Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

15La guerra giusta secondo l’insegnamento cattolico

La guerra giusta secondo l'insegnamento cattolico
La Chiesa insegna che l’azione militare è giustificata come mezzo per ristabilire l’ordine.

Dopo i brutali attacchi dell’11 settembre, gli Stati Uniti devono ancora una volta condurre una guerra in terra straniera.

Come sempre, viene in primo piano il problema della legittimità dell’uso dell’azione militare per la vendetta come mezzo per ristabilire la giustizia. Pertanto, è nell’interesse dei nostri lettori portare alla loro attenzione la dottrina cattolica tradizionale in materia.

Sant’Agostino (354-430)

Il grande sant’Agostino fornì le basi della dottrina cattolica sulla guerra giusta.

Considerando se la guerra è sempre cattiva o se ci sono circostanze in cui può essere giusta, ha scritto:

Secondo il Vangelo di San Luca, San Giovanni Battista predicò un battesimo di penitenza invitando tutti a convertirsi ea cambiare vita. Persone di ogni estrazione sociale venivano da lui e gli chiedevano cosa dovevano fare per cambiare. Questo precursore di Cristo ha risposto a ciascuno secondo le sue circostanze. “E anche i soldati lo interrogarono, dicendo: E cosa dobbiamo fare? E disse loro: Non fate violenza a nessuno; né calunniare alcun uomo; e accontentati della tua paga» (Lc 3,14).

Sant’Agostino commenta:

Se la religione cristiana proibiva del tutto la guerra, coloro che cercavano un consiglio salutare nel Vangelo avrebbero preferito ricevere il consiglio di gettare via le armi e di abbandonare del tutto il servizio militare. Al contrario, fu loro detto: ‘Non fate violenza a nessuno . . . e accontentati della tua paga». Se comandava loro di accontentarsi della loro paga, non proibiva di fare il soldato.

La vita militare è quindi di per sé perfettamente legittima. Se l’esercito come causa è legittimo, lo è anche il fine dell’esercito: fare la guerra.

Tuttavia, argomenta il santo, ci sono precetti evangelici come “non resistere al male”, o “porgere l’altra guancia”, che sembrano condannare l’uso della forza e quindi contraddire la liceità della vita militare e successivamente della guerra.

Egli risponde a queste obiezioni mostrando come questi precetti si applicano alla vita interiore e come bisogna essere mansueti anche quando si punisce un altro. Sulla base di ciò, Mosè condannò a morte gli idolatri ebrei, non per odio personale, ma per carità, impedendo loro così di rimanere nel peccato.

In tal modo l’insegnamento di sant’Agostino conclude che i mali derivanti dalla vita militare e non la stessa vita militare sono proibiti: «non prohibet militia, sed malitia».

Secondo il santo vescovo di Ippona, la guerra giusta deve cercare di ottenere o ristabilire la pace e, in questo senso, è uno strumento di pace. Per pace intende la tranquillità dell’ordine, la retta disposizione delle cose secondo il loro proprio fine.

Scopri tutto sulle profezie di Nostra Signora del buon successo sui nostri tempi

Sant’Agostino definisce anche la guerra giusta come un mezzo per ristabilire e rivendicare la giustizia violata, e ottenere così la pace. Quindi si può fare la guerra per punire una nazione per la violazione del giusto ordine. Tuttavia, nella concezione agostiniana della giustizia, questa vale non solo per il diritto naturale degli individui e dei popoli, ma anche per la giustizia dovuta a Dio come sovrano e signore. Così sia la violazione sistematica della legge naturale sia la negazione del giusto culto di Dio possono essere motivi di guerra giusta.

Allo stesso modo, la guerra giusta è stata ordinata da Dio stesso in molti episodi narrati nell’Antico Testamento. D’altra parte, la guerra giusta può essere intrapresa anche contro un Paese che si rifiuta di punire adeguatamente i propri cittadini che hanno agito ingiustamente contro una Nazione offesa.

In altre parole, secondo sant’Agostino, la guerra giusta può essere intrapresa quando si recuperano beni o situazioni legittime o quando si ristabilisce l’ordine e la giustizia violati da un popolo.

San Bernardo di Chiaravalle (1090-1153)

San Bernardo, il grande trovatore della Madonna, il mite mellifluo Dottore della Chiesa, fu anche un grande oratore e predicatore delle Crociate, fu il predicatore ufficiale della Seconda Crociata.

Nel suo famoso Opusculum, “De laude novae militae” (“Elogio della nuova cavalleria”), San Bernardo si rivolge ai Cavalieri Templari – utilizzando gli argomenti di Sant’Agostino sulla famosa risposta di San Giovanni Battista ai soldati – scrive:

Cosa poi? Se non è mai lecito a un cristiano colpire con la spada, perché il precursore del Salvatore ordinò ai soldati di accontentarsi della loro paga, e non piuttosto proibì loro di seguire questa chiamata?

Non intendo dire che i pagani debbano essere massacrati quando c’è altro modo per impedire loro di molestare e perseguitare i fedeli, ma solo che ora sembra meglio distruggerli piuttosto che la verga dei peccatori sia alzata sulla sorte dei giusti, e forse i giusti tendono le mani all’iniquità.

San Tommaso d’Aquino (1225-1274)

La guerra giusta secondo l'insegnamento cattolico
San Tommaso d’Aquino ha costruito e sviluppato ulteriormente gli insegnamenti della Chiesa sulla guerra giusta.

Questo più grande di tutti i Dottori della Chiesa sviluppò e completò la dottrina della guerra giusta sotto diversi aspetti.

Citando sant’Agostino, san Tommaso riprende l’argomento di san Giovanni Battista a favore della legittimità della vita militare e, quindi, della guerra e aggiunge molti altri punti.

Introdusse il concetto di bene comune come elemento fondante della liceità della guerra.

La professione militare deve avere come fine la difesa del bene pubblico, dei poveri e degli oppressi, del culto dovuto a Dio e della Chiesa. I soldati sono quindi strumenti di legittima autorità che prevengono o puniscono, anche con la morte, le malefatte dei criminali.

Citando le prediche di san Gregorio Magno, giustificò la pena capitale come mezzo per vendicare la giustizia offesa, correggere e incutere paura nel male, e così ristabilire e garantire sia la pace della società e della Chiesa sia la stabilità e la prosperità di una nazione. Tali azioni sono virtuose quando sono motivate dall’amore della giustizia e della carità.

Perché i soldati combattano in guerre giuste, spiegava il santo, occorre l’aiuto soprannaturale o divino, che sono le Virtù. La prima di tali virtù è la fortezza, aiuto soprannaturale che rende l’uomo più coraggioso e perseverante nella lotta.

L’azione bellicosa, ha aggiunto, può essere compiuta solo con saggezza e abilità, se fatta con prudenza, che dirige con rettitudine le azioni dell’uomo nella vita.

Secondo San Tommaso d’Aquino ci sono tre condizioni per una guerra giusta:

1) Deve essere dichiarato dalla legittima autorità. Dice san Paolo: «Non porta la spada invano, perché è ministro di Dio, vendicatore, per esercitare la sua ira su chi fa il male» (Rm 13,4).

2) La causa deve essere giusta. Cita sant’Agostino: “Si usa descrivere una guerra giusta come quella che vendica i torti, quando una nazione o uno stato deve essere punito, per aver rifiutato di riparare i torti inflitti dai suoi sudditi, o di restituire ciò che ha sequestrato Ingiustamente.”

3) Deve essere condotta con buona intenzione. “Poiché può accadere che la guerra sia dichiarata dalla legittima autorità, e per una giusta causa, e tuttavia sia resa illegittima per un’intenzione malvagia. Perciò Agostino dice (Contra Faust. xxii, 74): «La passione di far del male, la crudele sete di vendetta, uno spirito inpacifico e implacabile, la febbre della rivolta, la brama di potere e simili cose, tutte queste sono giustamente condannato in guerra’”.

Medici successivi

Teologi dopo san Tommaso come Francisco de Vitoria (1485-1546) e Francisco Suarez (1548-1617) completarono la teoria scolastica della guerra giusta con il principio di proporzionalità:

Oltre a una giusta causa, una convocazione per legittima autorità e una retta intenzione, questi teologi insegnano che ci deve essere un equilibrio tra il bene da recuperare o conservare, la situazione ingiusta da rimediare o prevenire, e i mali che necessariamente vengono nel scia della guerra, in particolare il numero di morti.

Tutti i mezzi pacifici devono essere esauriti prima di ricorrere alla guerra.

Questi teologi fanno notare che la necessità della giustificazione si applica solo alla guerra offensiva e non difensiva, poiché è evidente il principio della legittima difesa di fronte a un attacco.

Dottrina dei Papi

La suddetta dottrina dei Padri, Dottori della Chiesa e teologi, è stata accolta e incorporata nel Magistero della Chiesa così come è stata insegnata dai pontefici nel corso dei secoli.

Sotto il titolo generale “Guerra giusta al servizio del precetto divino della pace”, i monaci benedettini di Solesmes, in Francia, hanno riassunto sinteticamente l’insegnamento dei papi sulla guerra giusta:

L’ordine e la pace possono ricorrere alla forza. Ma la forza, di per sé, è incapace di ristabilire la pace, poiché la pace è il frutto dell’unione della giustizia e della carità.

Alcuni nemici della giustizia non possono essere indotti ad accettare le condizioni necessarie per la pace senza l’uso della forza.

L’importanza di un certo bene giustifica interamente la sua difesa con la forza contro un’aggressione ingiusta. La fede cattolica deve essere inclusa come un bene preziosissimo. È quindi legittimo difendere la Fede con l’uso delle armi.

Uno dei documenti pontifici richiamati dai Monaci di Solesmes, è l’Allocuzione al Comitato Militare del Congresso Americano, di Pio XII, l’8 ottobre 1947:

La legge e l’ordine possono a volte aver bisogno del forte braccio della forza. Alcuni nemici della giustizia possono essere portati a patti solo con la forza. Ma la forza dovrebbe essere tenuta sempre sotto controllo dalla legge e dall’ordine ed essere esercitata solo in loro difesa. Né alcun uomo è legge in se stesso.

Papi più recenti hanno insistito sul principio di proporzionalità e sui mezzi da impiegare nella difesa o nel recupero di un bene materiale o morale. Tuttavia, i principi fondamentali sono stati già esposti nei secoli dai grandi dottori e papi.

Luiz Sérgio Solimeo 9 aprile 2003

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.