Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

1Quando praticare la vera tolleranza

Quando praticare la vera tolleranza
Quando praticare la vera tolleranza

Presenterò una breve considerazione teorica, seguita da un rilevante esempio storico.

Tollerare un male è acconsentire alla sua esistenza. Proprio come il bene produce il bene, il male produce il male. Quando siamo obbligati a tollerare qualcosa di malvagio, dobbiamo limitare al massimo gli effetti negativi di questa tolleranza e preparare diligentemente le condizioni per sradicare il male, rendendo superflua un’ulteriore tolleranza.

Questo principio è elementare in medicina. Se, per ragioni cliniche, un paziente affetto da un tumore maligno non può essere operato immediatamente, il trattamento del medico consiste nel ritardare in ogni modo possibile gli effetti nocivi del tumore. Non soddisfatto di ciò, preparerà diligentemente il paziente per l’eventuale intervento chirurgico. Anche l’uomo più tollerante non tollererebbe che il suo dottore agisse diversamente. Non capisco perché questo processo chiaro, logico e saggio non debba essere lodato anche quando, invece del pericolo di un tumore maligno, ci troviamo di fronte alla minaccia di un cancro morale come l’eresia.

Infatti, ovunque si introduca l’errore, bisogna porre rimedio alla situazione con i soavi e deliberati mezzi clinici dell’apologetica e della carità. Se questi mezzi falliscono, o quando il male si diffonde così rapidamente da non poter essere curato nel tempo, o è così resistente che nessun argomento o atto di carità riuscirà a estirparlo, bisogna ricorrere alla chirurgia. Se questo intervento non può essere eseguito subito, dobbiamo combattere risolutamente l’ulteriore infiltrazione della malattia, preparandoci per un giorno propizio per operare.

Scopri tutto sulle profezie di Nostra Signora del buon successo sui nostri tempi

A titolo di esempio, consideriamo un’associazione religiosa in cui è entrata un’influenza malvagia, permeandola di uno spirito di mondanità, sensualità e relativismo dottrinale. Se l’associazione è ben disposta a resistere al male, è preferibile non espellere subito il membro decaduto per dargli la possibilità di riformarsi. Tuttavia, durante tutta la cura, il superiore dovrà essere particolarmente attento al membro infettivo, alle sue associazioni, alla sua sfera di influenza, ecc. Deve — al minimo sintomo — prendere tutte le misure necessarie per arrestare il contagio. Soprattutto il direttore della fraternità pratichi una costante medicina preventiva con i membri sani per vaccinarli contro i pericoli mortali dell’infezione. In questo modo avrà praticato la tolleranza virtuosa,

La tolleranza virtuosa richiede molto lavoro, richiede rigide precauzioni e richiede molto tempo. Supponiamo che il membro decaduto sia una persona di raro fascino che comincia subito ad influenzare i suoi confratelli. Poiché è molto più facile influenzare gli uomini verso il male che verso il bene, il superiore vede che, nonostante tutti i suoi sforzi contrari, numerosi membri saranno presto completamente deformi. Ora si trova di fronte alla seguente scelta: permettere che l’influenza malvagia rimanga nel seno dell’associazione, rischiando la perdita di membri un tempo sani; o per espellere il portatore di contagio, che probabilmente si perderà comunque, salvando così i buoni e riportando la fraternità al suo antico ordine, buon umore e pace.

Qual è il compito del regista? Può essere solo uno. Il benessere degli innocenti vale più di quello dei colpevoli. È necessario espellere il lupo travestito da agnello il prima possibile. Non avendo preso le misure necessarie per proteggere gli innocenti, il superiore avrà tradito il suo dovere e dovrà rendere conto a Dio delle anime perdute che avrebbe potuto e dovuto salvare.

Infine, supponiamo un’altra situazione. L’individuo malvagio si infiltra nell’associazione e inizia rapidamente a irretire le sue vittime. In breve tempo il suo successo è tale che, se venisse espulso, anche i membri migliori non capirebbero. La sua espulsione farebbe precipitare una crisi che dissolverebbe la fraternità ei suoi membri, privati ​​di ogni protezione, rischierebbero di perdersi essi stessi.

Cosa dovrebbe fare il regista? Evidentemente, effettuare un compromesso strategico, ma solo con comprensione, intelligenza e saggezza. Il superiore dovrà impiegare ogni mezzo diretto e indiretto per migliorare la disposizione della pecora nera e, allo stesso tempo, limitare la sua influenza sul resto del gregge. Allo stesso tempo, dovrà preparare i membri fedeli affinché comprendano l’urgenza dell’espulsione dell’infiltrato. Non appena sono preparati, è necessario eseguire l’indispensabile amputazione. Anche allora, la tolleranza virtuosa sarà stata virtuosamente praticata, poiché la società sarà stata salvata, mentre un’azione avventata l’avrebbe distrutta.

In contrasto con questi esempi di tolleranza virtuosa, dovremmo menzionare alcuni esempi di tolleranza difettosa.

Dieci motivi per cui il “matrimonio” omosessuale è dannoso e dovrebbe essere deprecato

Mancando di saldi principi e convinzioni, il superiore dell’associazione è superficiale, vanitoso, impressionabile e timido. Quando l’individuo malvagio entra nella confraternita, il direttore senza principi percepisce, in una certa misura, la seduzione degli atteggiamenti e dei principi che l’infiltrato abilmente introduce.

Essendo superficiale, però, è incapace di comprendere tutto ciò che è implicito nelle parole e nelle azioni del membro malvagio. Nella sua vanità, si considera l’idolo dei suoi pari e subordinati e quindi non può concepire la possibilità che qualcuno possa minare la sua influenza. Impressionabile, è perfettamente contento finché i membri dell’associazione gli mostrano gentilezza e gli rendono omaggio. Rifugge i principi, la dottrina e le polemiche come impedimenti alla dolce tranquillità della sua vita serena. Timido, ha paura di ogni reazione. Se prendesse misure, verrebbe definito intollerante dentro e fuori la sua cerchia sociale.

Ora sarebbe piuttosto scomodo, perché gli intolleranti non sono mai tollerati da nessuna parte. Viviamo nell’era della tolleranza. Ogni opinione è permessa, tranne l’intolleranza. Chi sostenesse che certe opinioni sono inaccettabili si farebbe oggetto di persecuzione, antipatia e sarcasmo. Come potrebbe qualcuno esporsi a tale ridicolo?

Sotto il peso di tante pressioni, il morbido superiore trova più facile essere tollerante, chiudendo gli occhi davanti al problema e permettendo al male di diffondersi liberamente o, almeno, impercettibilmente. Quando l’associazione è completamente minata ed esplode una crisi catastrofica, si sottomette con fatalismo: “Così è la vita”. Può persino abbracciare il male per salvare la propria posizione dal rovesciamento.

È così che si fa una rivoluzione dall’alto, prima che la facciano quelli di sotto. Tale tolleranza non potrebbe essere più malvagia.

L’articolo precedente è stato originariamente pubblicato nel Catolicismo , N. 79, nel luglio 1957. È stato tradotto e adattato per la pubblicazione senza la revisione dell’autore. –Ed.

Plinio Corrêa de Oliveira 14 settembre 2012

Articoli correlati

Cos’è la tolleranza?

La tolleranza, una virtù pericolosa

Una deformazione romantica della carità: “Il buon cuore”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.