Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

26In un pellegrinaggio di desolazione e crescita a Lourdes

In un pellegrinaggio di desolazione e crescita a Lourdes
Alla Grotta di Nostra Signora di Lourdes, la sua statua guarda leggermente verso l’alto come per dire “chiedetemi qualsiasi cosa perché so come organizzare tutto con mio Figlio”.

Quando sono arrivato a Lourdes in pellegrinaggio in una giornata invernale fredda e piovosa, mi sono sentito molto pellegrino. Ero infreddolito, stanco e bagnato. Il lungo viaggio era stato estenuante e la camminata sotto la pioggia battente dalla stazione dei treni all’albergo mi aveva prosciugato le energie.

Mentre mi dirigevo verso la Grotta della Madonna, speravo di trovare consolazione e conforto. Tuttavia, il luogo che prima era stato una tale fonte di benedizioni, ora sembrava triste e poco invitante. Tornando in albergo, c’era un silenzio inquietante intorno al santuario che mi ha lasciato perplesso. Niente sembrava andare come previsto.

La mattina dopo, dopo una buona notte di riposo, sono tornato per scoprire che ciò che gli altri mi avevano detto era proprio vero. Durante l’inverno, questo santuario mariano estremamente popolare visitato da milioni di persone è in gran parte vuoto. Non ci sono processioni del rosario o altre attività. Ero venuto preparato per “vuoto” ma non per “desolato”.

Un’immagine desolata
Tuttavia, questo è ciò che ho trovato. Durante l’inverno, e soprattutto in questo inverno molto freddo, Lourdes è assolutamente desolata. Non c’è altra parola per descriverlo. Tutti gli hotel, ristoranti e negozi sono chiusi nell’area del santuario generale. Il mio hotel aveva solo due occupanti. Quasi nessuno era nelle strade. Anche gli onnipresenti negozi di souvenir erano limitati a cinque o sei che rimanevano aperti per un orario limitato.

Scopri tutto sulle profezie di Nostra Signora del buon successo sui nostri tempi

C’erano momenti, sia di giorno che di notte, in cui non c’era assolutamente nessuno nella grande piazza della basilica che normalmente ospita migliaia di persone. Alla Grotta stessa, di solito solo pochi si inginocchiavano davanti alla Madonna.

E faceva freddo. Il freddo che viene dal fiume vicino alla Grotta potrebbe gelarti fino alle ossa. Di notte, tornando a piedi per cinque isolati fino all’hotel nelle strade deserte, pregavo di non essere attaccato nella mia vulnerabilità. In seguito sono giunto alla conclusione che nemmeno i ladri ritenevano che valesse la pena di inseguire queste strade fredde e deserte.

Così iniziò il mio pellegrinaggio di desolazione di una settimana. Il mio ultimo viaggio è stato in piena estate quando si vede Lourdes in tutto il suo splendore, piena di gente, magnifiche processioni e grazie. Ora, mi sembrava di essere passato da un’immagine a colori a una stampa in bianco e nero. Avrei dovuto sopportare un pellegrinaggio ben diverso da quello semplicemente “vuoto” che avevo programmato.

Pellegrinaggio nel silenzio
In effetti, ci è voluto un po’ per abituarsi alla desolazione, al silenzio e al freddo. Mentre andavo alla Grotta più volte al giorno, mi sono reso conto che c’era qualcosa di molto calmante e affascinante nel santuario senza tutto il “rumore” della folla. Mi ha attirato sempre più lì.

In un pellegrinaggio di desolazione e crescita a Lourdes
Mentre andavo alla Grotta più volte al giorno, mi sono reso conto che c’era qualcosa di molto calmante e affascinante nel santuario senza tutto il “rumore” della folla. Mi ha attirato sempre più lì.

Quando il rumore cessa, è più facile notare le cose. Le campane del santuario sembravano più nitide e più belle. Luoghi come il castello medievale illuminato che di notte sembrava fluttuare sulla collina vicino al santuario sembravano più fiabeschi. Le candele sembrano bruciare con maggiore intensità.

