Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

1La Chiesa cattolica ha cambiato il giorno del sabato?

Apologetica cattolica n. 73

(Leggi Cosa sono i sacramentali e perché li hanno benedetti? )

Cos’è il giorno del sabato?

La domenica è il giorno sacro per eccellenza della settimana. È il giorno in cui ci si astiene dal lavoro servile, si assiste alla Messa, ci si dedica alla preghiera, ci si dedica allo svago, al tempo della famiglia, al vero svago. Ma anche alcuni cattolici sono sorpresi nell’apprendere che il giorno di riposo originario per gli ebrei era il sabato, non la domenica.

Se il sabato è il giorno del sabato, allora perché santifichiamo la domenica? La Chiesa ha cambiato il giorno del sabato? Anche lavorare di sabato è un peccato, poiché non santifica, a rigor di termini, il “sabato”? Dovremmo onorare entrambi i giorni?

A differenza di quanto affermano gli avventisti del settimo giorno oi battisti del settimo giorno , l’osservanza della domenica invece del sabato non è una “invenzione” della Chiesa cattolica. Il cambiamento riflette l’autorità ultima degli Apostoli di governare la Chiesa sulla terra – un incarico dato loro direttamente da Nostro Signore.

La Scrittura indica che la domenica ha sostituito il sabato

La domenica, primo giorno della settimana, è onorata più volte nella Sacra Scrittura come giorno di convegno per il Santo Sacrificio della Messa:

  • “E il primo giorno della settimana, mentre eravamo riuniti per spezzare il pane, Paolo conversava con loro, essendo partito domani, e continuò a parlare fino a mezzanotte” (Atti 20:7).
  • “Il primo giorno della settimana ciascuno di voi si metta da parte con se stesso, mettendo da parte ciò che gli piacerà; che quando verrò, non si facciano le collette» (1 Corinzi 16:2).
  • “Nessuno dunque vi giudichi quanto al mangiare o al bere, o rispetto a feste, o noviluni, o sabati, che sono ombra di cose future, ma il corpo è di Cristo” (Colossesi 2:16-17). [1]

I primi Padri della Chiesa osservavano all’unanimità la domenica, non il sabato

In pochi esempi leggiamo abbastanza chiaramente che l’antico sabato è stato sostituito dalla domenica, che è il giorno del Signore, in virtù della risurrezione del nostro Redentore la domenica:

“Ma ogni giorno del Signore… radunatevi e spezzate il pane e rendete grazie dopo aver confessato le vostre trasgressioni, affinché il vostro sacrificio sia puro. Ma nessuno che sia in disaccordo con il suo prossimo si unisca a voi, finché non si siano riconciliati, affinché il vostro sacrificio non sia profanato” ( L’insegnamento degli apostoli nella Didaché , c. 70 dC).

“[I] tubi che sono stati allevati nell’antico ordine delle cose [cioè, gli ebrei] sono venuti in possesso di una nuova speranza, non osservando più il sabato, ma vivendo nell’osservanza del giorno del Signore, in cui anche il nostro la vita è risorta per mezzo di lui e con la sua morte» ( Lettera ai Magnesiaci , cap. 9, di S. Ignazio di Antiochia, c. 110 dC).

Anche san Barnaba, compagno dello stesso san Paolo, scrive che Nostro Signore «fa[i] un inizio dell’ottavo giorno, cioè un inizio di un altro mondo. Perciò celebriamo con gioia anche l’ottavo giorno, il giorno in cui Gesù è risorto dai morti».

Un’altra ottima fonte su questo insegnamento ci viene da San Giustino martire (†165 dC). Già nel II secolo spiegava all’imperatore romano Antonio Pio (138-161) perché e come i primi cristiani santificavano la domenica. Ha scritto: [2]

“Ma la domenica è il giorno in cui tutti teniamo la nostra assemblea comune, perché è il primo giorno in cui Dio, avendo operato un cambiamento nelle tenebre e nella materia, ha fatto il mondo; e Gesù Cristo, nostro Salvatore, nello stesso giorno è risorto dai morti. Perché fu crocifisso il giorno prima di quello di Saturno (sabato); e il giorno dopo quello di Saturno, che è il giorno del Sole, essendo apparso ai suoi apostoli e discepoli, insegnò loro queste cose, che anche noi abbiamo sottoposte alla vostra considerazione».

L’Autorità della Chiesa

La questione dell’osservanza della domenica come giorno santo si basa in ultima analisi sull’autorità della Chiesa che Nostro Signore ha creato e alla quale ha affidato il potere di legare e sciogliere (cfr Mt 16,18). Il fatto che i protestanti non osservino alcune delle leggi della Chiesa cattolica (ad esempio, digiuno e astinenza) ma generalmente credano nel culto della domenica invece che del sabato è solo una delle loro incoerenze.

