Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

1Come i martiri, sopportate ogni cosa per amore di Dio

Come i martiri, sopportate ogni cosa per amore di Dio
Come i martiri, sopportate ogni cosa per amore di Dio

Dalla pazienza che mostrarono i martiri durante i loro supplizi, dovremmo imparare a soffrire con santa rassegnazione le croci e le afflizioni di questa vita; la povertà, la malattia, la persecuzione, gli insulti, l’ingiustizia e tutti gli altri mali non sono che sciocchezze se paragonati alle loro sofferenze. La riflessione che era volontà di Dio che soffrissero per il Suo amore era il loro unico conforto.

Anche noi nelle nostre tribolazioni dovremmo ricordare la necessità della rassegnazione alla Divina Volontà e, ricordando le sofferenze più dolorose dei martiri, dovremmo arrossire nel lamentarci. San Vincenzo de Paoli diceva: “La conformità alla Divina Volontà è un rimedio sovrano a tutti i mali”.

Può essere utile qui rimarcare, con sant’Agostino, che non è la tortura ma la causa che fa il martire. San Tommaso insegna che il martirio è subire la morte nell’esercizio di un atto di virtù. Da ciò si può dedurre che non solo chi per mano del carnefice offre la sua vita per la fede, ma chiunque muore per ottemperare alla Divina Volontà e per compiacere Dio, è un martire, poiché sacrificando se stesso alla divina Volontà amore, compie un atto della virtù più eccelsa.

Scopri tutto sull’anima vittima di Madre Mariana di Jesus Torres

Dobbiamo tutti pagare il grande debito della natura; sforziamoci dunque, nella santa preghiera, di ottenere la rassegnazione alla Divina Volontà per accogliere la morte e ogni tribolazione in conformità alle dispense della sua Provvidenza. Tutte le volte che compiremo questo atto di rassegnazione con sufficiente fervore, potremo sperare di essere resi partecipi dei meriti dei martiri. Santa Maria Maddalena de Pazzi, nel recitare il Gloria al Padre , chinava sempre il capo con lo stesso spirito con cui avrebbe fatto nel ricevere il colpo del carnefice.

Estratto tratto da Le Vittorie dei Martiri , Introduzione, p. 37.
Pubblicato nel numero di novembre/dicembre 2016 di Crusade Magazine.

Sant’Alfonso de’ Liguori 2 novembre 2016

Articoli correlati

Perché i santi innocenti sono martiri per la bontà di Dio

Come i Carmelitani di Compiègne conquistarono eroicamente il Paradiso

San Giovanni Fisher ci insegna ad avere vigilanza e serenità di fronte alla morte

I non cattolici possono essere martiri e dottori della Chiesa? Papa Francesco la pensa così

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.