Sebbene sia probabilmente teologicamente scorretto, sembrava che le preghiere al santuario fossero più libere. Avevi la sensazione che le tue preghiere andassero dritte alla Madonna della Grotta. Era particolarmente evidente di notte in mezzo al freddo quando il resto del mondo scompariva e si poteva vedere solo il cielo sopra. Una notte iniziò a nevicare che non fece che aumentare questa impressione generale di calmo isolamento. Sentivi di poter restare per ore, ma c’era sempre un momento in cui interveniva la sollecitudine materna della Madonna e sentivi che era ora di lasciare il freddo e tornare al caldo albergo.

Un tremendo alleggerimento
Naturalmente, nonostante tutto, alcune cose al santuario erano ancora aperte. Questi includevano i bagni. I bagni sono vasche di pietra poco profonde racchiuse con l’acqua della sorgente miracolosa della Grotta. I pellegrini sono invitati ad immergersi nelle piscine per la guarigione della mente e del corpo. Solitamente i bagni sono pieni di file di pellegrini divisi da uomini e donne in attesa del proprio turno. Tuttavia, questa volta ero l’unico lì.

I bagni sono una grande meraviglia di Lourdes. I volontari che ti aiutano sono estremamente rispettosi e caritatevoli. Tutto è fatto con modestia e senza alcun imbarazzo. Gli aiutanti in grembiule tengono un asciugamano davanti a te mentre ti prepari per il bagno e poi lo avvolgono intorno a te. Ti conducono alla piscina e poi ti chiedono di pregare con loro. Ti viene quindi detto di sederti in piscina e l’acqua ti arriva al collo.

Tre motivi per cui i nemici della Chiesa odiano l’Immacolata Concezione

Per fortuna l’acqua era fredda ma non il freddo gelido che mi aspettavo. Gli aiutanti mi hanno poi offerto dell’acqua da una brocca per lavarmi la faccia e bere. Non ho ricevuto cure speciali dopo i bagni, ma posso dire di aver avvertito un tremendo alleggerimento di inutili cure che mi hanno accompagnato durante tutto il pellegrinaggio.

Sprecare l’acqua di Lourdes
Sono rimasto deluso dalle nuove disposizioni per ottenere l’acqua di Lourdes. Ero abituato ai rubinetti proprio vicino alla Grotta da cui l’acqua, come grazie, sgorgava esuberante e abbondante. Ciò non è più possibile poiché i rubinetti sono stati rimossi e sostituiti con rubinetti a basso volume che non consentiranno a una persona di riempire facilmente i contenitori.

Salva il segno dell'acqua a Lourdes.
Dato che la sorgente di Nostra Signora ha consegnato milioni di litri d’acqua ai fedeli nel corso dei decenni, è difficile non vedere un’inquietante sfumatura ecologica nelle nuove istruzioni…

Secondo una brochure, i nuovi rubinetti consentono di compiere un gesto simbolico di “lavarsi” e “bere”. Per riempire i contenitori bisogna recarsi in un altro luogo a una settantina di passi di distanza, vicino al fiume. C’era anche un cartello in entrambe le sedi che avvertiva che l’acqua è una risorsa preziosa e non dovrebbe essere sprecata. Dato che la sorgente di Nostra Signora ha consegnato milioni di litri d’acqua ai fedeli nel corso dei decenni, è difficile non vedere un’inquietante sfumatura ecologica nelle nuove istruzioni…

Le Meraviglie di Lourdes
Ci sono molte altre meraviglie a Lourdes. Mi ha colpito, ad esempio, come i favori della Madonna siano letteralmente scritti nella pietra. Le pareti interne della Basilica, della cripta e della Cappella del Rosario sono tutte rivestite di pietre di marmo incise con migliaia di messaggi di ringraziamento per le grazie concesse e le guarigioni ricevute.

C’è la meravigliosa Via Crucis di statue in ghisa a grandezza naturale che occupa un’enorme collina accanto al santuario. Ancora una volta non c’era nessuno in giro, e ho fatto la via crucis da solo. Dall’alto del Calvario, sono stato sorpreso da un magnifico panorama dei Pirenei innevati.