Padre Stephen Keenan, nel suo Catechismo del 1898, scrive giustamente:

“Chiedi [al protestante] perché mantiene la domenica, e non il sabato, come suo giorno di riposo, dal momento che non è disposto né a digiunare né ad astenersi. Se risponde che la Scrittura gli ordina di osservare la domenica, ma non dice nulla riguardo al digiuno e all’astinenza, digli che la Scrittura parla del sabato o del sabato, ma non dà alcun comandamento da nessuna parte riguardo alla domenica o al primo giorno della settimana. Se, dunque, trascura il sabato come giorno di riposo e di santità, e vi sostituisce la domenica, e questo solo perché tale è l’uso della Chiesa antica, non dovrebbe, se vuole agire con coerenza, osservare il digiuno e l’astinenza , perché così ordinava la Chiesa antica?”

Le leggi cerimoniali ebraiche sono abolite

In Galati 5:1-6, San Paolo affermò che l’osservanza della circoncisione e le prescrizioni della Legge di Mosè dell’Antico Testamento erano abrogate e non più vincolanti. Gli unici elementi rimanenti dell’Antico Testamento che sono richiesti sono la legge morale – le leggi cerimoniali no. Ed è per questo che viene abrogato l’obbligo di indossare nappe sui vestiti (cfr Deuteronomio 22,12), di astenersi dal maiale o dai crostacei, o di non usare contemporaneamente due specie diverse per arare un campo. Gli ebrei contano 613 leggi diverse, ma tutte le leggi cerimoniali non si applicano più poiché il Nuovo Testamento ha completato e adempiuto l’Antico Testamento.

Queste leggi furono adempiute in Cristo e sostituite con la legge della grazia e dell’amore del Nuovo Testamento. Allo stesso modo, la legge morale di onorare il giorno del Signore è adempiuta nel culto domenicale. La legge cerimoniale relativa al sabato ebraico è cessata in virtù di Cristo. Questo non è opera della Chiesa Cattolica. Dio stesso adempì il sabato ebraico e lo sostituì con la domenica, il giorno del Signore, l'”ottavo giorno”. E gli Apostoli ei loro contemporanei lo dichiararono come tale.

Conclusione

I Padri della Chiesa svilupparono una potente teologia sull'”Ottavo giorno”. I primi sei giorni furono i giorni della Creazione, il Settimo Giorno fu il giorno in cui Dio Padre si riposò. Quando il Figlio incarnato è sceso a sua volta sulla terra, la sua opera – in figura teologica – è iniziata in quello stesso “settimo giorno”. [3] Naturalmente, questo mostra che la sua opera divina è in continuità con quella del Padre suo. La sua risurrezione avvenne quindi nell’ottavo giorno (domenica), che è il primo giorno della nuova creazione [4] e della nuova alleanza nel sangue di Cristo.

Così, dall’esempio stesso di Cristo, gli Apostoli e tutti i primi cristiani sapevano che il giorno che dovevano santificare era proprio la domenica.

Qui è molto importante notare che solo Dio Stesso può cambiare o abrogare le Sue leggi. [5] Poiché il giorno destinato a santificare è stato adattato dal sabato (antica alleanza abrogata) alla domenica (nuova alleanza) da Gesù Cristo stesso, allora, santificando la domenica, i cristiani fanno di fatto professione di fede che Gesù Cristo è nostro Signore e Dio.

Appendice: una revisione del catechismo di Baltimora il sabato contro la domenica

D. 1136. Quanti tipi di leggi avevano gli ebrei prima della venuta di Nostro Signore?

R. Prima della venuta di Nostro Signore, gli ebrei avevano tre tipi di leggi:
1. leggi civili, che regolavano gli affari della loro nazione;
2. Leggi cerimoniali, che regolano il loro culto nel tempio;
3. Leggi morali, che guidano il loro credo religioso e le loro azioni.

D. 1137. A quale di queste leggi appartenevano i Dieci Comandamenti?

R. I Dieci Comandamenti appartengono alla legge morale, perché sono un compendio o un breve resoconto di ciò che dobbiamo fare per salvare le nostre anime; così come il Simbolo degli Apostoli è un compendio di ciò che dobbiamo credere.

D. 1138. Quando cessarono di esistere le leggi civili e cerimoniali degli Ebrei?

R. Le leggi civili degli ebrei cessarono di esistere quando il popolo ebraico, poco prima della venuta di Cristo, cessò di essere una nazione indipendente. Le leggi cerimoniali cessarono di esistere quando la religione ebraica cessò di essere la vera religione; cioè quando Cristo stabilì la religione cristiana, di cui la religione ebraica era solo una figura o una promessa.

D. 1139. Perché non furono abolite anche le leggi morali degli ebrei quando fu istituita la religione cristiana?

R. Le leggi morali degli ebrei non potevano essere abolite dall’instaurazione della religione cristiana perché riguardano la verità e la virtù e sono state rivelate da Dio, e tutto ciò che Dio ha rivelato come vero deve essere sempre vero, e tutto ciò che ha condannato come il male in sé deve essere sempre cattivo. …

D. 1248. Il sabato e la domenica sono la stessa cosa?

R. Il giorno di sabato e la domenica non sono la stessa cosa. Il sabato è il settimo giorno della settimana, ed è il giorno che era santificato nell’antica legge; la domenica è il primo giorno della settimana, ed è il giorno che è santificato nella nuova legge.

D. 1249. Che cosa si intende per legge antica e nuova?

R. L’Antica Legge significa la legge o la religione data agli Ebrei; la Nuova Legge significa la legge o la religione data ai cristiani.

D. 1250. Perché la Chiesa ci comanda di santificare la domenica invece del sabato?

R. La Chiesa ci comanda di santificare la domenica invece del sabato perché la domenica Cristo è risorto dai morti e la domenica ha mandato lo Spirito Santo sugli Apostoli.

D. 1251. Per qualche altro motivo santifichiamo la domenica invece del sabato?

R. Osserviamo la domenica invece del sabato anche per insegnare che l’antica legge non è ora vincolante per noi, ma che dobbiamo osservare la nuova legge, che ne prende il posto.

[1] Su questo passaggio il commento della Scrittura disponibile su drbo.org afferma chiaramente: “Intende riguardo alle osservazioni ebraiche della distinzione tra carni pure e impure; e delle loro feste, noviluni e sabati, come non più obbligatorie”.

[2] San Giustino nacque in Giudea come pagano (c. 100 dC). Divenne un dotto filosofo. Insoddisfatto delle risposte che trovava alle domande profonde dell’uomo, la sua ricerca della Verità (e della grazia di Dio) lo condusse alla Fede Cattolica. Ora si colloca tra i primi apologeti della Chiesa, è elencato tra i Padri e riceve onore come martire. Questa citazione viene dal suo “ Capitolo 67. Adorazione settimanale dei cristiani ” nella sua grande Apologia diretta allo stesso imperatore romano. Quel capitolo è abbastanza istruttivo in quanto mostra come i primi cristiani adorassero già Dio attraverso il Santo Sacrificio della Messa.

[3] Come solo un esempio dai Padri della Chiesa, possiamo guardare a Sant’Ambrogio, uno dei quattro grandi dottori occidentali della Chiesa. Nel suo commento al quarto capitolo di san Luca scrive:

“Il fatto che il Signore abbia cominciato a guarire in giorno di sabato mostra in modo figurato come la nuova creazione abbia inizio dove finì la vecchia creazione. Mostra inoltre che il Figlio di Dio, venuto non per sopprimere la legge ma per adempierla, non è sotto la legge, ma al di sopra della legge. Né dalla legge, ma dalla Parola, fu creato il mondo, come sta scritto: “Mediante la Parola del Signore furono fatti i cieli”. La legge, quindi, non è distrutta, ma compiuta, nella Redenzione dell’uomo caduto».

Puoi leggere di più del commento di sant’Ambrogio su questo passaggio nel Mattutino del sabato d’ombra della settimana di Pentecoste.

[4] I fonti battesimali sono tradizionalmente costruiti a forma di ottagono. Questo per mostrare che quando si è battezzati, si viene a nuova vita nell’“Ottavo Giorno” della Creazione – cioè, il santo Giorno della Resurrezione.

[5] Ci viene in mente l’episodio evangelico in cui Gesù guarì un paralitico (Lc 5,17-26). Farisei e dottori della legge di ogni città erano venuti ad ascoltarlo e avevano cominciato a pensare tra loro: “Chi è costui che bestemmia? Chi può perdonare i peccati, se non Dio solo? Cristo dimostra loro di essere Dio perché perdona i peccati e compie una guarigione miracolosa. Proprio come Dio è l’unico che può perdonare i peccati (cioè le offese contro di Lui), così anche Lui è l’unico che può modificare o abrogare le Sue leggi. Pertanto, coloro che si ostinano a santificare il sabato invece della domenica sono, in questo modo, simili ai farisei del Vangelo: sono implicitamente, anche se forse involontariamente, negando che Gesù Cristo sia, in effetti, Dio. Allo stesso modo, negano la realtà e il potere vivificante della risurrezione che realizza la nuova creazione in grazia nella domenica, l'”ottavo giorno”.

Il Centro di Fatima

Articoli correlati

Chi osa cambiare i comandamenti di Dio? (Parte 1)

Attività domenicali per i cattolici: cosa è peccaminoso e cosa no?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.