Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

1I dogmi non cambiano né si evolvono

Apologetica cattolica n. 76

“Gesù Cristo, ieri e oggi; e lo stesso per sempre” (Ebrei 13:8).

Il dogma non cambia perché Cristo non cambia

L’idea che il dogma cattolico possa cambiare e che ciò che una volta era vero non lo sia più è del tutto e inequivocabilmente falsa. Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Se in passato abbiamo creduto nell’unità della Trinità, nell’assenza di peccato della Beata Vergine Maria, nella necessità del Battesimo e nel male del divorzio, allora quelle verità rimangono oggi.

La natura divina di Dio è immutabile. Anche i bambini lo capiscono. Se Dio dovesse cambiare, allora non sarebbe tutto perfetto. Il cambiamento lo migliorerebbe necessariamente o lo sminuirebbe. In entrambi i casi, Egli non poteva essere perfetto in senso assoluto sia prima del cambiamento che dopo il cambiamento. Sebbene questa sia la “logica 101”, i nostri tempi – intrisi di errori, contraddizioni e falsità – cercano di negarla.

Allo stesso modo, la natura umana non cambia. Gli esseri umani potrebbero cambiare. La nostra cultura, i nostri valori e la nostra lingua possono cambiare. Ma la nostra natura umana non cambia. L’uomo rimane fatto a immagine e somiglianza di Dio (Gn 1,26). Gli esseri umani rimangono maschio e femmina come Egli ci ha creati (Gen 1,27). Gli esseri umani sono sempre stati un composto di corpo e anima. Abbiamo mente, volontà, passioni e membra fisiche.

E dopo la caduta di Adamo ed Eva, il nostro corpo è diventato ribelle, la nostra mente è stata oscurata e la nostra volontà è stata indebolita. In poche parole, la natura decaduta dell’uomo, anche dopo aver ricevuto la grazia battesimale, soffre di concupiscenza, una tendenza al peccato. Gli esseri umani devono sempre lottare contro i nemici della salvezza della loro anima: il diavolo, il mondo e la carne, che include la nostra volontà egoistica.

L’immutabilità del dogma si basa sulla verità che Dio non cambia e la natura umana rimane la stessa. Così, la Rivelazione divina di Dio non cambia mai.

Mentre alcune pratiche esteriori possono cambiare, come la data esatta dei giorni di festa o il colore dei paramenti, le verità essenziali della religione e della moralità non possono cambiare per la stessa definizione di cosa sia un dogma. C’è una differenza fondamentale tra la Sacra Tradizione e le tradizioni ecclesiastiche, sebbene anche queste usanze di lunga data non dovrebbero essere cambiate alla leggera.
 

I dogmi non si evolvono

Nella Sessione 3, Sulla Fede e la Ragione, del Concilio Vaticano I, Papa Pio IX affermò: che è diverso da quello che la Chiesa ha capito e comprende: sia anatema». [1]

L’8 settembre 1907, Papa San Pio X promulgò la sua lettera enciclica papale Pascendi dominici gregis , diretta contro l’eresia del Modernismo. Scrisse con forza contro questa eresia anche in Lamentabili sane , il suo Sillabo sugli errori dei modernisti, e uno di quegli elementi affermava: “È un errore credere che Cristo non abbia insegnato un determinato corpo di dottrina applicabile a tutti i tempi e a tutti gli uomini, ma piuttosto che ha inaugurato un movimento religioso adatto, o da adattare, a tempi e luoghi diversi».

Poi, il 1 settembre 1910, Papa San Pio X richiese che ogni vescovo, sacerdote, superiore religioso, seminarista e professore di teologia e filosofia prestasse il giuramento contro il modernismo . E questo giuramento doveva essere fatto da ogni sacerdote alla sua ordinazione e da ogni vescovo alla sua consacrazione. Coloro che insegnavano la fede dovevano rinnovarla ogni anno. Un elemento di quel giuramento affermava: “Respingo completamente la falsa rappresentazione eretica secondo cui i dogmi si evolvono e cambiano da un significato a un altro diverso da quello che la Chiesa aveva in precedenza”.

