandi deve essere ignorato .”

Pertanto, i cattolici non possono mai essere obbligati da alcuna autorità sulla terra – nemmeno da un Papa – a credere, accettare o obbedire a qualcosa che sia contrario alla Sacra Tradizione, alla Scrittura, alla Legge Naturale o a qualsiasi dottrina infallibile della Chiesa o insegnamenti irreformabili. Tutti questi insegnamenti sono basati sull’autorità di Dio Stesso e sulla Sua Divina Rivelazione, e nessuna autorità terrena potrà mai sostituire l’autorità di Dio. Infatti, i cattolici devono resistere – secondo le loro circostanze e il loro stato di vita – a qualsiasi insegnamento contrario alla verità di Dio.

Per saperne di più

I fondamenti del dogma cattolico del Dr. Ludwig Ott contengono un elenco di tutti i dogmi (definiti fino a quel momento) della fede, le loro spiegazioni, la storia e le connessioni. Per coloro che desiderano imparare e studiare di più, è un grande aiuto. Lo stesso vale per il programma di formazione alla fede per adulti su CatechismClass.com , che è dedicato all’insegnamento dei fondamenti del dogma cattolico ai fedeli di oggi.

NOTE DI CHIUSURA:

[1] Nota del redattore : oggi sono in tanti a pensare erroneamente che il Syllabus Errorum possa essere scartato perché non più rilevante. Tuttavia, è chiaro che Bl. Pio IX intendeva che fosse un insegnamento infallibile e quindi irreformabile. Come tutti i documenti, deve essere letto nel contesto. Il Syllabus of Errors in realtà aveva una ‘lettera di accompagnamento’ che è l’enciclica Quanta Cura di Pio IX , o si potrebbe dire che il Syllabus era un”appendice’ a Quanta Cura . Entrambi furono pubblicati insieme come un unico insegnamento l’8 dicembre 1964. Ti invitiamo a leggere Quanta Curaper te. È un documento breve ma potente. Una volta letto, sarete senza dubbio d’accordo sul fatto che il Vicario di Cristo intendeva considerarlo un insegnamento infallibile. Il passaggio più rilevante, con il quale Pio IX risponde esplicitamente ai criteri di infallibilità prescritti dal Concilio Vaticano I, è il paragrafo sei. Le false opinioni e dottrine a cui si fa riferimento in questo passaggio includono le 80 proposizioni elencate nel Syllabus of Errors . Questo paragrafo recita in parte:

“Pertanto, con la nostra autorità apostolica, riproviamo, proscriviamo e condanniamo tutte le opinioni e le dottrine singolari e malvagie menzionate separatamente in questa lettera, e vogliamo e ordiniamo che siano ritenute completamente da tutti i figli della Chiesa cattolica come riprovate, proscritte e condannato”.

[2] Il Concilio Vaticano I ha chiarito che l’infallibilità si riferisce all’“ufficio” del Papa, non all’uomo stesso. Quando il Papa parla “ex cathedra” o dalla stessa sede di Pietro, per definire questioni di fede e di morale, questi insegnamenti devono essere creduti da tutti i fedeli. Parla come il successore di Pietro, a cui Gesù ha dato questa autorità. Il Papa parla partendo dalla Sacra Tradizione e dalla Sacra Scrittura.

Il Vaticano I ha affermato: “. . . il Romano Pontefice, quando parla ex cathedra, cioè quando, agendo nell’ufficio di pastore e maestro di tutti i cristiani, definisce, in virtù della sua suprema autorità apostolica, la dottrina concernente la fede o i costumi che deve essere tenuta dalla Chiesa universale , possiede per l’assistenza divina a lui promessa nella persona di S. Pietro, l’infallibilità di cui il divino Redentore ha voluto che fosse dotata la sua Chiesa nel definire la dottrina riguardante la fede o la morale; e che tali definizioni del Romano Pontefice sono quindi irreformabili per loro natura, ma non per il consenso della Chiesa». [Prima costituzione dogmatica sulla Chiesa di Cristo]

[3] Nota del redattore : mi è stato chiesto spesso (anche a me stesso) se c’è un posto in cui la Chiesa elenca TUTTI i suoi insegnamenti infallibili. La migliore risposta che ho ricevuto è arrivata da padre Michael Rodriguez. Ha spiegato che non esisteva un documento del genere e la Chiesa, nella sua saggezza, non lo farà maiemettere tale documento. Ha detto che questo è perché gli uomini, nella loro arroganza e spinti dal padre di tutte le bugie, non smetteranno mai di “inventare” nuovi errori. Il padre ha inoltre spiegato che la Chiesa è obbligata a condannare questi errori e, a volte, può aver bisogno di usare la sua autorità infallibile. Pertanto, la Chiesa non dovrebbe mai limitarsi a creare un ‘elenco completo’. Ad esempio, tutto ciò che segue potrebbe essere definito con autorità esplicita e infallibile: il matrimonio è tra un uomo e una donna; un uomo non può “trasformarsi” in una donna; la contraccezione, l’aborto e gli atti omosessuali sono intrinsecamente malvagi. Tutto questo è vero e non può cambiare. Fanno tutti parte dell’ordine creato da Dio (Legge Naturale) e possono essere conosciuti da tutti gli uomini. Tuttavia, la Chiesa non ha – finora – utilizzato la sua autorità per dichiararli esplicitamente ‘definiti infallibilmente’.

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento