Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

15In Cina: i legami economici si aprono, mentre la persecuzione religiosa si attenua

In Cina: i legami economici si aprono, mentre la persecuzione religiosa si attenua

Molti ritengono che l’immissione di denaro nell’economia cinese causerà automaticamente la caduta del comunismo e ripristinerà la libertà nella nazione in difficoltà. Tuttavia, nonostante il continuo aumento dei legami commerciali ed economici, le violazioni dei diritti umani e le persecuzioni religiose continuano ad affliggere i cinesi innocenti in tutto il Paese.

Un caso recente lo dimostra. Nella piccola cittadina montana di Tianjiajing, il governo sta progettando di far saltare con la dinamite un santuario centenario dedicato a Nostra Signora del Monte Carmelo, dove si svolge un pellegrinaggio annuale che attira 45-50mila fedeli. Il governo ha definito il pellegrinaggio una “attività religiosa illegale” e sta facendo di tutto per garantire che l’evento non accada.

I cinesi bloccano l’accesso al Santuario di Nostra Signora

Queste misure includono la requisizione del terreno del santuario, la chiusura di tutte le strade che si avvicinano al santuario e il distacco di 700 soldati che eseguono continuamente esercitazioni militari per intimidire eventuali manifestanti e perquisire chiunque si avvicini alla zona.

Scopri tutto sulle profezie di Nostra Signora del Buon Successo sui nostri tempi

Peggio ancora, il governo non permetterà ai fedeli di rimuovere una statua centenaria della Madonna delle Grazie e 14 antiche Via Crucis, insistendo affinché vengano fatte saltare in aria insieme al santuario.

Originariamente, il santuario fu costruito per ringraziare la Madonna per la protezione che aveva concesso ai cattolici locali durante la Ribellione dei Boxer. Forse ispirati da questa storia, i fedeli locali si sono ostinatamente impegnati a resistere alla distruzione del santuario, costi quel che costi.

Nostra Signora della Liberazione, Imperatrice della Cina

Secondo Asianews , un parrocchiano locale ha riferito: “Non cederemo mai, non abbiamo paura, difenderemo fino alla fine i nostri legittimi diritti”. Intanto i fedeli della diocesi hanno lanciato un appello ai cattolici di tutto il mondo, dicendo: “Chiediamo a tutti i nostri fratelli e sorelle nel Signore di pregare per noi e di diffondere il nostro messaggio a tutti i fedeli”.

Ispirato dal loro accorato appello, il sito web della TFP chiede a tutti i suoi lettori di pregare per i coraggiosi cattolici di Tianjiajing, diffondere la loro storia e inviare immediatamente un’e-mail all’ambasciatore degli Stati Uniti in Cina, Clark T. Randt, chiedendogli di intercedere per fermare questo abuso dei diritti umani e religiosi.

TFP.org 29 giugno 2007

Articoli correlati

Come le cattive azioni di un uomo hanno influito sul miracolo del sole di Fatima

Sant’Antonio Maria Claret: Missionario Apostolico, Campione Ultramontano e Frantumatore del Comunismo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.