Il giuramento contro il modernismo affermava esplicitamente: “Lo scopo di questo, quindi, non è che il dogma possa essere adattato secondo ciò che sembra migliore e più adatto alla cultura di ogni epoca; piuttosto, perché la verità assoluta e immutabile predicata dagli apostoli fin dall’inizio non si creda mai diversa, non si possa mai intendere in altro modo». Quante volte hai sentito un cattolico contraddire proprio questo insegnamento?

E ciascuno concludeva la propria professione facendo questo solenne giuramento: «Prometto di custodire fedelmente, integralmente e sinceramente tutti questi articoli e di custodirli inviolati, senza deviarvi in ​​alcun modo né nell’insegnamento né in alcun modo a parole o in scrivere. Così lo prometto, questo lo giuro, quindi aiutami Dio”.
 

Un grande errore della nostra epoca

Papa Pio X definì il modernismo come “la sintesi di tutte le eresie” e spiegò che “il loro sistema [modernista] significa la distruzione non della sola religione cattolica, ma di tutte le religioni” ( Pascendi , Paragrafo 39).

Un’altra definizione di modernismo cattolico è il tentativo di reinterpretare gli insegnamenti della Chiesa cattolica tenendo conto di nuovi pensieri e concetti filosofici e scientifici. Ma le verità della Fede affermate dalla Chiesa e contenute nel Credo e in tutti i suoi infallibili insegnamenti non possono e non cambieranno. E anche la ragione ce lo insegnerebbe, poiché qualcosa che è universalmente vero come l’autorità della Scrittura, la natura di Cristo o la necessità del Battesimo è una verità che semplicemente non può mai cambiare .

Coloro che affermano che i dogmi possono cambiare contraddicono il Motu Proprio Sacrorum antistitum [2] di Papa San Pio X (per inciso, questo era un giuramento fatto da tutti i vescovi e sacerdoti che erano presenti al Concilio Vaticano II); Mirari Vos di Papa Gregorio XVI ; l’insegnamento del Concilio Vaticano I, specialmente il documento Pastor Aeternus ; e il “Quarto anatema del secondo Concilio ecumenico di Nicea”, che recita: “Se qualcuno rifiuta una tradizione scritta o non scritta della Chiesa, sia anatema”.
 

Un elenco di 255 dogmi della fede cattolica

Ci sono almeno 255 dogmi infallibili della fede cattolica. Quanti ne conosci? Fr. Peter Carota (RIP) qualche anno fa ha stilato un elenco di 255 dogmi. Consiglio vivamente di dedicare del tempo allo studio di questo elenco con la tua famiglia in modo da essere pienamente consapevole degli insegnamenti infallibili e immutabili della Chiesa su questi argomenti. È possibile scaricare un PDF di questo elenco qui .

[1] Quando la Santa Madre Chiesa o il Papa usano la frase “ anathema sit ” (dal latino “ sia anatema ”), è una scorciatoia ecclesiale per dire: “Sulla base dell’autorità di Cristo stesso, sappiamo che questo è infallibilmente vero e rimarrà vero per sempre. Ogni cattolico è obbligato a crederlo per rimanere nell’unica arca della salvezza. Se lo rifiuti consapevolmente e volontariamente, rischi la tua salvezza eterna.’

[2] Sacrorum Antistitum è il titolo latino dello stesso ‘Giuramento contro il Modernismo’. La maggior parte degli anglofoni lo conosce con quest’ultimo nome, ma incoraggiamo i nostri lettori a familiarizzare anche con la sua designazione formale. Vale la pena leggere (e rileggere) questo documento di una pagina. Il testo latino è ancora sul sito web del Vaticano e sono disponibili numerose traduzioni in inglese, ad esempio su fisheaters.com

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento