Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

1Non confondiamo l’infallibilità papale con l’impeccabilità

Non confondiamo l'infallibilità papale con l'impeccabilità
Non confondiamo l’infallibilità papale con l’impeccabilità

C’è molta confusione sulla natura e sulla portata del carisma dell’infallibilità del Papa.

Molti cattolici con un’istruzione religiosa media pensano che il Sovrano Pontefice sia infallibile in tutto ciò che dice o fa. Questo però non è ciò che afferma la dottrina cattolica.

Due concetti diversi che spesso vengono confusi

Pertanto, la maggior parte dei cattolici confonde infallibilità e impeccabilità . Si tratta di due privilegi diversi:

L’infallibilità è l’immunità dall’errore.

L’impeccabilità è lo stato di essere incapaci di peccare. La persona diventa incapace di peccare.

La scienza conferma: gli angeli portarono la casa della Madonna di Nazareth a Loreto

La prima ( l’infallibilità ) fu concessa al Papa; quest’ultima ( impeccabilità ) non lo era.

Solo alla Madonna è stato concesso questo privilegio unico di impeccabilità: oltre ad essere concepita senza Peccato Originale. Maria, infatti, per uno speciale privilegio di Dio, durante tutta la sua vita fu esente da ogni peccato, anche veniale.

Anche San Pietro, primo Papa e Apostolo, non fu esente dalle debolezze dovute al Peccato Originale, come fu testimoniato quando San Paolo « gli resistette in faccia» (Gal 2,11) a causa di alcuni ambigui provvedimenti disciplinari dovuti alla i suoi difetti e le sue debolezze.

Le condizioni necessarie per l’infallibilità

Pertanto, non tutto ciò che i Papi dicono o fanno è infallibile. Perché una dichiarazione sia di per sé infallibile devono essere soddisfatte alcune condizioni.

La Costituzione Pastor Aeternus del Concilio Vaticano I (1869-1870), contiene la definizione dell’infallibilità papale. Il documento afferma che il Papa è infallibile «quando parla ex cathedra, cioè quando adempie il compito di pastore e maestro di tutti i cristiani in forza della sua suprema autorità apostolica, definisce una dottrina di fede o di morale da tenere dalla Chiesa universale”.

Scopri tutto sulle profezie di Nostra Signora del Buon Successo sui nostri tempi

Quattro sono le condizioni necessarie affinché un pronunciamento del Magistero pontificio sia infallibile:

  1.   che il Papa parla come Dottore e Pastore universale;
  2.   che usi tutta la pienezza della sua autorità apostolica;
  3.   che esprime la volontà di definire;
  4.   che le questioni definite riguardano la fede o la morale.

Qualsiasi pronuncia che non soddisfi questi quattro requisiti non gode dell’immunità da errore. Naturalmente queste quattro condizioni non sono presenti nella maggior parte degli atti e dei documenti del Magistero ordinario pontificio. Ancor meno nelle parole, nei gesti e negli atteggiamenti dei Papi nella loro vita quotidiana.

Vedere la Chiesa così com’è

Inoltre, l’infallibilità è una facoltà che risiede nella persona del Papa che è dotata di intelligenza e di libero arbitrio. Può o meno usare questo potere come desidera.

La stessa Costituzione Pastor Aeternus stabilisce i limiti dell’infallibilità papale: «[ Lo] Spirito Santo non fu promesso ai successori di Pietro perché con la sua rivelazione facessero conoscere la nuova dottrina , ma perché con il suo aiuto custodissero inviolabilmente ed esponessero fedelmente la Rivelazione, il Deposito della Fede, consegnato attraverso gli Apostoli”.

Legge eterna e naturale: il fondamento della morale e del diritto

Pertanto, i fedeli devono considerare la Chiesa come Nostro Signore Gesù Cristo l’ha creata e istituita, non come la immaginano che sia. I pii cattolici dovrebbero conoscerla, amarla, ammirarla e venerarla così come Lei realmente è: il Corpo Mistico di Cristo. I cattolici dovrebbero ammirare la Chiesa nell’infallibilità dei suoi dogmi, nella santità dei suoi sacramenti, nella sua unità e nella cattolicità della sua missione. Questo amore, ammirazione e riverenza, tuttavia, non dovrebbero portarli a cercare di nascondere i difetti e le imperfezioni che possono esistere nel Suo elemento umano.

L’elemento umano non oscura il divino

In effetti, Cristo permette tali carenze, come afferma Papa Pio XII:

«E se a volte appare nella Chiesa qualcosa che indica la debolezza della nostra natura umana , ciò non è da attribuire alla sua costituzione giuridica, ma piuttosto a quella deplorevole inclinazione al male presente in ogni individuo, che il suo divin Fondatore permette anche a livello volte nelle membra più eccelse del suo Corpo Mistico, allo scopo di provare la virtù non meno dei Pastori che delle greggi, e affinché tutti accrescano il merito della loro fede cristiana”.

Il momento sublime dell’Annunciazione dell’Arcangelo alla Madonna

La Chiesa stessa, nelle Litanie dei Santi, riconosce questa capacità di deviare dalla retta via quando invita i fedeli a pregare affinché il Santo Padre e gli altri pastori non si allontanino dalla vera religione:

Ut domnum Apostolicum et omnes ecclesiasticos ordines in sancta religione conservare digneris,
R. Te rogamus, audi nos.
Che tu conservi il Vescovo della Sede Apostolica e tutti gli ordini della Chiesa nella santa religione,
R. Ti supplichiamo, ascoltaci.

Pertanto, l’ elemento umano della Chiesa può venire meno, e anche gravemente, poiché il Papa e la gerarchia non sono dotati di impeccabilità. Come esseri umani, sono capaci di peccare perché, essendo dotati di libero arbitrio, possono accettare o rifiutare le azioni della grazia. Tuttavia, la mancanza di impeccabilità papale non pregiudica l’infallibilità papale.

Nella crisi attuale, i fedeli devono sempre rispettare la Sacra Gerarchia, aderire incondizionatamente alla vera Fede e amare con estrema dedizione la Chiesa, che è Colei che è completamente giusta e immacolata nella sua costituzione divina e nella sua realtà mistica e soprannaturale, essendo Lei la Sposa di Cristo.

Gustavo Solimeo 13 dicembre 2019

Articoli correlati

Un sondaggio rileva che ci vuole fede per credere nel cambiamento climatico

Perché l’esortazione apostolica eco-friendly di Papa Francesco non suona convincente ai fedeli

Perché un buon vescovo non dovrebbe ignorare ma obbedire alla sua ingiusta deposizione da parte di un papa

Nel pieno della rivoluzione sessuale, perché papa Francesco sminuisce coloro che difendono la castità?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.