Infine, Il Mio Cuore Immacolato Trionferà!

13Il Portogallo salvato dal rosario (1974-1975)

C’è ancora un altro esempio in cui il Portogallo è stato particolarmente benedetto dalla protezione della Madonna, questa volta perché i laici si sono uniti in preghiera a Lei attraverso l’arma del Rosario.

Il 25 aprile 1974 i comunisti salgono al potere in Portogallo. La stessa notte, a Fatima, un piccolo gruppo di devoti della Madonna ha trascorso la notte in preghiera davanti a Nostro Signore nel Santissimo Sacramento.

Cercarono la Guida Divina per la liberazione dal grande male che aveva colpito il loro paese. Hanno concluso la mattina seguente che, come l’Austria, che è stata liberata dal comunismo nel 1955 da una campagna del rosario – in cui sono stati recitati milioni di rosari per quel paese – il Portogallo dovrebbe rivolgersi al Rosario della Madonna per chiedere aiuto.

Il Vescovo di Fatima ha ascoltato il loro suggerimento di lanciare una campagna del Rosario per la nazione da Fatima. Il vescovo li ha inviati al Rettore del Santuario di Fatima, Padre Guerra, che ha detto loro che non voleva lanciare la campagna da Fatima. Pertanto, gli apostoli della Crociata Nazionale del Rosario in Portogallo si recarono a nord nella parte più cattolica del Portogallo, vicino a Braga, nella vicina città di Guimares, dove il re Denis stabilì la prima capitale del Portogallo. Lì, il 28 aprile 1974, lanciarono la crociata.

Si misero discretamente a chiedere ai loro vicini, uno per uno, di unirsi alla crociata per liberare il loro paese. Temevano di parlare o pubblicare troppo apertamente la loro richiesta che le persone si impegnassero a recitare almeno cinque decadi del Rosario al giorno per il loro Paese, ora tenuto dai comunisti.

Fu nel novembre del 1975, quasi diciotto mesi dopo l’inizio della Crociata del Rosario, che i comunisti furono rimossi dal potere.

Fonte: Il Centro di Fatima

Lascia un commento