Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

1Tracce di Esoterismo in “Side Degrees” o “Appendant Orders” della UGLE (5a parte)

9.  “Societas Rosicruciana in Anglia” (SRIA)

Arena” è la rivista massonica del “Metropolitan Grand Lodge/Metropolitan Grand Chapter” (UGLE) di Londra. Sul numero 15 del 2013 (Issue 15, Winter 2013), nell’articolo “So what’s S.R.I.A. all about then?” (pp. 25-26), Bro. Chris Starnes (massone della “Bank of England Lodge”: https://www.freemasonrytoday.com/features/historical-discovery-rare-antique-tracing-boards-found-in-bank-on-england-lodge-s-vault) spiega in sintesi cos’è la “Societas Rosicruciana in Anglia” («Society of Rosicrucians in England or SRIA»): è una società cristiana indipendente («an indipendent, Christian society») riservata a Maestri Massoni della UGLE (o di Grandi Logge in amicizia con la UGLE) che condividono la fede cristiana trinitaria («the fundamental principles of the Trinitarian Christian faith»: p. 25). In realtà è una società iniziatica e massonica il cui “cristianesimo” è rosacrociano…

Bro. Starnes scrive che la SRIA è stata fondata a Londra nel 1867 da 7 massoni di cui il principale è Robert Wentworth Little. Alla SRIA sono appartenuti eminenti studiosi massoni come William Wynn Westcott (1848-1925; Maestro Venerabile della “Quatuor Coronati Lodge N° 2076” di Londra e studioso di Cabala ebraica) e Arthur Edward Waite (1858-1942; teosofo, occultista, autore, tra l’altro, della “An Encyclopaedia of Freemasonry”, London 1921).   

Bro. Starnes (a pag. 25) scrive che gli scopi della SRIA sono: 

a) aiuto e incoraggiamento reciproco [tra i membri] nel risolvere i grandi problemi della Vita («in resolving the great problems of Life») e nello scoprire i Segreti della Natura («and in discovering the Secrets of Nature»); 

b) facilitare lo studio del sistema di filosofia, fondato sulla Cabala ebraica e sulle dottrine di Ermete Trismegisto, che era inculcato dai Fratelli della Rosa Croce in Germania nel 1450 («to facilitate the study of the system of philosophy founded upon the Kabbalah and the doctrines of Hermes Trismegistus, which was inculcated by the original Fratres Rosae Crucis (Brotherhood of the Red Cross) of Germany, A.D. 1450»);

c) investigare il significato e il simbolismo di quanto rimane della sapienza, arte e letteratura del Mondo Antico («Ancient World»).

I membri della SRIA si chiamano tra loro con la parola latina “Frater” (Fratello).

Tra i temi studiati nella SRIA: Alchimia, Sciamanesimo, «eminent philosophers» come il mago John Dee e l’alchimista rosacrociano Robert Fludd (cf. p. 26).

Nel 2003 la Societas Rosicruciana in Anglia (SRIA) ha pubblicato la seconda edizione del testo del massone T.M. Greensill (SRIA), “A History of Rosicrucian Thought and of the Societas Rosicruciana in Anglia” (London, © SRIA, Printed by Premier Metropolis, 2003).  

Secondo la tradizione rosacrociana, il fondatore della Fraternità della Rosa Croce, «C.R.», ovvero Christian Rosenkreutz [1378-1484], all’età di 5 anni è stato collocato in un monastero dove ha appreso greco e latino. Poi nel suo desiderio di conoscenza, da ragazzo, intorno ai 16 anni, Christian ha viaggiato a Cipro, Damasco, Arabia. Sebbene cristiano, a soli 16 anni è stato ammesso dai saggi di Damasco, musulmani, ed è stato con loro per 3 anni… Poi da Damasco è andato a Fez (Marocco)… Christian Rosenkreutz ha appreso: matematica, botanica, Alchimia, magia, Cabala. Poi si è recato in Spagna e quindi in Germania dove ha costituito la Fraternità della Rosa Croce (cf. pp. 4-13)…

Molto probabilmente un tale Rosenkreutz non è mai esistito ma è quanto meno un modello culturale e leggendario che incarna quella corrente di filosofi e maghi, detti “Rosacrociani”, apparsa in Europa almeno sin dal XVI-XVII secolo, a cui si rifà idealmente anche la SRIA. 

Il 31 dicembre 1866 due prominenti massoni inglesi, William James Hughan (1841-1911) e Robert Wentworth Little (1840-1878), ricevono a Edimburgo (Scozia) il 1° e il 2° grado di una «Societas  Rosicrociana [in] Scotia» il cui «‘Master’» o «Magus Maximus» è Anthony Oneal Haye, editore dello “Scottish Freemasons’ Magazine”. Tra i membri di quella società rosacrociana scozzese c’è anche lo storico della Massoneria scozzese dell’epoca, David Murray Lyon (cf. p. 68). Entro i primi mesi del 1867 Bro. Hughan e Bro. Little giungono rispettivamente fino al VII° e al IX° ed ultimo grado di quella Società Rosacrociana di Scozia. Tra giugno e luglio 1867 a Londra, Bro. Little con 6 massoni fonda la «Rosicrucian Society of England» che in seguito sarà denominata, come è attualmente, “Societas Rosicruciana in Anglia” (cf. pp. 70-73).

Frater Greensill spiega in sintesi che i 4 Anziani («the four Ancients»), ossia 4 Ufficiali del “College” (=Loggia) SRIA, rappresentano i 4 Elementi Terra-Aria-Acqua-Fuoco a cui sono collegati i 4 Mondi [Cabalistici]: «Earth, the Material World; Air, the Formative World; Water, the Angelic World; and Fire, the Abode of the Deity» (p. 75).

Circa l’espansione della SRIA nei primi anni dalla fondazione, verso il 1869-1870 nel “College” SRIA di Weston-super-Mare ci sono anche massoni del 18° e 30° grado Rose-Croix o Ancient and Accepted Rite (cf. pp. 109-110).  Tra i membri prominenti della SRIA nella Provincia di Bristol ci sono George Irwin 30° («Provincial College of Bristol and Neighbouring Counties – Frater Francis George Irwin, 30°, Chief Adept»: p. 109) e Benjamin Cox 30° «Provincial Secretary-General» (cf. p. 109). In quel periodo George Irwin riceve il 31° grado dell’Ancient and Accepted Rite (cf. pp. 111-112).

Nel 1871 Benjamin Cox 30° realizza un certificato per i nuovi membri SRIA del “College” Provinciale di Bristol (cf. pp. 117-119).  Frater Greensill spiega che nel «The ‘Cox’ Certificate» ci sono, tra l’altro, alcuni segni del 31° grado A&AR, e la scritta «‘Le regne de Phtha est eternel’» (p. 119). Phtha è un antico dio egiziano, costruttore, demiurgo…

In quel Certificato SRIA di Bristol,  le colonne [massoniche] «Jachin» e «Boaz» sono disposte a forma di Croce: Jachin, verticale, rappresenta il principio maschile; Boaz, orizzontale, rappresenta il principio femminile. Dall’unione di Jachin e Boaz si produce la Luce… («The Union of both produces + or Lux»: p. 121). Jachin e Boaz rappresentano anche Vita e Morte («life and death»: p. 121).

Insomma la fede cristiana professata dai massoni della SRIA e del Rose-Croix o Ancient and Accepted Rite (ed è possibile appartenere sia a SRIA e sia a R.C. o A&AR) non coincide con la fede dogmatica della Chiesa Romana, bensì con il “cristianesimo” rosacrociano…

Passo al capitolo 8° («Distinguished Fratres of the Society»: pp. 319-368)  del libro di Greensill, dove vengono segnalati alcuni rinomati membri della SRIA. Eccoli: 

Robert William Felkin (1853-1926). Dal 1882, con sua moglie, sviluppa interesse verso le scienze e le pratiche occultiste («occult sciences», «practical occultism»). Nel 1894 entra a far parte dell’ “Hermetic Order of the Golden Dawn” a Edimburgo.  È iniziato in Massoneria nel 1907 a Edimburgo. Nel 1907 entra nella SRIA dove nel 1912 riceve l’8° grado. Fonda anche tre templi della “Stella Matutina” che è una scissione della “Golden Dawn”. Fonda a Londra un «Secret College» della “Stella Matutina” riservato a membri SRIA.  Nel 1916 Felkin è nominato «Inspector-General» dei «Colonial Colleges» della SRIA. Nel 1916 lascia Londra, si reca in Nuova Zelanda dove dal 1918 è «Chief Adept for the Dominion» SRIA.  Felkin ha impiantato il Rosacrocianesimo SRIA in Nuova Zelanda (cf. pp. 324-327).

