Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

1Come Lepanto ci insegna a confidare nella Madonna

Come Lepanto ci insegna a confidare nella Madonna
Come Lepanto ci insegna a confidare nella Madonna

Considerando il caos attuale oggi, la prima parola che mi viene in mente è Lepanto. Dobbiamo ricordare Lepanto perché questa grande battaglia è una lezione per il nostro tempo.

Ricorre il 450° anniversario della Battaglia di Lepanto. Fu la famosa battaglia navale al largo delle coste della Grecia, avvenuta il 7 ottobre 1571. Le forze della cristianità, in inferiorità numerica, affrontarono la potente flotta turca.

Questa battaglia è allo stesso tempo simile e diversa dalla battaglia dei nostri giorni. Guardando la crisi interna alla società e alla Chiesa, possiamo facilmente vedere dei paralleli.

Somiglianze tra le nostre battaglie e Lepanto

Dai risultati di Lepanto dipendeva il futuro del cristianesimo. Oggi, il nostro futuro cattolico dipende dalla nostra lotta per difendere quel poco che resta della Fede contro la Rivoluzione.

L’odio che guida oggi la lotta della sinistra contro i resti della civiltà cristiana è lo stesso odio che cercò di distruggere la cristianità nel XVI secolo.

A Lepanto i difensori della Chiesa hanno dovuto combattere l’indifferenza, l’inerzia e perfino il tradimento di chi antepone i propri interessi e piaceri a quelli di Cristo. Oggi dobbiamo affrontare anche l’apatia, la letargia e il tradimento di coloro che hanno più da perdere se non combattono.

La Grande Sproporzione

Ci sono anche differenze tra noi e Lepanto.

La differenza più grande è che i nemici del cristianesimo oggi sono molto più grandi di quelli di Lepanto. I nemici sono ovunque, in tutti i campi della società.

Come afferma il Prof. Plinio Corrêa de Oliveira nel suo magistrale libro Rivoluzione e Controrivoluzione, siamo di fronte ad una Rivoluzione universale, una, totale, dominante e processiva.

E le nostre forze sono molto, molto più piccole. Siamo una Controrivoluzione non proporzionale al nemico dominante. Non abbiamo il potere e l’influenza schiacciante che ha l’altra parte.

La piaga del rispetto umano

La seconda differenza è che gli eroi di Lepanto godevano ovunque delle lodi e degli applausi dei cattolici. Tutti pregavano per il loro successo. Tuttavia, affrontiamo opposizione sia all’interno che all’esterno della Chiesa. Dobbiamo affrontare il mondo, la carne e il diavolo in tutte le loro manifestazioni rivoluzionarie. Ci troviamo di fronte al ridicolo, all’indifferenza e al disprezzo.

Scopri tutto sulle profezie di Nostra Signora del Buon Successo sui nostri tempi

Il rispetto umano fa sì che le persone si preoccupino di ciò che gli altri pensano di loro. Pertanto, le persone si rifiutano di protestare contro la blasfemia o di pregare nella pubblica piazza perché temono il disprezzo del pubblico.

Di conseguenza, il Prof. Plinio Corrêa de Oliveira ha affermato che oggi ci vuole molto più coraggio per scendere nelle strade ostili che per combattere tra i gloriosi consensi di Lepanto.

La crisi nella Chiesa

La terza differenza è che gli eroi di Lepanto non dovettero affrontare la grave crisi interna alla Chiesa. Avevano a capo un santo. Papa San Pio V organizzò le forze contro l’Islam. Che differenza rispetto alla nostra situazione odierna.

Oggi affrontiamo la persecuzione dei pastori che dovrebbero proteggerci mentre combattiamo contro i più grandi nemici della Chiesa, compreso l’Islam. Siamo di fronte al dramma dei pastori che aiutano la causa dell’altra parte contro di noi.

La Chiesa non si è mai trovata ad affrontare una situazione del genere. Questa situazione è il motivo per cui dobbiamo guardare a Lepanto perché ha una lezione per noi di fronte a situazioni impossibili. Questo risultato finale ci darà il coraggio di andare avanti.

Il miracolo di Lepanto

Consideriamo cosa accadde nella battaglia di Lepanto.

Le due flotte si incontrarono e poi si intrecciarono. Il mare divenne un enorme campo di battaglia galleggiante con soldati che combattevano e morivano sui ponti delle navi.

Come la battaglia di Lepanto ci insegna a confidare nella Madonna
Alcune antiche fonti musulmane raccontano di un evento straordinario accaduto nel culmine della battaglia. All’improvviso, quando meno se lo aspettavano, questi musulmani riferirono di aver visto una signora vestita da regina nel cielo, che li fissava con uno sguardo così terrificante che persero coraggio e fuggirono.

Poiché la flotta cattolica era in inferiorità numerica, l’esito della battaglia era in dubbio. Sembrava che tutto fosse perduto e che la causa cattolica corresse il pericolo di essere travolta. La loro situazione era disperata. Ma continuarono comunque a combattere.

Le moderne fonti cattoliche progressiste non menzionano un fatto cruciale accaduto al culmine della battaglia. Tuttavia alcune antiche fonti musulmane raccontano di un evento straordinario.

All’improvviso, quando meno se lo aspettavano, questi musulmani riferirono di aver visto una signora vestita da regina nel cielo, che li fissava con uno sguardo così terrificante che persero coraggio e fuggirono.

La necessità di confidarsi con la Madonna

Questo fatto ci offre una lezione preziosa. Quando tutto sembra perduto, occorre confidare nella Madonna.

La scienza conferma: gli angeli portarono la casa della Madonna di Nazareth a Loreto

Serviamo la stessa regina che vinse la battaglia di Lepanto. Possiamo vincere oggi se confidiamo in lei. Può trasformare le situazioni più disperate in vittoria. Ella trasformerà il caos attuale nel trionfo del suo Cuore Immacolato promesso a Fatima!

Il più grande eroismo di Lepanto

Commentando la vittoria di Lepanto, il Prof. Plinio Corrêa de Oliviera ha detto che il più grande eroismo di coloro che combatterono a Lepanto non fu combattere i turchi. Ci è voluto molto coraggio, ma tutte le battaglie richiedono coraggio.

Secondo lui, l’eroismo più grande di quei cattolici era l’eroismo di credere che la battaglia sarebbe stata vinta dalla Madonna quando tutto sembrava perduto.

Statua incoronata della Madonna del Rosario a Granada
Il marchese di Santa Cruz, ammiraglio spagnolo, portò questa statua della Madonna del Rosario dalla sua città natale, Granada, alla battaglia di Lepanto. Pregò affinché lei intervenisse miracolosamente nella battaglia contro i turchi poiché aveva aiutato a convertire i mori a Granada dopo la sua riconquista nel 1492. La sua preghiera fu ascoltata. La vittoria di Lepanto salvò l’Europa.

Quell’atto di fiducia fu un atto di fedeltà in cui la voce interiore della grazia invitava ciascuna a confidare e pregare perché donasse la vittoria.

E ha regalato una vittoria spettacolare oltre ogni aspettativa!

Il noto pensatore cattolico affermava che a volte “la buona causa nel corso della Storia si trova in una situazione simile a quella degli eroi cattolici a Lepanto. Umanamente parlando tutto sembra perduto, ma la Madonna mette nella nostra anima la speranza che vincerà la battaglia per la maggior gloria di Dio ”.

Confidare nella Voce della Grazia

Il vero eroismo significa avere fiducia in questa voce. Dobbiamo essere fedeli a questa voce della grazia che ci riunisce tutti qui.

Alla tentazione di non credere, dobbiamo rispondere: «Più la situazione peggiora, più siamo vicini al suo intervento. La Madonna non mente. Questa voce che parla dentro di me è la sua voce!”

Quando sei scoraggiato dall’intensità della lotta intorno a te, pensa a Lepanto. Ascolta la voce della grazia e vai avanti. Credi nella nostra moderna Lepanto, una battaglia milioni di volte più disperata che non fa altro che aumentare la nostra certezza di vittoria.

Aggiornato il 2 novembre 2021.

principe Bertrand d’Orleans-Braganza 31 ottobre 2021

Articoli correlati

Il miracolo di Maui: Dio ci sta mandando un messaggio?

Il caro amico di San Giovanni Bosco, Luigi Comollo, gli appare dopo la morte

Come le cattive azioni di un uomo hanno influito sul miracolo del sole di Fatima

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.