Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

15Guerra giusta e offensiva pacifista alla sovranità

Guerra giusta e offensiva pacifista alla sovranità
Guerra giusta e offensiva pacifista alla sovranità

L’attenzione della nazione è giustamente focalizzata sulla guerra in Iraq, dove le forze armate americane e alleate sono coraggiosamente impegnate in battaglia. Allo stesso tempo, però, l’America è bloccata in una seconda guerra, altrettanto importante per la vittoria: la battaglia psicologica per l’opinione pubblica.

Entrambi sono difficili. Entrambi sono decisivi. Anche se le nostre truppe combattono coraggiosamente in Iraq, continuano le polemiche sul tema della guerra giusta e dell’“unilateralismo” americano. Il dibattito è tanto più importante perché c’è il pericolo che mentre vinciamo la guerra di terra, perdiamo la battaglia delle idee nell’opinione pubblica.

Infatti, nella loro appassionata ricerca della pace ad ogni costo, alcuni oppositori della guerra perdono di vista importanti presupposti per la pace. Creano un clima emotivo che tende a ostacolare il pensiero chiaro ea deformare il dibattito. Ammettono la possibilità di una guerra giusta in teoria, ma sembrano negare che possa mai esserci una ragione sufficiente per intraprenderla in pratica. Sostengono che l’America non può fare la guerra senza l’approvazione delle Nazioni Unite e condannano l’America per essere “unilaterale”.

Tali argomentazioni sembrano basarsi sull’offuscamento del concetto di sovranità in generale, attribuendo alcune delle prerogative della sovranità a un’organizzazione internazionale.

Alla luce dell’importanza fondamentale della guerra delle idee in corso, la Società americana per la difesa della tradizione, della famiglia e della proprietà (TFP) presenta alcune delle questioni importanti relative alla guerra giusta e alla sovranità. Ciò avviene secondo i principi della legge naturale come inteso nella filosofia cattolica tradizionale, accolto dagli autori delle varie scuole e trovato nei trattati classici sull’argomento.

Certo, la pace è preferibile alla guerra e bisogna fare tutto ciò che è ragionevole per preservarla. La guerra è una misura estrema da utilizzare solo quando queste alternative ragionevoli sono esaurite e, nel fare la guerra, devono essere osservate tutte le disposizioni della guerra giusta.

La TFP americana presenta queste considerazioni nella speranza che aiutino la nostra Nazione a raggiungere un consenso sui principi fondamentali che stanno alla base del concetto stesso di sovranità degli Stati civili.

* * *

1. Lo stato, essendo una società perfetta, è anche l’autorità di ultima istanza. Non c’è altra autorità politica al di sopra di essa.

Lo Stato è una «società perfetta», cioè una società che possiede in sé tutti i poteri necessari per conseguire legalmente ed efficacemente il fine per il quale è stato istituito e un correlativo diritto all’obbedienza da parte di coloro che ne sono soggetti. Lo stato, quindi, ha “l’autosufficienza”. Ha “la completezza di un ordine globale, essenzialmente indipendente da qualsiasi altro ordine dello stesso tipo”.

Uno stato ha obblighi internazionali in quanto membro della comunità delle nazioni, ma “l’ordine internazionale è un ordine di coordinamento e non di subordinazione”.

I tribunali internazionali e le organizzazioni delle nazioni sono legittime e utili fintanto che sono liberamente accettate e rispettano la piena sovranità degli Stati membri. Tali organizzazioni internazionali, tuttavia, dipendono dagli Stati membri per la loro esistenza e non viceversa.

Infatti, come “società naturali”, stati sono antecedenti alle organizzazioni internazionali, che sono società “artificiali” o “convenzionali”. Questi non derivano direttamente e necessariamente dal diritto naturale perché la loro esistenza non è richiesta dalla natura sociale dell’uomo, come avviene per gli stati. In quanto società artificiali o convenzionali, le organizzazioni internazionali sono liberamente costituite dagli Stati, che vi aderiscono o ne escono nella misura in cui aiutano o ostacolano gli Stati nel raggiungimento dei loro fini.

2. Uno stato sovrano ha il diritto di far valere i suoi diritti societari e quelli dei suoi cittadini, che possono essere violati o minacciati da altri stati. Pertanto, uno Stato sovrano può fare la guerra indipendentemente da qualsiasi autorizzazione delle organizzazioni internazionali quando il ricorso all’arbitrato internazionale si rivela insufficiente o inadeguato a salvaguardare tali diritti.

Questa conclusione deriva dalla precedente. Aderendo alle organizzazioni internazionali, uno Stato sovrano non può rinunciare a quegli obblighi che sono la sua raison d’être , compresa la difesa dei suoi legittimi interessi di entità politica sovrana e dei legittimi diritti e interessi dei suoi cittadini. Se uno Stato non potesse ricorrere alla guerra quando l’arbitrato internazionale si rivelasse insufficiente a salvaguardare i suoi legittimi diritti e interessi, o se la guerra dipendesse dall’autorizzazione di qualche organizzazione internazionale, allo Stato mancherebbero tutti i poteri necessari per raggiungere legalmente ed efficacemente il fine per il quale si fu fondato.

In mancanza di questo potere, lo Stato cesserebbe di esistere come Stato sovrano, in quanto mancherebbe di un attributo della sovranità: il potere di decidere autonomamente i mezzi necessari per raggiungere i propri fini. Questo potere decisionale include necessariamente il diritto di coercizione, cioè il diritto di imporre le proprie decisioni con la forza. Senza il diritto alla coercizione, la sovranità diventa una parola vuota. Sul piano internazionale, questo diritto di coercizione si traduce nel diritto di fare la guerra, che non è che «un esempio del potere morale generale della coercizione, vale a dire di servirsi della forza fisica per conservare i propri diritti inviolabili».

3. Secondo il diritto naturale, una nazione non ha bisogno di attendere un attacco ingiusto per esercitare il proprio diritto all’autodifesa; una minaccia seria e fondata è sufficiente perché il paese minacciato si difenda dal potenziale aggressore con un attacco preventivo.

Il diritto all’autodifesa di una nazione comprende non solo la risposta a un attacco ai suoi diritti ea quelli dei suoi cittadini, ma anche la prevenzione di una probabile aggressione mediante un attacco preventivo. Tale azione preventiva è offensiva solo in apparenza.

Se fosse illegale per un governo prudente contrastare l’aggressione che fonti attendibili gli consentono di prevedere, il legittimo diritto della nazione all’autodifesa verrebbe troncato. L’esperienza dimostra che essere in grado di colpire per primi a volte è l’unico modo per sopravvivere a un’aggressione. Quindi, è legittimo, secondo la legge naturale, che un governo prevenga un probabile attacco, neutralizzando con la forza il probabile aggressore quando non c’è altra alternativa.

In effetti, nessun paese ha l’obbligo di esporre i propri soldati, persone e risorse a pericoli inutili. L’attesa che si verifichi un attacco di solito si traduce in una maggiore perdita di vite e risorse rispetto a un primo attacco volto a prevenirlo. Pertanto, il paese minacciato ha il diritto e, a seconda delle circostanze, il dovere di prevenire tali danni a se stesso mediante la prevenzione. Tale azione energica è richiesta dalle virtù della prudenza, della giustizia e persino della carità, che i governi devono esercitare nel perseguire il bene comune dei loro popoli. Quindi è non solo lecito ma, in certi casi, imperativo, condurre una guerra preventiva-difensiva che, come si è detto, è offensiva solo in apparenza.

Questo principio è tanto più valido nella guerra moderna. Data l’esistenza di armi di distruzione di massa, un governo che aspetta che si verifichi un attacco mancherebbe al suo dovere naturale di proteggere il suo popolo.

4. Le nazioni possono usare la forza non solo per autodifesa, ma per chiedere riparazione di beni fisici o morali violati, come l’onore, o per aiutare le nazioni alleate o più deboli attaccate ingiustamente. Così facendo, le nazioni ristabiliscono l’ordine internazionale e la vera pace.

Mentre gli individui possono appellarsi all’autorità pubblica per far valere o recuperare i propri diritti, lo stato non ha tale ricorso perché è la massima autorità politica. Pertanto, quando i diritti di uno Stato e quelli del suo popolo non possono essere sufficientemente garantiti altrimenti, può usare la forza.

La storia dimostra che la guerra è a volte l’unico mezzo di cui uno Stato può avvalersi per garantire la propria sicurezza e sopravvivenza contro gli attacchi o le pretese ingiuste di altri Stati o per far valere diritti fondamentali cui non può rinunciare senza grave danno o disonore.

Questo diritto a fare la guerra, che a volte può essere un dovere, va oltre le azioni militari strettamente difensive. Include anche azioni offensive.

Le ragioni della guerra offensiva sono generalmente legate a gravi danni subiti dagli stati. Alcuni degli esempi forniti dai filosofi cattolici sono: costringere i ribelli alla sottomissione; recuperare province o città da un nemico; vendicare una grave offesa al capo dello stato o alla nazione; punire un’altra nazione per aver aiutato un nemico ingiusto; aiutare un alleato; punire le nazioni per la violazione dei trattati; chiedere riparazione per la violazione dei diritti garantiti dal diritto internazionale.

Come detto sopra, queste guerre sono offensive solo in apparenza; infatti, sono difensivi. Queste guerre cercano di ristabilire l’ordine internazionale in una vera pace. “La pace non è turbata dalla dichiarazione di guerra, ma dalla violazione dei diritti nell’ordinamento giuridico, che di fatto rende necessaria una dichiarazione di guerra”.

5. La distinzione tra guerre difensive e guerre offensive è del tutto secondaria. Ciò che conta è se una guerra è giusta o meno.

Le guerre offensive possono essere giuste e le guerre difensive possono essere ingiuste. A volte, la nazione attaccata è la vera causa della guerra, non la nazione che ha iniziato l’attacco. Quando ciò accade, la nazione attaccata reagisce con una guerra difensiva che è ingiusta in causa , perché la nazione avrebbe dovuto evitare la provocazione che ha portato all’attacco originario. Quindi, la nazione che inizia l’attacco è solo un aggressore materiale, non formale. Non avrebbe attaccato se non fosse stato per il fatto che i suoi diritti sono stati ingiustamente violati. La nazione attaccante non è responsabile di una guerra resa necessaria dalle azioni di un’altra.

Di conseguenza, la distinzione tra guerra giusta e ingiusta non è identica alla distinzione tra guerra offensiva e guerra difensiva.

6. La guerra giusta non si oppone alla carità; è un atto di carità fare la guerra per liberare un popolo oppresso da un tiranno.

La guerra giusta non è contraria alla virtù della carità. Tutte le virtù sono armoniosamente correlate, quindi non può esserci conflitto tra le virtù della giustizia e della carità. Non si può infatti supporre che Dio, supremo Autore e Legislatore della natura, conceda agli individui il diritto all’autodifesa e alle società il diritto alla guerra, vietando loro l’esercizio di questi diritti per un imperativo di carità. Se così fosse, il diritto all’autodifesa sarebbe inutile e assurdo. Una tale contraddizione non reggerebbe alla ragione ed è ripugnante alla sapienza divina.

Inoltre, la guerra giusta mira a ristabilire la pace, che sant’Agostino definisce “la tranquillità dell’ordine”. In questo senso, una guerra giusta può essere vista sia come un atto di giustizia sia come un atto di carità sociale, compiuto su larga scala, tra la famiglia delle nazioni.

È anche un atto di carità venire in aiuto dei popoli ingiustamente oppressi, per “gli innocenti hanno il diritto di resistere, la carità chiede assistenza, e lo Stato che interviene può giustamente assumere la comunicazione del diritto degli innocenti di esercitare in loro favore l’estrema coercizione”.

7. Il principio che tutti i mezzi pacifici devono essere esauriti prima di ricorrere alla guerra non dovrebbe essere inteso in un modo che provocherebbe una paralisi senza fine. Ciò equivarrebbe a negare, in pratica, ciò che è accettato in teoria, vale a dire la legittimità della guerra.

Si può discutere all’infinito se tutti i possibili mezzi pacifici per evitare la guerra siano stati esauriti, perché non esiste alcuna autorità con il potere di prendere decisioni infallibili in queste materie. Tale autorità non è stabilita nella legge naturale, né esiste per istituzione divina. Quindi, in linea di principio, spetta alle autorità politiche deputate alla dichiarazione di guerra giudicare, secondo la prudenza e i mezzi a loro disposizione, se tutte le soluzioni pacifiche siano esaurite o meno e il ricorso alla guerra sia giustificato.

Inoltre, il requisito secondo cui tutti i mezzi pacifici devono essere esauriti prima dell’inizio della guerra non deve essere inteso in modo così rigoroso da portare alla completa inazione. Quando è immerso nel dubbio, l’uomo non può agire. Mal applicata, questa esigenza potrebbe determinare una completa separazione tra principi e azione, negando in pratica la legittimità di ciò che è accettato in teoria. Pertanto, sebbene legittima in teoria, la guerra non sarebbe mai legittima in pratica.

Dire che una nazione non può ricorrere alle armi finché non siano state perseguite tutte le possibili soluzioni pacifiche significa tutte le possibilità ragionevoli e pratiche. Non significa tutte le possibilità teoriche, il cui numero è infinito.

8. Il fatto che la guerra non sia un fenomeno inevitabile come i disastri naturali non significa che la guerra possa sempre essere evitata.

La pace è un bene preziosissimo e bisogna fare ogni sforzo per preservarla. “Ordine, pace e armonia”, scrive Plinio Corrêa de Oliveira, “sono caratteristiche essenziali di ogni anima ben formata e di ogni società ben costituita… L’ordine genera tranquillità, e ‘la tranquillità dell’ordine è pace'”.

Tuttavia, affermare che ogni guerra può essere evitata è ignorare la storia degli uomini e la stessa natura umana. È utopismo pacifista.

Anche la creazione di un superstato o di un’organizzazione sovranazionale dotata di alcuni attributi di sovranità non eliminerebbe la guerra ma trasformerebbe solo l’uso della forza in guerra civile se tra Stati membri, o azione punitiva di polizia se esercitata contro individui o gruppi sociali .

9. Sebbene gli individui debbano partecipare alla vita pubblica ed esprimere con prudenza le loro opinioni, l’ultima parola su guerra e pace spetta al governo.

Ci sono diversi motivi per cui il diritto di decidere su guerra e pace è una prerogativa del governo:

a) Il dovere di difendere un diritto spetta in primo luogo a chi lo detiene o ne è il custode naturale. Lo stato è il custode naturale dei diritti del suo popolo. Essendo la guerra l’esercizio del potere di coercizione tra le nazioni nella legittima difesa dei propri diritti e dei diritti del proprio popolo, spetta allo Stato, attraverso le sue autorità competenti, decidere a favore o contro la guerra.

(b) La salvaguardia dei diritti dei cittadini contro l’aggressione straniera è ordinariamente una questione di bene comune, poiché la guerra colpisce tutti. Pertanto, secondo la legge naturale, le decisioni sulla guerra e sulla pace spettano all’autorità responsabile del bene comune, che è lo Stato.

(c) La decisione finale sulle questioni pubbliche non può essere lasciata alle masse. Gli individui sono naturalmente inclini a curare i propri interessi, rendendo difficile il raggiungimento di un consenso su mezzi o obiettivi in ​​questioni di interesse pubblico. Nell’affrontare questioni urgenti di interesse generale, tuttavia, la nazione ha bisogno di unità, non di pluralità. Solo l’autorità comune può assicurare questa unità e armonizzare i diversi interessi. Pertanto, le decisioni in materia di bene comune, specialmente quelle gravi, appartengono all’autorità suprema dello Stato.

(d) Inoltre, solo il governo ha i mezzi per fare la guerra in modo efficace. Normalmente chi ha i mezzi dovrebbe decidere come impiegarli. Pertanto, la decisione di fare la guerra appartiene al governo.

(e) Da un altro punto di vista, la guerra comporta ovviamente dei rischi per l’intero paese. Secondo la legge naturale, è illecito mettere a rischio un intero paese, come avviene in una guerra, senza causa proporzionale. Ebbene, valutare questa proporzionalità richiede una grande quantità di dati che i comuni cittadini chiaramente non hanno. Pertanto, spetta al governo, piuttosto che ai cittadini, decidere sulla guerra e sulla pace.

10. La Divina Provvidenza si serve delle guerre tra gli uomini per eseguire i decreti della giustizia. Nonostante la sua natura tragica, la guerra è un’occasione per praticare virtù come la fortezza, la prudenza, la carità, il distacco, l’eroismo e il patriottismo.

Le nazioni si dichiarano guerra a vicenda per un motivo o per l’altro. Tuttavia, le guerre contribuiscono invariabilmente ai disegni della Divina Provvidenza. Infatti, senza ledere in alcun modo la libertà umana, la Sapienza divina raggiunge infallibilmente i suoi fini con forza e soavità. Quando Dio permette le terribili calamità che vengono con la guerra, sta perseguendo nell’ordine soprannaturale il suo piano divino per gli uomini.

Le nazioni, a differenza degli individui, non hanno vita eterna, quindi sono ricompensate o punite in questa vita. La Provvidenza si serve delle guerre condotte dagli uomini per eseguire i decreti della sua giustizia, poiché le guerre hanno conseguenze sia per gli individui che per le nazioni, considerate come gruppi umani. A volte, Dio punisce alcune nazioni attraverso l’azione di altre.

A livello individuale, Dio manifesta la Sua divina giustizia e misericordia in numerosi modi, comprese le guerre. Sebbene non tutti i peccatori si convertano con le terribili sofferenze e privazioni causate dalla guerra, molti si pentono, confessano le loro colpe e le espiascono. D’altra parte, le persone virtuose spesso migliorano. Nonostante la sua natura tragica, la guerra è un’occasione per praticare virtù come la fortezza, la prudenza, la carità, il distacco, l’eroismo e il patriottismo. La morte sul campo di battaglia, accettata con conformità soprannaturale, può avere un grande peso davanti alla Giustizia Divina per espiare non solo i propri peccati individuali, ma anche i peccati collettivi delle nazioni.

Questo aspetto soprannaturale della guerra non deve essere ignorato se si vuole comprendere la realtà della guerra nella sua interezza.

* * *

La guerra moderna ha una tale capacità di distruzione che ci si può chiedere se la guerra stessa non sia diventata illecita, o almeno se sia necessario rivedere la dottrina classica sulla guerra giusta.

Bisogna evitare i falsi dilemmi ben presentati da padre John Courtney Murray, SJ: “I falsi dilemmi sono: “(a) un morbido pacifismo contro un cinico duro realismo; (b) morte atomica universale contro resa completa… Questi perniciosi dilemmi rappresentano un’alternanza di alternative disperate al di sotto delle quali c’è l’abdicazione della ragione morale e la sottomissione al determinismo tecnologico.

Questa abdicazione comporterebbe la morte dell’ordine morale e giuridico, compresa la negazione del diritto naturale all’autodifesa e “l’esigenza del diritto naturale che il crimine sia punito e lo stato di diritto sostenuto”.

Il problema delle moderne armi di distruzione di massa non riguarda la giustizia della guerra stessa, ma piuttosto la prudenza dell’andare in guerra. È necessario che le ragioni della guerra siano di tale gravità da essere proporzionali alla distruzione temuta. “[I] qui sono diritti e beni, come la libertà o la libertà nazionale, che a giudizio delle persone buone e oneste e secondo il buon senso del popolo vale la pena difendere a costo di sopportare gli orrori e la distruzione di un moderno guerra.”

Come afferma Papa Pio XII: “Tra questi beni alcuni sono così importanti per la convivenza dell’uomo nella società che la loro difesa contro ingiuste aggressioni è indubbiamente pienamente legittima. Per solidarietà, tutte le nazioni sono obbligate a partecipare a questa difesa e non devono abbandonare la nazione attaccata. L’assicurazione che questo dovere collettivo non sarà trascurato funge da deterrente per l’aggressore, e quindi aiuta a prevenire la guerra, o almeno, nel peggiore dei casi, ad abbreviare le sofferenze.

Se ciò non fosse vero, scomparirebbe sia l’ordine nazionale che quello internazionale e, con esso, la pace, perché uno Stato sarebbe precluso a difendere i propri diritti e quelli del suo popolo, e diventerebbe ostaggio del ricatto di poteri senza scrupoli.

* * *

La pace, in quanto tale, è un bene inestimabile che deve essere acquisito e mantenuto con tutti i mezzi onesti, poiché la pace è “la tranquillità dell’ordine”. È il più grande bene delle nazioni nell’ordine naturale.

Tutte le nazioni sono obbligate a lottare per la vera pace, anche se questo significa, a volte, entrare in guerra. Questa è la pace che desideriamo per l’America. Preghiamo perché Maria Santissima, l’Immacolata Concezione come Patrona del nostro Paese, ce la ottenga dal suo Divin Figlio, il Principe della Pace.

Possa Dio concedere all’America coraggio in mezzo al pericolo, costanza in mezzo alle avversità e magnanimità nella vittoria.

25 marzo 2003
La TFP americana

Articoli correlati

Rivoluzione e controrivoluzione

Se desideri la pace, preparati alla guerra

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.