E c’era il fascino della città stessa, della gente e dei suoi mercati. Il centro della città è a una certa distanza dal santuario e aveva alcune attività che permettevano di interagire con la gente. C’erano anche i pellegrini, seppur pochi, che condividono le meraviglie che vi si compiono e con i quali si può parlare. Vengono da tutto il mondo attratti dalle speciali benedizioni della Madonna.

Chiedi qualsiasi cosa
Il pellegrinaggio della desolazione divenne un pellegrinaggio di consolazione. Nel silenzio desolato hai gradualmente preso l’abitudine di pensare, riflettere e pregare. Ciò che mi ha attratto di più è stata la Grotta, che è il cuore e l’anima di Lourdes. Quando sei quasi solo con la Madonna, vivi una sorta di intimità sacrale per cui senti di poterle chiedere qualsiasi cosa senza inibizioni. Era facile passare il tempo a chiedere, chiedere e chiedere ancora. C’è stato tempo per pregare per la crisi all’interno della Chiesa, per l’America, la famiglia e gli amici. E tornando in albergo, hai pensato ad altre cose da chiedere.

E-Book GRATUITO, Un mistico spagnolo a Quito: Sor Mariana de Jesus Torres

E-Book GRATUITO: Un mistico spagnolo a Quito

E la Madonna risponde incoraggiando le vostre suppliche. La sua statua alla Grotta è discreta, educata e molto francese. Lei guarda leggermente verso l’alto come per dire “chiedimi qualsiasi cosa perché so come organizzare tutto con mio Figlio”. E tu sei obbligato a obbedire.

Desolazione o folla?
Con l’avvicinarsi del fine settimana, però, la “folla” ha iniziato ad arrivare. A volte arrivavano trenta o anche cinquanta persone alla volta. Dopo una settimana di desolazione, questi pochi pellegrini sembravano una moltitudine che rompeva la desolazione. Naturalmente, non rimprovererei mai a questi pellegrini la loro possibilità di venire dalla Beata Madre. Ma ironicamente è servito a sottolineare che la desolazione che inizialmente avevo temuto era ora immensamente apprezzata.

Come uno che ha vissuto sia il pellegrinaggio di quello che si potrebbe chiamare il trionfo (con le folle) sia quello della desolazione, mi sono chiesto quale fosse preferibile.

Pellegrinaggio di desolazione, Lourdes
Ci sono momenti nella storia della Chiesa, come il nostro, che si esprimono al meglio nella desolazione. Pellegrinaggi come questi ci insegnano ad astrarre dal rumore del mondo e ad essere attenti alla grazia. In mezzo alla desolazione, sentiamo un bisogno maggiore di andare direttamente dalla Madonna, e questo ci dà coraggio.

Sono propenso a dire che entrambi hanno il loro ruolo. Ci sono momenti nella storia della Chiesa, come il nostro, che si esprimono al meglio nella desolazione. È allora che pellegrinaggi come questi ci insegnano ad astrarre dal rumore del mondo e ad essere attenti alla grazia. In mezzo alla desolazione, sentiamo un bisogno maggiore di andare dritti alla Madonna senza ostacoli, e questo ci dà coraggio.

Tuttavia, ci sono altri momenti in cui il pellegrinaggio del trionfo ci aiuta a crescere spiritualmente. Sentiamo la missione universale della Chiesa che unisce gioiosamente tutti i popoli. Percepiamo l’enorme attrattiva della Chiesa anche nei nostri tempi neopagani. È bene che ci siano grandi processioni del rosario trionfante per rassicurarci e creare in noi la certezza che la Chiesa prevarrà nonostante tutto.

Nel pellegrinaggio della nostra vita, attraversiamo tutti momenti di desolazione e di trionfo. Ognuno ha il suo ruolo, lezioni e grazie speciali. Entrambi sono necessari e fanno parte della vita. L’importante è l’oggetto del nostro pellegrinaggio che si trova nella Madonna che ci conduce a Dio e al cielo. Con questo in mente, qualunque pellegrinaggio tu scelga, non te ne andrai mai deluso.

Come visto su Crisis Magazine.

John Horvat II 31 gennaio 2017

Articoli correlati

La lezione di Lourdes sulla sofferenza

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.