Frederick Hockley (1808-1888) ha avuto grande entusiasmo per varie forme di occultismo («various form of occultism»): Alchimia, Astrologia, Cabala ebraica, Magia, testi rosacrociani… Ha praticato anche chiaroveggenza e spiritismo. È iniziato massone (UGLE) nel 1864. Oltre al Royal Arch, non ha fatto parte di altri Corpi massonici. Nel 1872, grazie a Irwin, Hockley entra a far parte del Bristol College SRIA. Nel 1875 fa parte del Metropolitan College SRIA di Londra (cf. pp. 328-330).

Greensill scrive che Hockley era ammirato come grande occultista da membri rinomati della SRIA del suo tempo (F.G. Irwin, Dr. Woodman…) e persino dalla fondatrice della Società Teosofica, Madame Blavatsky (cf. p. 330).  Anche Greensill riconosce che Hockley era: «certainly the greatest occultists of his day, and certainly the greatest within our Society» (p. 330).

William James Hughan (1841-1911), iniziato massone nel 1863, progredisce in vari “Side Degrees” della Massoneria regolare inglese. Appartiene anche alla “Emulation Lodge of Instruction”. Nel 1874, Hughan ottiene nella UGLE il rango di “Past Senior Grand Deacon”. È famoso per numerosi studi sulla Massoneria britannica, è appartenuto a varie logge e associazioni massoniche di ricerca sulla Massoneria. Fondatore e membro della “Quatuor Coronati Lodge No. 2076” di Londra. Giunge al IX° grado nella SRIA dove riceve il rango onorario di “Past Supreme Magus” (cf. pp. 331-336).

Francis George Irwin (1828-1893), è iniziato massone nel 1857, entra nella SRIA nel 1867, nel 1869 stabilisce il Bristol College della SRIA ed è nominato «Chief Adept» della Provincia SRIA di Bristol.  Alla morte dell’unico figlio, il 28enne Herbert, anche lui massone e SRIA in Bristol, Irwin si ritira dalla guida del Bristol College SRIA e da vari impegni massonici e spiritisti («Spiritualism»).  Poi verso il termine della vita, riprende alcune attività: si unisce alla “Quatuor Coronati Lodge N° 2076” di Londra e diviene membro di un «magical Order» chiamato «‘The Celestial Brotherhood’» (cf. pp. 337-339).

Rudyard Kipling (1865-1936), iniziato massone nel 1886, molto interessato al simbolismo e all’aspetto esoterico della Massoneria («the esoteric side of Freemasonry»: p. 341), entra a far parte della SRIA e, nel 1918, del “Quatuor Coronati Correspondence Circle”. Nel 1909 è ammesso nel “Metropolitan College” SRIA di Londra di cui resta membro fino alla morte avvenuta nel gennaio 1936. Nella SRIA, Kipling non è avanzato oltre il I° grado di Zelator.   Kipling è stato anche uno dei membri fondatori della Loggia “Builders of the Silent City N° 12” della Grande Loge Nationale Française (cf. pp. 340-341).

Greensill spiega che l’interesse di Kipling per il simbolismo massonico e l’aspetto esoterico della Massoneria è chiaro non solo nel romanzo “Kim” (1901) ma anche in storie come “The Man who would be King” (1888).

Douglas Knoop (1883-1948), economista, docente all’Università di Manchester, massone, nel 1923 membro del Circolo di Corrispondenza della “Quatuor Coronati Lodge N° 2076” di Londra della quale sarà membro effettivo nel 1931, Maestro Venerabile nel 1935, e rinomato studioso di antichi testi massonici.  Nel 1925 è ammesso nella SRIA (cf. pp. 342-345). 

John Heron Lepper (1878-1952), iniziato massone in Irlanda nel 1901, poi nel 1918 aderisce alla Massoneria inglese. Nel 1913 fa parte del Circolo di Corrispondenza della “Quatuor Coronati Lodge No. 2076” divenendone poi membro effettivo  nel 1922 e Maestro Venerabile nel 1924.  Nel 1922 Lepper è iniziato nella SRIA (cf. pp. 346-350).

Kenneth Robert Henderson Mackenzie (1833-1886), appassionato di occultismo, autore di un’enciclopedia massonica, la “Royal Masonic Cyclopaedia”, London 1877 (cf. pp. 351-353).

Charles Fitzgerald Matier (1880-1914), scozzese, nel 1863 è iniziato massone a Edimburgo nella “St. Clare Lodge No. 34”. Aderisce anche alla Massoneria inglese [UGLE] dove svolge la promozione di Ordini massonici (“Side Degrees”) sotto la tutela della Massoneria inglese del “Marchio” (Mark Masonry, o GLMMM, vedi qui: https://www.corrispondenzaromana.it/tracce-di-esoterismo-in-side-degrees-o-appendant-orders-della-ugle-2a-parte/).  Nel 1871 Matier entra nella SRIA dove riceve in breve tempo il 9° grado (cf. pp. 354-356).

Samuel Liddell Mathers (1854-1918), appassionato di magia, iniziato in Massoneria nel 1877, poi nel 1882 ammesso nella SRIA, ha curato la ritualità dell’ “Hermetic Order of the Golden Dawn”, un ordine iniziatico aperto a uomini e donne, dedito a magia, Cabala ebraica, Ermetismo…  Poco dopo l’ammissione nella SRIA, Mathers ha aggiunto “MacGregor” al suo nome.  Nel 1886 riceve l’8° grado onorario.  Nel 1903 lascia la SRIA, ma continua a Parigi le sue attività magiche (cf. pp. 357-359).

Arthur Edward Waite (1858-1942), nel 1891 è ammesso nella “Golden Dawn” grazie a Westcott. Nel 1893 Waite lascia la “Golden Dawn” per poi rientrarvi nel 1896; poi nel 1899 entra nel 2° Ordine della “Golden Dawn”, ossia il “Rosae Rubeae et Aureae Crucis”. Nel 1901 Waite entra in Massoneria, e nel 1902 nella SRIA da cui si dimette nel 1914 per contrasti con un membro SRIA molto difficile (Cadbury-Jones).  Waite crea un ordine indipendente, una scissione della “Golden Dawn” che chiude nel 1914 (cf. pp. 360-362). Poi crea un altro Ordine, “Fellowship of the Rosy Cross”, un Ordine rosacrociano per uomini e donne, tra i cui membri c’erano alcuni che occupavano posizioni preminenti nella SRIA, incluso W.R. Semken, Supreme Magus SRIA (cf. p. 362).

John Yarker (1833-1913), membro della SRIA sin dal 1871, pubblica articoli sugli Atti della “Quatuor Coronati Lodge N° 2076”. Dal 1882 al 1889 Yarker cura “The Kneph”, rivista ufficiale dell’ “Antient and Primitive Rite” di cui è la guida. Yarker rilascia a Madame Blavatsky un certificato di appartenenza all’ Ancient and Primitive Rite (cf. pp. 363-365).

I summenzionati e rinomati “Fratres” della SRIA, tra fine Ottocento e inizi Novecento, erano cultori di scienze esoteriche. Inoltre osservo che i casi dei massoni Westcott, Hughan, Knoop, Lepper e Yarker (e ce ne sono altri) mostrano come anche rinomati studiosi della “Authentic School” della “Quatuor Coronati Lodge N° 2076” di Londra (di solito, e forse superficialmente, presentata come ostile all’Esoterismo e agli studi esoterici) potevano in realtà, contemporaneamente, coltivare appartenenze, studi e pratiche connessi all’Esoterismo. Così appunto nella SRIA.  

Vediamo qualcosa sulla struttura interna della SRIA che consta di 9 gradi suddivisi in 3 Ordini:

«THE FIRST ORDER

Grade I – Zelator

Grade II – Theoricus

Grade II – Practicus

Grade IV – Philosophus».

«THE SECOND ORDER

Grade V – Adeptus Minor

Grade VI – Adeptus Major

Grade VII – Adeptus Exemptus».

«THE THIRD ORDER

Grade 8 – Magister

Grade 9 – Magus».   (cf. Robert E. Rowland, IX°, Ordinances of the Societas Rosicruciana in Anglia, Revised, London 1995, art. I.3, p. 4).

Nel testo “Notes for the Zelator”, per il nuovo membro del I° grado SRIA (file pdf, pp. 10),  nel paragrafo “The Kabbalah”, si sottolinea la grande importanza della Cabala ebraica per la SRIA, per la Massoneria dei Tre Gradi («the Craft») e per gli altri gradi :

«On your admission to the Society, you were told that “Among the secrets of Nature are the writings of the Kabbalists which include the demonstration of the Eternal Essence of God, the key to the government of the Universe, and the powers and properties of numbers”.  The Kabbalah, the esoteric doctrine of the Jews, is one of the keys to greater knowledge in the Society, and it is referred to in more detail in higher Grades.  In the Kabbalistic system, letters and numbers are interrelated, and this system can assist the seeker to delve more deeply into the layers of meaning contained within scripture.  The Tree of Life, that great glyph of the Kabbalah, with its Sephiroth (Principles) and linking Paths, is a ladder to God and a mirror to ourselves and we can all benefit from a study of this method of spiritual development.  With regard to the power and properties of numbers, some information is provided in this Grade.  It is an important branch of symbolism, and is a key to the symbolism of the Craft and other degrees in Freemasonry as well as S.R.I.A.» (Societas Rosicruciana In Anglia, Notes for the Zelator, s.l., s.d., file pdf, p. 5).

Nella «Conclusion» si invita il nuovo “Zelator” ad assumere Christian Rosenkreutz come modello di servizio ai Fratelli (SRIA) e all’umanità: «[…] you have an exemplar to follow, our revered founder Christian Rosenkreutz» (p. 6).

Più avanti, nella sezione “Recommended Reading”  (pag. 9), tra i testi raccomandati per lo studio della Cabala ebraica, ci sono  “The Tree of Life” di Z’ev ben Shimon Halevi e “Qabalah” di John Bonner. E per uno studio più approfondito («For more in-depth reading on the Kabbalah»): “Mystical Qabalah” di Dion Fortune e “Garden of Pomegranates” di Israel Regardie. Inoltre sono consigliati anche i libri di Gareth Knight e William Gray (cf. p. 9).

Vediamo qualcosa da quei testi di Regardie e Fortune.

Israel Regardie (1907-1985; già membro della “Golden Dawn”) spiega che al 26° sentiero dell’Albero Cabalistico (sentiero iniziatico tra le Sephirot divine) corrispondono: gli organi sessuali maschile e femminile, le divinità sessuali come Bacco, Pan e Dioniso, la Carta N° 15 dei Tarocchi ossia il Diavolo, il Diamante Nero, il Colore nero… Tutto l’insieme è simbolo dell’Intelligenza Rinnovatrice («“The Renovating Intelligence”»: cf. Israel Regardie,  “A Garden of Pomegranates. An Outline of the Qabalah”,Llewellyn Publications, St. Paul, Minnesota USA, 1987, pp. 85-86).

Nel libro “The Mystical Qabalah” (Samuel Weiser, Inc., York Beach, Maine – USA, 1999), l’occultista Dion Fortune (1890-1946; scrittrice, già membro della “Golden Dawn”, fondatrice della “Society of the Inner Light”) afferma la teoria dell’Equilibrio tra il bene e il male («Equilibrium»: p. 300). Inoltre Dion Fortune afferma che:

  • classificare forze come buone e altre come cattive fa cadere nell’eresia del dualismo («the fundamental heresy of dualism»: p. 300);
  • Lucifero è il Portatore di Luce («Lucifer is the Light-bearer»: p. 300);
  • non bisogna distruggere il male ma solo assorbirlo e armonizzarlo («We cannot deal with evil by cutting it off and destroying it, but only by absorbing and harmonising it»: p. 300).

Ecco dunque alcuni contenuti della cultura iniziatica che possono essere assimilati anche da Maestri Massoni UGLE, di fede cristiana, membri della SRIA.

Padre Paolo M. Siano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.